La chiesa-torre di legno di Torzhok: un capolavoro da salvare

Torzhok. Chiesa dell’Icona di Tikhvin della Vergine (Antica chiesa dell’Ascensione). Veduta dell’interno della torre. 18 agosto 2006

Torzhok. Chiesa dell’Icona di Tikhvin della Vergine (Antica chiesa dell’Ascensione). Veduta dell’interno della torre. 18 agosto 2006

William Brumfield
È uno degli esempi architettonici più stupefacenti della Russia, ma purtroppo versa in condizioni precarie. Ecco com’era (grazie alle foto a colori scattate da Sergej Prokudin-Gorskij a inizio Novecento) e com’è

All’inizio del XX secolo, il chimico e fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij inventò un complesso procedimento per ottenere vivide e dettagliate fotografie a colori (vedi il paragrafo in basso). Stimolato dal nuovo metodo a registrare la variegata realtà dell’Impero russo, intraprese numerosi viaggi, in un lasso di tempo di tredici anni
La sua visione della fotografia come forma di educazione e di comprensione dell’esistente è stata espressa con particolare chiarezza attraverso le sue fotografie dell’architettura medievale negli insediamenti storici in giro per la Russia.

Come parte dei suoi viaggi nella zona dell’alto Volga nell’estate del 1910, Prokudin-Gorskij fotografò l’antica città di Torzhok, situata 63 chilometri a ovest di Tver (265 a nord di Mosca). Le mie numerose visite a Torzhok si sono verificate tra il 1994 e il 2010. Torzhok è stata citata in fonti scritte sin dal 1138, ma sicuramente esisteva come insediamento molto prima, e prosperò come centro commerciale situato sul fiume Tvertsa proprio sopra la sua confluenza con il Volga. (Il suo nome deriva dalla parola torg, ovvero “commercio”.)

Come avamposto del centro commerciale medievale di Velikij Novgorod, la città è stata spesso contesa. L’ascesa del potere moscovita nel XV secolo portò alla fine dell’indipendenza di Novgorod negli anni Ottanta del Quattrocento, e nel 1478, Torzhok entrò nei domini del sovrano di Mosca Ivan III (il Grande).
La caratteristica storica dominante di Torzhok è il maestoso Monastero dei Santi Boris e Gleb, situato sulla riva destra (ovest) del fiume Tvertsa e che, secondo le fonti della Chiesa, fu fondato nel 1038. Il monastero è stato oggetto di diverse fotografie di Prokudin-Gorskij, e io l’ho documentato in dettaglio.

Non meno notevole è la chiesa in legno dell’icona di Tikhvin della Vergine, situata a poche centinaia di metri a valle sulla stessa riva, e scarsamente visibile in una delle vedute generali di Prokudin-Gorskij del monastero di Boris e Gleb. il fotografo di inizio Novecento era ovviamente affascinato da questa torre di tronchi, che è tra le poche chiese di legno che ha fotografato. Le mie fimmagini della chiesa sono state fortunatamente scattate prima della comparsa delle impalcature di restauro nel 2007.

La chiesa era originariamente dedicata all’Ascensione: una dedica usata appropriatamente per le chiese torreggianti che svettano verso il cielo, come la famosa Chiesa dell’Ascensione di Mosca a Kolomenskoe

Un capolavoro di costruzioni in legno

Sebbene la data di costruzione della chiesa di Tikhvin sia oggetto di dibattito, una versione afferma che una chiesa di legno fu costruita in questo luogo nel 1650 e poi ricostruita nella sua forma attuale nel 1717. La stupefacente torre sembra sfidare la gravità mentre sale per 34 metri in tre ordini ottagonali a base quadrata poggiante su un fondamento di pietra. Il lato ovest del primo livello è abbellito da un piccolo vestibolo, e il lato est ha un abside ad un piano contenente l’altare.

Per la maggior parte, la Chiesa di Tikhvin è costituita da tronchi di pino strettamente aderenti, uniti con estremità dentellate. I tronchi dell’abside, tuttavia, erano squadrati e montati con un incastro a coda di rondine più stretto. L’equilibrio e le proporzioni sono mozzafiato. La torre è coronata da un’unica grande cupola sostenuta da un cilindro sottile. Sebbene alcuni altri esempi di chiese a più livelli siano sopravvissuti in Russia, nessuno rivaleggia con l’altezza di questa.

Nel corso di un secolo, la chiesa fu frequentemente modificata. Nei primi anni del 1780, la fondazione fu rinforzata con blocchi di calcare estratti nella vicina Staritsa (gli edifici di tronchi erano frequentemente rinforzati in questo modo). Nello stesso periodo, la copertura a tavole fu sostituita con una guaina metallica. Nel 1806, l’estremità ovest del vestibolo venne ampliata con l’aggiunta di un nartece, visibile nella vista di Prokudin-Gorskij. Anche le tegole della cupola e del tamburo furono sostituite con guaine metalliche, a quanto pare nel 1828.
Nel 1852-54 una nuova Chiesa dell’Ascensione fu costruita in mattoni nelle vicinanze, e la chiesa di legno cadde in rovina. Grazie alla sua insolita forma arcaica, il clero locale fu persuaso a ripararla. Durante questo processo, le finestre sono state ingrandite e l’esterno è stato coperto con rivestimenti laterali. Nel 1883 fu riconsacrata all’icona di Tikhvin della Vergine, sebbene continuasse a essere conosciuta come la Vecchia Chiesa dell’Ascensione.

È una fortuna che Prokudin-Gorskij abbia fotografato l’interno inferiore della Chiesa di Tikhvin. La sua visuale dal vestibolo verso est mostra l’icona di Tikhvin (a sinistra) in una elaborata cornice di metallo. Oltre l’arco c’è una iconostasi con la Porta Reale che mostra l’Annunciazione (Arcangelo Gabriele e Maria).

Chiusura, rovina e ricostruzione
La chiesa fu chiusa dalle autorità sovietiche nel 1929 e l’iconostasi e altri oggetti sacri visibili nella fotografia di Prokudin-Gorskij furono saccheggiati. Nondimeno, molte pitture murali interne sono sopravvissute nella struttura della torre vera e propria, come mostrano le mie fotografie. I livelli superiori hanno immagini del XVIII secolo raffiguranti la Vergine Maria e i padri della chiesa, eseguiti in stile naïf con colori a tempera. Sono inoltre visibili temi floreali decorativi nei colori vivaci tipici dell’arte popolare. Altri dipinti murali furono creati nella parte inferiore della chiesa alla fine del XIX secolo.

Il processo di Prokudin-Gorskij di tre esposizioni sequenziali con una grande macchina fotografica non permetteva di scattare immagini verso l’alto, ma una chiara fotografia in bianco e nero dell’interno è stata pubblicata nell’inestimabile serie di tesori culturali della Russia di Jurij Shamurin. In effetti, è raro avere una vista aperta verso l’alto all’interno delle chiese a torre in legno. Tali interni erano generalmente coperti al livello inferiore da un soffitto, o “paradiso”, che veniva spesso dipinto. In questa chiesa, i tronchi della torre sono stati lavorati in modo tale da creare una superficie interna piana.

Le mie fotografie rivelano lo stato degli interni nel 2006. La parte inferiore del muro est mostra i contorni spettrali dell’iconostasi andata perduta. I livelli superiori mostrano dipinti murali in condizioni relativamente buone. In alto sono visibili le travi che prima erano coperte da un pannello dipinto a tempera con un’immagine della Santissima Trinità. Il pannello è stato portato nel Museo di Torzhok.
Gli sforzi di restauro tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli anni Ottanta del Novecento hanno rimosso gran parte delle assi dall’esterno e smantellato il nartece, lasciando il piccolo vestibolo e un piccolo portico. Le finestre sono state restituite alle dimensioni più piccole, ma il restauro progettato non è stato completato.

Nel 2006, la chiesa è stata riaperta al culto, come dimostrano le mie fotografie di quell’anno, eppure le sue condizioni sono rimaste troppo fragili per poter ospitare celebrazioni religiose regolari. La ripresa dei lavori di restauro nel 2007 ha portato alla presenza apparentemente interminabile di impalcature che hanno oscurato gran parte della struttura, in particolare la parte inferiore. Sebbene il ponteggio sia stato recentemente smontato e travi di rinforzo siano state posizionate sulla struttura inferiore, le condizioni delle pareti inferiori continuano a deteriorarsi. Si spera che si troveranno i mezzi per ripristinare l’antica Chiesa dell’Ascensione dell’Icona di Tikhvin, una delle strutture in legno più sorprendenti e meravigliose di Russia.

Prokudin-Gorskij, il suo metodo e la sua eredità

Nei primi anni del XX secolo il fotografo russo Sergej Prokudin-Gorskij inventò un complesso procedimento per ottenere fotografie a colori. Tra il 1903 e il 1916 viaggiò per l’Impero Russo e scattò oltre 2.000 foto con il nuovo metodo, che prevedeva tre esposizioni su una lastra di vetro. Nell’agosto del 1918 lasciò la Russia con gran parte della sua collezione di negativi su vetro e si stabilì in Europa. Dopo la sua morte, a Parigi, nel 1944, i suoi eredi vendettero la collezione alla Libreria del Congresso Usa. All’inizio del XXI secolo la Libreria del Congresso ha digitalizzato le immagini di Prokudin-Gorskij, rendendo le foto pubblicamente e gratuitamente disponibili al pubblico mondiale. Un gran numero di siti russi ora ha una copia della collezione. Nel 1986 lo storico dell’architettura e fotografo William Brumfield organizzò la prima mostra delle foto di Prokudin-Gorskij alla Libreria del Congresso. In un lungo periodo di lavoro, cominciato agli inizi degli anni Settanta del Novecento, Brumfield ha rifotografato la gran parte dei luoghi visitati da Prokudin-Gorskij. Questa serie di articoli mette a confronto questi complessi architettonici a circa un secolo di distanza.

La cittadina di Torzhok è famosa anche per i ricami in oro, che piacevano allo zar quanto a Stalin, e sono ancora molto apprezzati nella Russia moderna. Eccoli 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie