Come nacque l’Impero russo?

Dominio pubblico; Russia Beyond
Fu il terzo Stato più grande nella storia dell'umanità. Ecco come venne fondato

Nel corso della sua storia, l'Impero russo si estese sui territori dell'Europa orientale e settentrionale, dell'Asia e persino del Nord America. Fu il terzo Stato più grande nella storia dell'umanità, preceduto dall'Impero britannico al secondo posto e dall'Impero mongolo di Gengis Khan, al primo. Ma il momento più importante dell’Impero russo si registrò ancor prima della sua stessa creazione. E accadde in un edificio che oggi non esiste nemmeno più.

La creazione dell'Impero russo a opera dello zar Pietro

All'inizio del XVIII secolo la Russia era una new entry fra gli Stati europei; e il titolo del suo sovrano - lo zar - suonava quasi incomprensibile per chi viveva nella parte più occidentale del Vecchio Continente. In diverse occasioni gli europei avevano definito Pietro “l’imperatore russo”, ad esempio durante una sua visita in Inghilterra, nel 1698. La vastità del territorio della Russia (rispetto agli Stati europei) lasciava intendere che il suo sovrano fosse qualcosa di più di un semplice re, e non solo.

Pietro il Grande con i

A partire dal 1706, Pietro, per la prima volta nella storia russa, conferì ad alcuni dei suoi sudditi (al comandante militare Boris Sheremetev, allo statista Nikita Zotov, all'ammiraglio Fyodor Apraksin e altri) il titolo di “Conte”. Nel 1707, Aleksandr Menshikov fu il primo uomo in Russia a diventare principe (Knyaz’) non per nascita, ma per volere dello zar. In Europa, il diritto di concedere il titolo di principe e conte apparteneva agli imperatori. 

La riunione del Senato durante il regno di Pietro

LEGGI ANCHE: Il reggimento giocattolo di Pietro il Grande: così da bambino lo zar imparò a comandare un esercito 

Nel 1710, un anno dopo la sorprendente vittoria della Russia sulla Svezia nella battaglia di Poltava, in un suo discorso l'inviato britannico in Russia Charles Whitworth (1° Barone Whitworth) si riferì allo zar Pietro chiamandolo “Kaiser” (simile al titolo imperiale utilizzato dai sovrani del Sacro Romano Impero).

La costruzione dei 12 Collegi nel 1820

E infine, lo zar Pietro modificò le istituzioni statali russe. Nel 1711 creò il Senato di governo: un chiaro gesto di omaggio al Senato dell'Impero Romano. Il Senato russo era un consiglio di alti funzionari pubblici e comandanti militari che aveva il diritto di prendere decisioni statali in assenza dello zar stesso. Più tardi, nel 1718-1719, fondò ministeri statali centralizzati, e li chiamò Collegi. I Collegi sostituirono gradualmente i sistemi obsoleti dei prikaz di Mosca, dividendo le funzioni statali tra le rispettive istituzioni.

Così, nel 1721, tutti i preparativi per proclamare il nuovo status dello Stato russo e il suo sovrano erano ormai pronti. Ma cosa accadde precisamente?

Come, dove e quando fu proclamato l'Impero russo?

La creazione dell'Impero russo fu annunciata il 22 ottobre 1721, in concomitanza con la celebrazione del Trattato di Nystad (firmato tra lo Tsardom della Russia e l'Impero svedese il 10 settembre 1721) che pose fine alla Grande Guerra del Nord con la decisiva vittoria della Russia. Secondo il Trattato, la Svezia riconosceva il trasferimento dell'Estonia, della Livonia, dell'Ingria e della Finlandia sudorientale alla Russia. Per i russi si trattava di una vittoria di enorme importanza, perché poco prima della guerra la Svezia era stata la potenza militare più forte d'Europa. Ora, questo riconoscimento apparteneva a tutti gli effetti alla Russia.

La Cattedrale della Trinità Vecchia a San Pietroburgo

La questione della proclamazione di Pietro come Imperatore di Russia fu sollevata ufficialmente solo quattro giorni prima della cerimonia solenne, il 18 ottobre 1721, dai membri del Santissimo Sinodo (l'organo di governo della Chiesa Ortodossa Russa). Lo “supplicarono” di accettare il titolo di “Pietro il Grande, Padre della Patria e Imperatore di tutte le Russie”. Il 19 ottobre questa decisione venne resa nota al Senato. Il 20 ottobre, il Principe Aleksandr Menshikov annunciò la decisione allo stesso Pietro, il quale - secondo quanto riferito - l’avrebbe inizialmente rifiutata ripetutamente, prima di dare il proprio consenso e accettare il titolo.

LEGGI ANCHE: Perché lo zar Pietro I fu chiamato “il Grande”? 

Il 22 ottobre si svolse la funzione nella Cattedrale della Trinità Vecchia, la prima e più antica chiesa di San Pietroburgo, distrutta dai bolscevichi nel 1933. Per la cerimonia si riunirono oltre 1.000 rappresentanti dei più alti ranghi militari e civili, e sul fiume Neva, vicino alla piazza della Trinità, si schierarono 125 galere della flotta baltica.

Il luogo dove un tempo sorgeva la Cattedrale della Trinità Vecchia

All'interno della piccola cattedrale di legno, in un ambiente modesto, Pietro accettò il titolo di imperatore. Dopo la funzione religiosa, il cancelliere Gavriil Golovkin (1660-1734) pronunciò un discorso in cui, a nome del Senato, del Sinodo e di tutto il popolo dello Tsardom russo, chiese a Pietro di accettare il titolo di imperatore. Accettando il titolo, Pietro il Grande fece un brevissimo discorso di sole tre frasi, ringraziando Dio per la vittoria sulla Svezia, incoraggiando i soldati russi ad addestrarsi ulteriormente nelle loro esercitazioni militari, e concludendo con “è opportuno lavorare per il bene comune e il profitto che Dio stesso ci pone davanti agli occhi [...] affinché il popolo trovi conforto”.

Insieme a Pietro, che cambiò il suo titolo da zar a imperatore, anche sua moglie cambiò il suo titolo da zarina a imperatrice, e la corona dello zar nello stemma dello Stato venne sostituita dalla corona imperiale. Dopo la cerimonia, seguì una vasta celebrazione, con fuochi d'artificio che durarono quasi tre ore, organizzati e gestiti da Pietro il Grande in persona. L'imperatore Pietro bevve con gli ospiti fino alle tre del mattino, e l'intera celebrazione si prolungò per un’intera settimana.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie