Ecco come appaiono oggi i campi dei Pionieri, orgoglio della gioventù sovietica

Mysli o zhisni/youtube.com
Dopo il crollo dell’URSS sono stati lentamente abbandonati. Ora vi regnano solo il vuoto e il silenzio, che contribuiscono a rendere ancor più spettrali questi luoghi un tempo affollati dai ragazzi che avrebbero dovuto costruire il radioso futuro del paese

I campi estivi dei Giovani Pionieri di epoca sovietica erano campi creati a scopo educativo e ricreativo, un po’ come i boy scout. La maggior parte delle persone nate in Unione Sovietica ha frequentato i campi dei Giovani Pionieri almeno una volta nella vita; era l’estate la stagione in cui i ragazzi partivano per i campi estivi, chiamati “lager” in russo. 

Si trattava di luoghi vivaci, dove i giovani socializzavano, imparavano e crescevano. 

Con il crollo dell’URSS molti campi dei pionieri hanno mantenuto la loro funzione, continuando ad accogliere ragazzi e ragazze nel periodo estivo; altri, invece, sono stati chiusi e abbandonati. 

E quelli che oggi appaiono come luoghi abitati solo dal vuoto e dal silenzio, si sono riscoperti di grande interesse per i blogger e i fotografi a caccia di selfie suggestivi. 

Nel settembre 2020, un utente di Twitter che si firma con lo pseudonimo di @nakifaria ha lanciato una sfida, invitando altri utenti a pubblicare foto scattate nei campi dei pionieri abbandonati. Ecco le immagini più interessanti. 

“All'inizio degli anni Novanta, dopo il crollo dell’URSS e con la scomparsa dei campi dei pionieri, era come se fossero tutti fuggiti da questi luoghi, lasciandoli perfettamente intatti al loro interno”, racconta l’utente. 

“I campi dei pionieri non solo alimentavano la salute dei bambini, ma sostenevano anche lo spirito patriottico. Oggi sono perlopiù posti di pellegrinaggio per gli amanti dei luoghi abbandonati. E, purtroppo, si è conservato ben ben poco della grandezza dei pionieri di un tempo”. 

“Il campo Kudryavtsevo si trova sul territorio dell'ex tenuta di Samsonov del XIX secolo, come testimoniano la casa principale in legno e la chiesa. In epoca sovietica era una pratica comune nazionalizzare le tenute e utilizzarle come istituzioni sociali”. 

“Nel campo Kudryavtsevo ci sono nove edifici residenziali, statue di pionieri e un parco giochi. Tutto ciò è stato [...] lentamente distrutto”.

“Attraverso i cespugli del viale principale del campo Chajka si possono osservare ancora oggi alcuni mosaici sovietici perfettamente conservati. Spero che si mantengano ancora per molti anni e che possano essere riconosciuti come patrimonio artistico protetto dallo Stato”. 

“Il campo Skazka è famoso per le sue fantasiose sculture. Fu costruito in epoca sovietica per i figli dei dipendenti della casa editrice Detskaya literatura (Letteratura per bambini)”. 

“Continuiamo a parlare di inquietudine: guardate queste straordinarie sculture ispirate ai personaggi delle fiabe per bambini e custodite nel campo Salyut vicino a Mosca…”.

“Il campo dei pionieri Kaverino, nella regione di Kaluga, è stato costruito negli anni '80 per i figli dei dipendenti della fabbrica di fiammiferi Balabanovskij. Le dimensioni del campo sono sorprendenti: un sacco di edifici in cemento, un cinema, una sala giochi, un rifugio antiatomico, una biblioteca, un centro medico e, naturalmente, un parco dei divertimenti”.

“I campi per bambini sono interessanti anche dal punto di vista architettonico. Per esempio, guardate il campo abbandonato Leninets, nella regione di Nizhnij Novgorod!”.

“Ecco il campo Salyut, nella regione di Mosca, dove, di fronte all’edificio principale, si trova il modellino di un satellite”.

“Il campo Yubileynij apparteneva al Ministero dell'Industria Leggera dell'URSS e si trovava a Kolyubakino. Che bella l’eredità sovietica!”.

“L’educazione patriottica è stata rappresentata per immagini sulle pareti del campo intitolato a Lenin, nella Regione di Mosca”.   

“Il campo per bambini Foros in Crimea è stato chiuso nel 2014. I dipendenti vivevano nei vicini edifici residenziali. La sala da pranzo, la pista da ballo, il cinema estivo e le sale stanno cadendo in stato di abbandono”.

“Il campo Energetik sulle rive del Volga, nel villaggio Energetik, distretto di Konakovskij, regione di Tver, non è custodito”.

“Il campo dei pionieri di Lesnoe, nella regione di Novgorod”.

“Il leggendario campo dei pionieri Morskoj, in un luogo pittoresco vicino a Togliatti”. 

“E un altro ancora”.  

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie