Come i figli dei leader sovietici combatterono nella Seconda guerra mondiale

Foto d’archivio; Wolfram von Richthofen
Durante la guerra contro la Germania nazista, i figli dei membri della leadership sovietica non godettero di alcun privilegio e combatterono nelle battaglie più sanguinose della storia accanto agli altri militari

1 / Yakov Dzhugashvili

Allo scoppio della Grande guerra patriottica, il figlio maggiore di Joseph Stalin, Yakov, che portava il vero cognome del leader sovietico, Dzhugashvili, era al comando di una batteria di artiglieria nel 14° Reggimento Howitzer della 20° Armata.

Jakov Dzhugashvili (1907-1943), figlio maggiore di Stalin, durante la prigionia in Germania

Ma la guerra per lui non durò a lungo: il 16 luglio 1941, durante i combattimenti in Bielorussia, fu fatto prigioniero.

I tedeschi capirono subito chi avevano catturato e cercarono in tutti i modi di convincerlo a collaborare. Yakov fu inflessibile e rifiutò ogni tipo di collaborazione: “Provo vergogna verso mio padre per non essere stato ucciso”, disse. 

Furono organizzate diverse missioni per salvare il tenente maggiore Dzhugashvili, ma tutte finirono in fallimento. La proposta tedesca che Stalin aveva ricevuto tramite la Croce Rossa di scambiare Yakov con dei generali catturati a Stalingrado fu categoricamente rifiutata dal leader sovietico, come abbiamo raccontato qui. “I tedeschi hanno proposto di scambiare Yasha (diminutivo di Yakov, ndr) con uno dei loro... Come se io volessi trattare con loro! No, la guerra è la guerra”, disse la figlia di Stalin, Svetlana Alliluyeva, riportando le parole di suo padre.

Il corpo senza vita di Jakov Dzhugashvili contro il filo spinato del Campo di concentramento di Sachsenhausen

Non essendo riusciti nel loro intento, i tedeschi cambiarono radicalmente il loro atteggiamento verso Yakov, riservandogli ogni tipo di crudeltà. Il 14 aprile 1943, Yakov Dzhugashvili si gettò sul filo spinato elettrificato del campo di concentramento di Sachsenhausen e fu immediatamente ucciso da una guardia. Non si sa ancora se volesse suicidarsi, fuggire o se l'intero incidente sia stato orchestrato dai tedeschi.

​​2 / Vasilij Stalin

All'inizio della guerra, il figlio più giovane di Stalin, Vasilij, che si era diplomato alla scuola di pilotaggio nel 1940, prestava servizio al quartier generale dell'aeronautica a Mosca. Non era contento di stare nelle retrovie e non voleva che la gente pensasse che aveva ottenuto una posizione comoda grazie a suo padre.

Vasilij Stalin (1921-1962)

Nell'estate del 1942, Vasilij Stalin riuscì finalmente ad assicurarsi un incarico al fronte, e nel febbraio dell'anno successivo fu nominato comandante del 32° Reggimento di Aviazione da Caccia delle Guardie. Partecipò attivamente a varie battaglie aeree, con 26 sortite durante le quali riuscì ad abbattere personalmente due aerei nemici.

“Nel febbraio-marzo 1943 abbiamo abbattuto una dozzina di aerei nemici, di cui tre con l’aiuto di Vasilij, - disse il comandante di squadriglia del suo reggimento, Sergej Dolgushin -. Il primo ad attaccarli era Vasilij; dopo di che gli aerei perdevano il controllo, e noi li finivamo. Secondo le nostre convenzioni di volo, quegli aerei potevano essere considerati abbattuti da Vasilij, ma lui preferiva considerarli come abbattuti grazie a un lavoro di squadra. Una volta ho sollevato la questione con lui, ma ha semplicemente agitato la mano e ha detto: ‘Non farlo’”. 

Il figlio del leader sovietico volava sempre in missione senza paracadute: aveva deciso lui stesso che non aveva il diritto di cadere vivo nelle mani del nemico.

Il colonnello Stalin arrivò alla fine della guerra come comandante della 286° Divisione di Aviazione da Caccia che partecipò all'operazione Berlino. Vasilij Iosifovich ricevette più di una dozzina di decorazioni militari, tra cui tre Ordini della Bandiera Rossa, uno dei più alti riconoscimenti dell'Unione Sovietica.

3 / Leonid Khrushchev

Leonid Khrushchev, il figlio del futuro leader dell'URSS, Nikita Khrushchev, divenne un pilota esperto molto prima della Seconda guerra mondiale: iniziò a volare nel 1933. Durante la guerra sovietico-finlandese, si arruolò come volontario per andare al fronte ed eseguì più di 30 sortite su un bombardiere Ar-2.

Leonid Khrushchev (1917-1943)

Allo scoppio della guerra con la Germania nazista, Khrushchev era in servizio nel 134° Reggimento di Aviazione Bombardieri ad Alta Velocità. Spesso faceva tre o quattro sortite al giorno, a volte anche senza la copertura dei caccia.

Il 26 luglio 1941, di ritorno da una missione, il suo aereo fu attaccato da un gruppo di caccia tedeschi. Leonid Nikitich riuscì a raggiungere il suo campo d'aviazione e ad atterrare, nonostante l’aereo fosse crivellato di proiettili nemici, ma si ferì gravemente a una gamba durante l'atterraggio. “L'aereo si è ribaltato. L'operatore radio è riuscito a uscire dal finestrino, il navigatore Blinov invece è stato ucciso in volo, e Leonid ha passato circa un'ora appeso a testa in giù nella cabina di pilotaggio. Con l'aiuto dei meccanici, è stato tirato fuori dall'abitacolo e mandato in ospedale con una brutta frattura alla gamba”, ha ricordato il suo compagno di servizio Viktor Fomin. 

Nell'inverno del 1942, Khrushchev tornò al fronte e fu premiato con l'Ordine della Bandiera Rossa per il coraggio dimostrato in battaglia. 

L'ultima battaglia del sottotenente Leonid Khrushchev ebbe luogo l'11 marzo 1943 vicino alla città di Zhizdra, a 300 km da Mosca. Il suo corpo non fu mai trovato, e per molto tempo fu dato per disperso.

4 / Timur Frunze

Timur Frunze aveva due padri, entrambi figure di alto livello nella leadership sovietica. Il padre naturale era un importante rivoluzionario e commissario del popolo (ministro) degli Affari Militari, Mikhail Frunze. Ma entrambi i genitori naturali di Timur morirono all’inizio degli anni ‘30 ed egli fu adottato dal successore di Frunze nel ruolo di commissario del popolo: Kliment Voroshilov.

Timur Frunze (1923-1942)

Avendo deciso di intraprendere la carriera militare, Timur Mikhailovich entrò in una scuola di artiglieria. Ma la sua passione era il volo e nel 1940 si laureò con lode in una scuola di pilotaggio militare.

Frunze avrebbe potuto diventare un vero asso: in meno di due settimane, sul fronte nord-occidentale, effettuò nove sortite e riuscì ad abbattere due aerei nemici da solo e un altro in gruppo come parte del 161° Reggimento di Aviazione da Caccia.

Ma il destino non diede a Timur Mikhailovich abbastanza tempo per realizzare appieno il suo potenziale: il 19 gennaio 1942, non lontano da Staraja Russa, il suo aereo si ritrovò coinvolto in una battaglia contro un gruppo di caccia tedeschi ed egli rimase ucciso.

5 / I fratelli Mikoyan

I tre figli di Anastas Mikoyan, vice presidente del Consiglio dei commissari del popolo dell'URSS, combatterono nella Seconda guerra mondiale. Come era consuetudine tra i figli dei leader sovietici, anche loro si unirono all'aviazione.

Aleksej, Stepan e Vladimir Mikojan, figli del commissario del popolo (ministro) Anastas Mikojan

Il figlio maggiore, Stepan, che serviva nell'11° Reggimento dell'Aviazione da Caccia, prese parte alla battaglia di Mosca, effettuando 10 sortite. Una di queste divenne quasi fatale per Stepan Anastasovich: il 16 gennaio 1942, il suo Yak-1 fu abbattuto per errore da un altro caccia sovietico. Il pilota riuscì a far atterrare il velivolo ormai in fiamme. Mikoyan, con ustioni e una gamba rotta, fu salvato dagli abitanti del villaggio locale, che lo portarono in un ospedale da campo.

Nell'autunno del 1942, Stepan Mikoyan tornò a volare e prese parte alla battaglia di Stalingrado.

Anche il fratello minore di Stepan, Vladimir, diplomatosi nel febbraio 1942 alla scuola di pilotaggio, partecipò alle stesse battaglie: a soli 18 anni, era il pilota più giovane del suo reggimento; ma fu ucciso nella sua prima sortita di combattimento il 18 settembre 1942.

Dopo la morte del fratello, Stepan fu temporaneamente sospeso dalle missioni di combattimento. Si dice che Stalin avesse convocato suo figlio Vasilij, il comandante del 32° Reggimento di Aviazione della Guardia, dove Stepan Mikoyan prestava servizio, e disse: “Timur Frunze è morto, Leonid Khrushchev è morto, Vladimir Mikoyan è morto. Puoi tenere almeno lui al sicuro?”. 

Prima che la guerra finisse, il capitano Stepan Mikoyan riuscì ad effettuare diverse decine di missioni di combattimento. Si unì anche alla scorta per la sorveglianza di aerei e treni particolarmente importanti.

Anche il terzo fratello Mikoyan - Aleksej - riuscì a sopravvivere. Come parte del 12° Reggimento dell'Aviazione da Caccia delle Guardie, effettuò 19 sortite; alla fine del 1944, a causa di un malfunzionamento della ruota durante l'atterraggio, rimase gravemente ferito. Ma dopo essere stato dimesso dall'ospedale, riprese a volare e continuò a farlo fino alla fine della guerra.

 

LEGGI ANCHE: Vita e destino dei cinque più stretti collaboratori di Stalin 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie