Anastasia, il mistero dell’ultima Romanov uccisa con la famiglia e miracolosamente “sopravvissuta”

Dominio pubblico; Russia beyond
Nel corso degli anni, più di trenta donne si sono spacciate per la granduchessa Anastasia, la figlia dello zar fucilata a Ekaterinburg insieme alla famiglia imperiale: si diceva che fosse riuscita a sottrarsi all’esecuzione. Abbiamo cercato di fare chiarezza su una storia dai contorni opachi e che sconfina nella leggenda

Com’è nata la leggenda di Anastasia?

La granduchessa Anastasia Romanova (1901-1918)

È difficile individuare con esattezza le ragioni che portarono Anastasia, la figlia più giovane dello zar Nicola II e di Aleksandra Fyodorovna, al centro del gossip e dei pettegolezzi pubblici. Sta di fatto che negli anni molte persone hanno cercato di spacciarsi per lei, dichiarando di essere Anastasia Romanov.

Nata nel 1901, Anastasia era la quarta figlia della famiglia imperiale, ed è stata seguita da Aleksej, il tanto atteso erede maschio, nato nel 1904. 

Non ci sono testimonianze chiare, né prove scritte, che ci permettano di sostenere che qualcuno in particolare abbia creato la leggenda di Anastasia. Ciò che si sa, è che nel corso della storia russa ci sono stati diversi impostori che si sono dichiarati “miracolosamente salvi” e per questo legittimi eredi al trono. Basti pensare ai tre falsi Dmitrij, tutti convinti di essere il figlio di Ivan il Terribile, ed Emelyan Pugachev, il rivoluzionario cosacco degli anni Settanta del XVII secolo che ha cercato di spacciarsi per Pietro III, scampato all'omicidio.

Le circostanze della nascita di Anastasia

L'imperatrice Aleksandra Fyodorovna, moglie dello zar Nicola II, con la figlia Anastasia

Prima della nascita di Anastasia, sua madre, l’imperatrice Aleksandra, nutriva grosse preoccupazioni legate alla necessità di concepire un erede: aveva già tre figlie, ma secondo le leggi di successione russe, una granduchessa poteva ereditare il trono solo all’esaurimento di tutte le linee ereditarie maschili. In quel caso, nella linea di successione vi era il granduca Mikhail Aleksandrovich, fratello minore di Nicola II, il quale però non sembrava adattarsi molto alla famiglia regnante, e in particolare all'imperatrice Aleksandra.

Anthelme Nizier Philippe, ipnotizzatore e ciarlatano

E così Aleksandra si immerse profondamente nel misticismo. Nel 1901 apparve alla corte russa Anthelme Nizier Philippe, ipnotizzatore e ciarlatano. I metodi di Philippe erano davvero "impressionanti": per esempio, regalò ad Aleksandra un'icona con una piccola campana che aveva il compito di "avvertire l’imperatrice quando le si avvicinavano persone con cattive intenzioni”. Le predisse inoltre la nascita di un figlio, e in breve tempo - con grande disappunto di molti membri della famiglia reale (ad eccezione della madre e del padre, naturalmente) - nacque Anastasia. "L’imperatrice ha dato alla luce una figlia, di nuovo!”, scrisse la madre di Nicola, Maria Feodorovna, alla figlia, la granduchessa Ksenia Aleksandrovna.

Che persona era Anastasia?

Lo zar Nicola II offre alla figlia Anastasia un tiro dal suo bocchino per sigarette

Non ci sono molte informazioni sulla vita privata di Anastasia, soprattutto perché la sua esistenza non ebbe nulla di particolare né di diverso rispetto alla vita delle altre figlie dello zar. Anastasia venne formalmente educata a corte, e non era esattamente una studentessa modello. Amava cantare e ballare, e spesso dipingeva acquerelli. 

L'imperatrice Aleksandra Fyodorovna con le figlie Tatiana e Anastasia durante la Seconda guerra mondiale

Durante la Prima guerra mondiale, Anastasia, proprio come le sue sorelle, fece volontariato come infermiera nel palazzo reale di Tsarskoe Selo, le cui stanze vennero trasformate in reparti ospedalieri.

Lo zar Nicola II dopo l'abdicazione con le figlie Olga, Tatiana e Anastasia a Tobolsk (inverno 1917-1918)

Dopo la Rivoluzione del 1917 e l'abdicazione di Nicola, lo zar e la sua famiglia (compresa Anastasia) furono trasferiti come dei prigionieri a Tobolsk, e da lì a Ekaterinburg, dove il 18 giugno 1918 Anastasia festeggiò il suo ultimo compleanno. 

In quali circostanze morì?

Un angolo della miniera di Ganina Yama, dove vennero trovati i resti dello zar Nicola, di sua moglie Aleksandra e delle loro tre figlie

Anastasia e la sua famiglia furono fucilate la mattina del 17 luglio 1918. I loro corpi furono portati nella miniera dei Quattro Fratelli vicino al villaggio di Koptyaki, 10 miglia a nord di Ekaterinburg. Lì, i cadaveri furono bruciati con acido solforico, in modo da non poter essere identificati, e gettati in una fossa. La notte successiva, Yakov Yurovskij, il principale responsabile dell'esecuzione, e i suoi aiutanti tornarono sul posto per riesumare e spostare alcuni dei corpi in un altro luogo. Ciò fu fatto per confondere qualsiasi ricerca sui resti della famiglia reale. 

Qui vi abbiamo raccontato 10 fatti poco conosciuti sull’uccisione dei Romanov. 

Quando furono scoperti i suoi resti?

La fossa vicino a Porosyonkov

I resti di Nicola, Aleksandra e delle loro tre figlie furono scoperti per la prima volta nel 1979 a quattro miglia e mezzo da Ganina Yama (una miniera non più utilizzata che si trova vicino a Koptyaki, un villaggio dell'Oblast' di Sverdlovsk, non lontano da Ekaterinburg, ndr), ma vennero tenuti segreti fino al crollo dell'URSS. Ulteriori indagini condotte nel 1991 rivelarono che nel luogo dei ritrovamenti mancavano i resti dello Tsarevich Aleksej e di una ragazza (la granduchessa Maria Nikolaevna). Furono rinvenuti nel 2007 in un’altra fossa, vicino a Porosyonkov. Una perizia genetica realizzata l’anno successivo dimostrò che i nuovi resti appartenevano effettivamente ad Aleksej e Maria. I risultati sono stati poi confermati nel 2019 da una ricerca condotta dal Comitato Investigativo della Russia e ulteriormente convalidati da una terza parte: Michael Coble del Laboratorio di identificazione del DNA delle Forze Armate di Rockville, in Maryland.

Quante donne si sono spacciate per Anastasia? 

Anna Anderson, 1920

Dopo il 1918, nei circoli europei frequentati dai russi emigrati all’estero, iniziarono a circolare voci sulla presunta fuga di Anastasia, che sarebbe riuscita a sottrarsi alla fucilazione e a scappare. A Berlino, nel 1920, la polizia fermò una ragazza che voleva gettarsi da un ponte. La giovane si trovava in uno stato di esaurimento nervoso e fu ricoverata in un istituto psichiatrico. Due anni dopo, iniziò a raccontare a tutti di essere la granduchessa Anastasia.  

Qui vi abbiamo raccontato le storie di quattro persone che hanno cercato di spacciarsi per gli eredi della famiglia imperiale. 

Eleonora Krueger

Negli anni sono apparse varie “presunte Anastasie”, fra esse ricordiamo Eleonora Krueger (1901-1954), che si spacciava per la granduchessa in un villaggio della Bulgaria; Nadezhda Vasilyeva (?-1971), una donna malata di mente che trascorse molti anni in istituti psichiatrici e prigioni dell'URSS e morì di fame in un ospedale psichiatrico carcerario sull'isola di Sviyazhsk, in Tatarstan; Natalya Belikhodze, una donna georgiana che si "proclamò" Anastasia Romanov nel 1995. Morta nel 2000, è stata considerata l'ultima falsa Anastasia. In totale, furono più di una trentina le donne che si spacciarono per Anastasia. Un russo, Anatolij Ionov (nato nel 1936), ha persino dichiarato di essere il figlio di Anastasia!

Nadezhda Vasilyeva

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie