Quanti anni ha la Russia?

Hulton Fine Art, Corbis Historical/Getty Images; Kirill Braga/Sputnik
La Federazione Russa che conosciamo oggi compie trent’anni il 25 dicembre 2021, ma lo Stato russo è molto più antico…

Proprio come l’araba fenice, la Russia è risorta dalle proprie ceneri più volte. Da qui la confusione che molti hanno quando gli viene chiesto quanti anni ha la Russia. La domanda chiave è un’altra: esattamente di quale Russia stiamo parlando?

La Russia moderna

La Piazza Rossa di Mosca, agosto 1991

Un breve periodo di caotica lotta di potere nei corridoi della politica di Mosca tra la fine degli anni Ottanta e l’inizio degli anni Novanta  portò alla dissoluzione dell’Urss nel 1991.

LEGGI ANCHE: Perché la Russia si chiamava Urss? 

La Giornata della Russia, un giorno di festa nazionale celebrato ogni anno il 12 giugno, commemora l’adozione della Dichiarazione di sovranità della Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa (Rsfsr), e viene spesso confuso con il compleanno del moderno Stato russo post-sovietico. Tuttavia, è fuorviante rintracciare l’esistenza del moderno Stato russo (la Federazione Russa) nella dichiarazione adottata il 12 giugno 1990.

LEGGI ANCHE: Perché in Russia il 12 giugno è festa nazionale? 

Sebbene il documento abbia aperto la strada alla dissoluzione dell’Unione Sovietica, stabilendo la priorità delle leggi russe sulle leggi dell’Unione Sovietica, l’effettiva nascita del moderno Stato russo è avvenuta oltre un anno dopo, quando il Parlamento russo ha annunciato che il Paese si sarebbe chiamato “Russia” (“Россия”; “Rossija”) o “Federazione Russa” (“Российская Федерация”; “Rossijskaja Federatsija”) e l’Urss ha ufficialmente cessato di esistere. Era il 25 dicembre 1991.

Quindi, il moderno Stato russo compie 30 anni il 25 dicembre 2021.

L’Unione Sovietica

Nonostante questo reset storico, lo Stato russo è in realtà molto più vecchio di 30 anni. Intanto, per 69 anni prima dell’emergere della Russia come stato moderno e indipendente, il Paese, anche se con un nome diverso, quello di “Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa” (“Российская Советская Федеративная Социалистическая Республика”; “Rossijskaja Sovetskaja Federativnaja Sotsialisticheskaja Respublika”), spesso abbreviato in “Rsfrs”, faceva parte dell’Unione Sovietica, insieme ad altre quattordici repubbliche.

L’Unione Sovietica è esistita dal 30 dicembre 1922 fino alla dissoluzione del 25 dicembre 1991. E prima che l’Unione Sovietica fosse ufficialmente costituita, la Russia esisteva già sotto forma di Repubblica Socialista Federativa Sovietica Russa (Rsfsr) fin dalla Rivoluzione d’Ottobre del 1917.

Sommando il numero di anni in cui la Russia è esistita come Rsfsr, sia all’interno dell’Urss che prima della sua costituzione, con il numero di anni in cui la Russia esiste come moderno Stato indipendente, la Russia compie 104 anni il 7 novembre 2021.

L’impero russo e lo Zarato russo

Ivan III, granduca di Mosca

Il periodo spesso romanticizzato dell’Impero Russo terminò con la Rivoluzione del 1917, ma esisteva già da un po’ di tempo. È noto che fu Pietro il Grande a proclamarlo e a fare di se stesso il primo imperatore, il 2 novembre del 1721.

LEGGI ANCHE: Chi governava la Russia prima dei Romanov? 

Ma anche prima, lo Stato russo esisteva in una forma diversa, e Ivan il Terribile si proclamò Zar di tutte le Russie (“Царь и великий князь всея Руси”; “Tsar i velikij knjaz vseja Rusi”) il 16 gennaio 1547.

E già nel 1446 Dmitrij Shemjaka aveva iniziato a utilizzare, almeno sulle monete, il titolo di “Signore di tutta la terra russa” (“Господарь всея земли Русской”; “Gospodar vseja zemli Russokoj”), diventato poi con i suoi successori Basilio II e ufficialmente con Ivan III il Grande, “Signore di tutta la Rus’” (“Господарь всея Руси”; “Gospodar vseja Rusi” e poi “Государь всея Руси”; “Gosudar vseja Rusi”). 

E comunque, già dal 1283, con la formazione del Granducato di Mosca, catalizzatore del futuro Stato russo, i governanti moscoviti assunsero non di rado il titolo di “Gran Principe di tutta la Rus’” (“Великий князь всея Руси”; Velikij knjaz vseja Rusi”) che all’epoca significava, più che una pretesa territoriale, la non sottomissione agli altri gran principi delle terre russe.

Aggiungendo questo all’equazione, la Russia compie 738 anni nel 2021.

La chiamata dei Variaghi

Riproduzione del dipinto

Ufficialmente, tuttavia, si concorda di far risalire l’emergere dello Stato russo al IX secolo. Allora, secondo la Cronaca degli anni passati, il principe Rjurik fu chiamato dai popoli finnici e slavi orientali delle terre del nord-ovest affinché li governasse e mettesse fine ai loro continui scontri intestini. Si stabilì a Novgorod nell’862 e, così, fece ufficialmente iniziare la vita del primo Stato russo.

Ovviamente, affinché Rjurik fosse convocato, dovevano esserci persone che mandarono a chiamare lui e il suo entourage. Insomma qualcuno viveva sulle terre russe ben prima che fosse stabilita la dinastia Rjurikide. Tuttavia, è universalmente accettato di far risalire per convenzione la nascita dello Stato russo all’862.

Quindi, la prossima volta che qualcuno vi chiederà quanti anni ha la Russia, ora sapete che in questo nostro 2021 compie (almeno)… 1159 anni!


LEGGI ANCHE: Come si sono chiamati nella storia i governanti della Russia? No, non solo “zar” 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie