Lyuda e Galina, donne coraggio che batterono vari record in elicottero (e i pregiudizi maschilisti)

Galina Rastorgueva e Lyudmila Polyanskaya

Galina Rastorgueva e Lyudmila Polyanskaya

Foto d'archivio
Negli anni ‘70 queste due ragazze dovettero lottare non solo per mettersi ai comandi di un velivolo, ma per ottenere la possibilità di mettersi alla prova per battere i record di volo precedentemente segnati dai loro colleghi uomini. E vinsero

Il 13 agosto 1975, due donne sovietiche salirono a bordo di un Mi-24 (noto come “Hind” nei paesi della NATO) con l'intenzione di battere il record di velocità stabilito dagli elicotteri dell'epoca.

Ma prima di quel grande giorno, le due ragazze dovettero affrontare non poche difficoltà... 

“Volano come gli uomini”

Quando Galina Rastorgueva e Lyudmila Polyanskaya portarono un elicottero da 4.500 cavalli a 332 km/h, battendo il precedente record mondiale che era stato stabilito dagli uomini, ricevettero un elogio ufficiale formulato in linea con il carattere maschilista della società dell’epoca: “Volano come gli uomini”.

Con il senno di poi, Rastorgueva e Polyanskaya dovettero lavorare più duro dei loro colleghi maschi, non solo per realizzare il sogno di una vita, ma anche per avere la possibilità di volare.

Nel 1944 Galina aveva appena 8 anni quando suo padre, Viktor Rastorguev - pilota collaudatore - la fece salire a bordo di un aereo per farla volare con lui.

Mi-24

A 17 anni, Galina seguì le orme del padre (morto nel 1945 durante un fatale volo di prova; più tardi, un cratere sul lato oscuro della Luna fu chiamato in suo onore) e si iscrisse alla Scuola di Aviazione di Mosca. 

E anche se Galina si diplomò come pilota-istruttore, non poteva che sognare di guadagnarsi da vivere volando! Lavorò quindi come ingegnere aeronautico per cinque anni, prima di essere ammessa a un'altra scuola di volo, dove ottenne il diploma come pilota di elicotteri.

Galina Rastorgueva e Lyudmila Polyanskaya

Proprio come suo padre, Galina fu premiata con l'Ordine della Bandiera rossa per il suo lavoro nell'aviazione, e ottenne il permesso ufficiale per prepararsi a stabilire un nuovo record di velocità in elicottero. 

Anche la strada di Lyuda (Lyudmila) Polyanskaya verso la gloria fu lastricata di duro lavoro e dedizione. Trascorse la giovinezza in una casa vicino a un campo d'aviazione e fu incoraggiata dal padre a unirsi a un club di volo, dove imparò a volare e a lanciarsi con il paracadute. La dedizione di Polyanskaya attirò l'attenzione di Galina Rastorgueva che cercava un navigatore, una seconda donna in cabina e un complice nel suo progetto di battere il record mondiale.

Una valanga di record

L’estate del 1975 portò i frutti del duro lavoro che le donne avevano svolto nel corso della loro vita prima di quello storico volo. 

A bordo di una versione più leggera del Mi-24, spogliato di tutte le sue armi, le due donne pilota stabilirono quattro record mondiali femminili e due record mondiali assoluti. E ogni volo si rivelò una prova sia per loro, sia per l’apparecchio.

Galina Rastorgueva (a destra) e Lyudmila Polyanskaya, 1992

“Ogni volo è stato un esame molto difficile sia per l'equipaggio sia per l’apparecchio. Una volta, durante un volo di 1.000 km, abbiamo dovuto rimanere con il regime di decollo per un'ora e mezza. Di norma, questo regime non dura più di cinque o sei minuti. Le vibrazioni causate dalla velocità [...] e le turbolenze hanno rotto il tubo del carburante, e il carburante restante è uscito nell'abitacolo mentre il muso dell’elicottero era in una posizione bassa. Ha rovinato le scarpe e la valigetta del navigatore e puzzavamo di kerosene. Ma il livello di carburante era molto basso in quel momento, quindi siamo state fortunate”, disse Rastorgueva.

In totale, le due donne hanno stabilito otto record mondiali

Le due donne non hanno mai mollato: volevo a tutti i costi quel record! E così, nonostante le difficoltà tecniche, il 13 agosto 1975 Galina e Lyudmila raggiunsero la velocità di 332,646 km/h su un tracciato chiuso di 1.000 chilometri, superando il precedente record mondiale (e maschile) di ben 84 km/h. 

In totale, le due donne hanno stabilito otto record mondiali di velocità di volo e velocità ascensionale a bordo di un elicottero Mi-24. 

LEGGI ANCHE: Katya, la donna pilota che affrontò da sola sette aerei tedeschi nei cieli dell’Ucraina 



Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie