Le imperfezioni fisiche dei leader russi nella storia, e come furono nascoste

Boris Eltsin e il cancelliere tedesco Gerhard Schröder

Boris Eltsin e il cancelliere tedesco Gerhard Schröder

Wolfgang Kumm/dpa/Global Look Press
Basilio II era cieco, Boris Eltsin non aveva due dita, Stalin era butterato e aveva un sacco di altri problemi di salute, ma sempre si cercò di occultare i punti deboli dei capi dello Stato russo

Nel corso della storia, se i leader russi si ammalavano, avevano menomazioni fisiche o soffrivano di patologie congenite, le informazioni su questo tema, di regola, sono state accuratamente dosate e nascoste, per motivi di sicurezza nazionale. I nemici interni ed esterni avrebbero infatti potuto usare queste informazioni a proprio vantaggio. Inoltre, il popolo russo, profondamente convinto della missione divina del sovrano, ha sempre percepito le malattie del proprio leader e dei suoi familiari come un cattivo presagio per i destini della nazione.

Alla fine, ogni grave disturbo di salute dell’autocrate ha sempre immediatamente provocato l’inizio di una lotta sotterranea per il potere. È noto, ad esempio, che anche quando Nicola II prese il tifo, gli alti funzionari iniziarono subito a discutere della possibilità di nominare sua figlia Olga come erede.

In generale, le malattie e le infermità dei leader russi sono sempre state nascoste: solo per uno dei primi granduchi di Mosca, che era non vedente, non fu possibile nascondere il suo handicap fisico.

1 / Basilio II di Russia – Cecità

Basilio II di Russia. Questo ritratto è solo un’immagine di una Cronaca postuma. Non abbiamo immagini coeve di Vasilij (1415-1462), e non sappiamo che aspetto avesse in realtà

Vasilij II Vasilevich Tjómnyj  (1415-1462), noto in Italia come Basilio II “Il Cieco”, fu il primo principe che salì al trono non a Vladimir, capitale del Principato di Vladimir-Suzdal, ma a Mosca. Pertanto, possiamo considerarlo il primo vero fondatore del Granducato di Mosca. Il periodo del suo potere fu contraddistinto da una feroce guerra intestina per il potere, e due volte fu deposto dal trono e in una di queste fu accecato dal cugino, con una barbara consuetudine allora in voga. Questo metodo di vendetta o neutralizzazione di un nemico era comune a quei tempi; non era come un omicidio, ma il terribile choc psicologico e la trasformazione in un invalido dell’avversario erano un metodo spesso seguito nella lotta per il potere.

Lo stesso principe Basilio II nel 1436, durante la stessa guerra civile, aveva ordinato di cavare un occhio al principe quindicenne di Zvenigorod, Vasilij Jurevich (1421-1448), per il fatto che aveva violato una tregua e cercato di sconfiggere in quel modo subdolo l’esercito del principe di Mosca. Da allora, il principe di Zvenigorod fu soprannominato Vasilij Kosoj, Basilio Kosój (il Guercio). Il parziale accecamento lo distrusse psicologicamente: non combatté più e scomparve dalle cronache. Dopo aver trascorso 10 anni in una prigione di Mosca, potrebbe forse esserne uscito nel 1446, ma in ogni caso non visse molto a lungo.

Se Basilio il Guercio fu davvero rilasciato dal carcere nel 1446, ciò accadde perché lo stesso principe di Mosca Basilio II fu detronizzato e accecato da Dmitrij Shemjaka, il fratello minore del Guercio, e cugino di Basilio. Ciò accadde mentre Basilio, con i suoi figli Ivan e Jurij, stavano andando in pellegrinaggio da Mosca al Monastero della Trinità di San Sergio

Questo è probabilmente l’aspetto che avevano le  città della Rus’ feudale ai tempi di Basilio II o in precedenza. “La difesa di una città da Khan Tokhtamysh, XIV secolo” è un quadro di Apollinarij Vasnetsov (1856-1933)

Secondo lo storico Nikolaj Karamzin (1766-1826), Dmitrij Shemjaka fece credere a Ioann Mozhaiskij, principe “debole, crudele e frivolo” che Basilio era intenzionato a consegnare Mosca allo zar Makhmet (che significa molto probabilmente il Khan di Kazan Ulugh Muhammad; 1405-1445), mentre lui avrebbe regnato a Tver. In questo modo, in una volta sola Dmitrij attirò dalla sua parte anche il principe Boris di Tver. I principi pendevano dalle labbra di Shemjaka. Anche perché, proprio in quell’autunno, Basilio II si era liberato, pagando un riscatto, dalla prigionia del Khan Ulugh Muhammad, dandogli un’enorme quantità di denaro e diverse città per raccogliere tributi. Tutta la nobiltà russa mormorava ora che il principe di Mosca, pur di salvarsi la pelle, era pronto a dare anche tutte le terre russe ai tatari. Mentre Basilio II era nella lavra del monastero a pregare, i cospiratori presero il controllo del Cremlino di Mosca, dove si trovavano la madre e la moglie del principe, e poi lo catturarono e lo portarono a Mosca.

Tra i Rjurikidi (la dinastia che guidò la Russia prima dei Romanov) ci sono casi in cui principi uccisero altri principi, loro parenti di vario grado. Ma Dmitrij Shemjaka non osò uccidere Basilio II, forse dissuaso da Ioann Mozhaiskij, che temeva l’indignazione di “tutti i principi russi”. Shemjaka non si decise nemmeno immediatamente ad accecare Basilio; ci pensò per due giorni. Quindi organizzò qualcosa di vagamente simile un pubblico processo contro di lui, alla presenza di rappresentanti di tutti i ceti di Mosca. I principi ribelli, con una folla di persone, portarono Basilio in piazza e gli chiesero: “Perché hai portato i tartari nella terra russa e hai dato loro città e regioni per nutrirsi?”. Basilio fu accecato nella notte tra il 16 e il 17 febbraio 1446.

Il professor Nikolaj Borisov dà dei dettagli di quella notte da incubo, contenuti nella cronache del tempo: “Dmitrij Shemjaka ordinò ai suoi di mettersi al lavoro. Andarono nella stanza in cui si trovava il Principe Basilio, gli si gettarono addosso, lo buttarono a terra e lo schiacciarono con una tavola per immobilizzarlo. Uno stalliere, soprannominato Beresten, accecò il principe con un coltello, ferendolo gravemente alla faccia. Avendo fatto il loro turpe lavoro, i carnefici se ne andarono, lasciando Basilio privo si sensi, come se fosse morto”.

Shemjaka divenne il principe di Mosca e Basilio fu esiliato a Uglich, ma gli fu permesso di portare con sé sua moglie, Marija Jaroslavna. Successivamente, tuttavia, Basilio riprese forza e riuscì a riconquistare il trono di Mosca, distruggendo i suoi nemici. Uccise Dmitrij Shemjaka, corrompendo per mezzo di alcuni suoi uomini il cuoco del principe, che mise del veleno nel pollo servito a Dmitrij. Shemjaka morì dopo 12 giorni di agonia. Fino alla fine della sua vita, Basilio indossò una benda nera che copriva la parte superiore del volto, sfigurato e senza occhi.

2 / Pietro il Grande – Sindrome di Marfan (ipotesi)

La testa scolpita di Pietro il Grande realizzata a partire dalla sua maschera mortuaria è probabilmente l’unica immagine affidabile dell’Imperatore

Conosciamo l’altezza di Pietro il Grande: ben 203 centimetri. Entrambi i suoi genitori erano persone di media altezza (in quell’epoca: 160-165 centimetri), e la straordinaria magrezza e longevità di Pietro attirò l’attenzione di chi lo circondava fin dalla prima giovinezza. Per la sua altezza, non aveva una corporatura robusta e solo un 39 di scarpe, e i caftani autentici dello zar Pietro che si sono conservati stupiscono tutti per le loro piccole dimensioni.

Nessuno dei ritratti sopravvissuti di Pietro il Grande riflette il suo aspetto reale e la figura sproporzionata: braccia e gambe eccessivamente lunghe, e una testa piccola in relazione al corpo. È anche noto che Pietro soffrì di convulsioni e che terribili smorfie gli stravolgevano il volto nei momenti di rabbia, e ci furono molti momenti del genere! Just Jul ha descritto come Pietro, al suo ritorno a Mosca dopo la vittoria di Poltava, abbia quasi fatto a pezzi un soldato con la sciabola, perché lo aveva fatto arrabbiare per un passo di marcia errato.

Gli stivali di tela di iuta di Pietro il Grande

Si può presumere che Pietro sia nato e vissuto con la sindrome di Marfan, una rara malattia genetica che si manifesta con una crescita spropositata, una magrezza eccessiva (sottosviluppo del tessuto adiposo) e mobilità eccessiva: è noto che Pyotr Alekseevich non riusciva quasi a stare fermo, amava essere costantemente impegnato e camminava molto velocemente. I sintomi includono anche deformità vertebrali, e secondo le descrizioni dei contemporanei, Pietro per tutta la vita era gobbo e con la testa incassata tra le spalle.

Uno dei pochi dipinti che cercano di mostrare la reale statura di Pietro il Grande e la velocità frenetica dei suoi movimenti. “Pietro I”, dipinto del 1907 di Valentin Serov (1865-1911).

Le persone con sindrome di Marfan sono quasi costantemente agitate e molto irritabili a causa degli alti livelli di adrenalina nel sangue, prodotta in eccesso dalle ghiandole surrenali; e l’irrefrenabile energia di Pietro il Grande e la sua irritabilità, con frequenti sfuriate, sono diventate leggendarie.

Caftano cerimoniale di Pietro il Grande

Inoltre, la sindrome di Marfan è associata a una maggiore intelligenza: è probabile che ne soffrissero Niccolò Paganini e Abraham Lincoln. La sindrome di Marfan di Pietro il Grande è solo un’ipotesi. Tuttavia, in base ai dati di cui disponiamo, sappiamo che il suo corpo era chiaramente sproporzionato, cioè che Pietro aveva difetti fisici.

3 / Alessandro I – Sordità

Il Granduca Aleksandr Pavlovich era il nipote di Caterina la Grande, che aveva progettato per lui un grande futuro. Quasi immediatamente dopo la nascita, Caterina portò via suo figlio da sua madre, Maria Fedorovna, e lo allevò a Corte. Anche il nome del bambino non venne scelto dai genitori, ma dalla nonna.

Il granduca Aleksandr Pavlovich (il futuro imperatore Alessandro I)

È noto che Pietro III, il marito di Caterina, che fu ucciso nel 1762 in un colpo di palazzo (probabilmente con la complicità di lei), anche da adulto aveva paura dei colpi di cannone. La sua paura infantile era oggetto di scherno e ridicolo a Corte. Caterina, la cui vita matrimoniale con Pietro fu un disastro sin dall’inizio, considerava il suo comportamento bambinesco (giocava per esempio per ore con i soldatini) indegno di un uomo adulto, e in particolare di un imperatore.

Forse è per questo che l’imperatrice cercò di abituare suo nipote Alessandro ai colpi di cannone fin dall’infanzia e, secondo gli storici, a causa del costante boato dei cannoni durante le esercitazioni, divenne sordo dall’orecchio sinistro. Nel 1794, Aleksandr Protasov, l’educatore del granduca, notò che il suo allievo era sordo, ma si rifiutò di riconoscere il problema e di farlo curare. Anche se, se la causa della sordità di Alessandro fossero stati davvero i colpi di cannone, allora il suo timpano potrebbe essere rimasto danneggiato, e non era certo curabile all’epoca.

Parlando con le persone, Alessandro, che era leggermente al di sopra della media di altezza (178 cm), inclinava sempre la testa e girava il lato destro verso l’interlocutore; sin dalla sua giovinezza era molto intimidito dalla sua mancanza fisica e parlava molto piano: aveva paura che un tono alto di voce potesse essere attribuito alla sua sordità. Inoltre, Alessandro aveva una vista molto scarsa (circa -3,5 in entrambi gli occhi, come mostrato da un’analisi delle lenti dei suoi lorgnette, gli occhialini con impugnatura a stanghetta, giunti fino a noi), il che aggiungeva altri problemi alle sue capacità di comunicazione.

La madre di Alessandro, Maria Fedorovna, fu una delle più grandi filantrope della storia russa. In particolare, finanziò l’apertura della Scuola per sordi e muti di San Pietroburgo, la prima istituzione educativa specializzata in Russia per bambini non udenti.

4 / Stalin – Vaiolo, Sindattilia, Atrofia

In termini di disabilità fisiche, Stalin aveva molto da nascondere. Aveva un difetto genetico congenito, la sindattilia: il secondo e il terzo dito del piede sinistro erano attaccati. All’età di cinque anni, Stalin ebbe il vaiolo e il suo viso rimase butterato. Le imperfezioni della pella venivano accuratamente ritoccate in tutte le fotografie del leader.

Questa è una delle rare foto di Stalin (1878-1953) in cui sono evidenti sul suo viso le cicatrici lasciate dal vaiolo

Vjacheslav Molotov (1890-1986) raccontò che Stalin, quando era al confino nel territorio di Turukhansk, in Siberia, era stato soprannominato Oska Korjavyj (“Osip il Butterato”) dai contadini. Oltre ai segni del vaiolo, aveva anche un braccio atrofizzato. All’età di sei anni, mentre attraversava la strada, fu colpito da una carrozza trainata da cavalli, e fu ferito a un braccio e alla testa. Di conseguenza, il suo braccio sinistro era due volte più debole del suo destro e non si piegava del tutto; e con l’avanzare dell’età, iniziò a provare dolore costante alle dita.

I medici del Cremlino hanno caratterizzarono il suo disturbo così: “Atrofia delle articolazioni della spalla e del gomito del braccio sinistro a causa di una contusione all’età di sei anni, seguita da suppurazione nell’area dell’articolazione del gomito”. Tuttavia, in diverse foto vediamo che Stalin aveva un braccio sinistro forte, e poteva persino sollevare un bambino.

Stalin solleva sua figlia Svetlana con entrambe le braccia, nonostante uno fosse praticamente atrofizzato

5 / Boris Eltsin – Assenza di due dita della mano

Boris Eltsin (1931-2007), il primo presidente della Federazione Russa, perse due dita della mano sinistra da bambino. È così che l’ha descritto lui stesso nel suo libro autobiografico “Ispoved na zadannuju temu” (pubblicato in Italia nel 1990 dalla casa editrice Leonardo con il titolo “Confessioni sul tema”).

“C’era la guerra (allo scoppio della Seconda guerra mondiale Eltsin aveva 10 anni, ndr), tutti i ragazzi volevano andare al fronte, ma noi eravamo troppo piccoli e naturalmente non ci hanno lasciato andare. Fabbricavamo però pistole, armi e persino un cannone. Abbiamo deciso di trovare delle granate e di smontarle per studiare e capire cosa c’era dentro. Mi sono impegnato ad entrare in chiesa (c’era un deposito militare). Di notte, sono passato attraverso tre strisce di filo spinato e, mentre la sentinella era dall’altra parte, ho segato l’inferriata di una finestra, sono salito all’interno, ho preso due granate RGD-33 con le micce e, fortunatamente, sano e salvo (la sentinella aveva l’ordine si sparare a vista) sono tornato indietro.

Boris Eltsin (1931-2007) nel corso di un’intervista

Ci siamo addentrati per 60 chilometri nella foresta, abbiamo deciso di smontare le granate. Ho convinto gli altri ragazzi ad allontanarsi di un centinaio di metri: io battevo con un martello, inginocchiato sulla granata messa su una pietra. Ma non ho tolto la miccia, non lo sapevo. Un gran botto… e niente più dita. I ragazzi non sono stati feriti. Fino a quando non sono arrivato in città, ho perso conoscenza più volte. All’ospedale, visto che stava iniziando la cancrena, mi operarono: quello che rimaneva delle dita fu amputato e io poi riapparsi a scuola con una mano bianca tutta bendata.”

A causa della perdita delle dita, Boris Nikolaevich non ha svolto il servizio militare. Il presidente si vergognava del suo infortunio, e non mostrava mai  la mano sinistra nelle fotografie. L’artista Vladimir Sokovnin, che ha dipinto il ritratto di Eltsin, ha dichiarato che il presidente si era rifiutato di posare, e che il ritratto ufficiale dovette essere fatto utilizzando fotografie, e che a posare fu costretto a chiamare un suo amico, cha aveva un fisico simile a Eltsin. Trovare una posa naturale per il presidente fu una sfida, e Sokovnin ha ricordato che d’istinto il presidente nascondeva o copriva costantemente la mano sinistra, come è raffigurato nel ritratto. Lo stesso Boris Eltsin, vedendosi raffigurato in questa posizione, rimase molto soddisfatto, secondo il pittore.


Così fui chiamato a dipingere il ritratto di Eltsin. Ma davvero assomigliava a un orso? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie