Come si curavano i denti nell’antica Russia?

Kunsthalle Hamburg, Getty Images
Poteva essere un’esperienza piuttosto scioccante e dolorosa, e spesso si ricorreva agli impiastri degli stregoni. La tecnica di sbiancamento a base di mercurio fece molti danni e fece nascere la moda del sorriso nero fuliggine

“Contro gengive deboli e denti sanguinanti, denti traballanti, alito cattivo e contro tutti gli altri problemi dentali, mescolate del corno di cervo ridotto in polvere con del vino, e cospargete di quel composto il dente, e smetterà di vacillare o far male”.

Tali erano le ricette contro il mal di denti presumibilmente create da Eupraxia Dobrodeja di Kiev (?-1131), la nipote di Vladimir II, detto Monomaco (1053-1125). Questa donna (nota anche come Zoe e Irene) è stata probabilmente la prima donna medico in Russia. Dobrodeja significa “che fa il bene di Dio”. Dopo aver sposato Alessio I Comneno, figlio maggiore e co-regnante dell’imperatore bizantino Giovanni II Comneno, proprio a Bisanzio scrisse un trattato intitolato “Unguenti”, che è considerato il primo trattato di medicina scritto da una donna. La ricetta presentata sopra è presa dal suo libro. Anche se, dobbiamo ammetterlo, gli storici non sono ancora sicuri che questa persona sia realmente esistita. Per molti anni a seguire, i russi non ebbero dentisti adeguati e continuarono a usare tali ricette, o medicamenti preparati dagli stregoni.

Dal dentista, XVI secolo

La prima licenza ufficiale data dal governo per esercitare la professione di dentista in Russia fu concessa nel 1710 a François Dubrel. Non è un caso che ciò sia accaduto sotto Pietro il Grande. Lo zar adorava cavare i denti alla gente, ed è anche cosa tipica che Dubrel non fosse russo. I primi dentisti nel Paese erano tutti stranieri. Lentamente, nel corso del XVIII secolo, anche alcuni russi iniziarono a fare interventi odontoiatrici, ma non ce n’erano molti attivi: a quanto pare 24 nel 1811 e 26 nel 1844. La prima scuola privata per la formazione di dentisti fu aperta solo nel 1881. Ma vediamo come i russi curavano i loro denti nei tempi antichi.

Miele, quercia, rafano

I russi medievali avevano sostanzialmente tre opzioni in caso di mal di denti: andare da un uomo di medicina straniero (quasi sempre un greco), visitare uno stregone o andare in chiesa.

Sant’Antipa di Pergamo

Sant’Antipa di Pergamo era il santo cristiano “specializzato” nel mal di denti. È venerato come il santo patrono dei dentisti e il popolo russo lo pregava quando aveva mal di denti. Gli zar Ivan il Terribile e Alessio Mikhajlovich fecero persino ricche donazioni alla chiesa di Sant’Antipa, costruita nel XVI secolo vicino al Cremlino di Mosca.

I medici stranieri non erano disponibili per nessuno tranne che per gli zar e i ricchi boiardi (gli unici che potevano permetterseli). Quindi, per la gente semplice, la chiesa o i guaritori e gli stregoni erano le uniche scelte disponibili. Il modo più popolare di trattare il mal di denti erano gli incantesimi. Eccone qui alcuni.

La chiesa di Sant’Antipa a Mosca

“Come questa fragola appassisce e si asciuga, possano i denti del servo di Dio seccarsi e diventare insensibili”, oppure: “Scendi, luna e portami via il mio mal di denti, portalo lontano come le nuvole”, e così via.

Sicuramente venivano usate anche pozioni e medicine fai-da-te, e la quercia era il rimedio più frequentemente usato. Gli stregoni consigliavano ai contadini che soffrivano di mal di denti di rosicchiare la corteccia di quercia o di bere tinture di corteccia di quercia. Questo aveva un che di utile, in realtà: la corteccia di quercia contiene tannino, che ha qualità antisettiche.

Gli antichi testi medici contenevano anche varie ricette per curare mal di denti e varie malattie della bocca. Il miele e il rafano erano usati contro la stomatite (infiammazione della mucosa del cavo orale), mentre l’allume e il salnitro erano usati per scopi antisettici.

Anticamente non esistevano poltrone speciali per curare i denti, e così i pazienti venivano fatti sedere per terra

Tutte queste pozioni erano necessarie, perché un antico russo avrebbe letteralmente fatto qualsiasi cosa pur di evitare di finire sotto i rudimentali ferri del “dentista”. Ovviamente, non c’erano antidolorifici, quindi qualsiasi operazione era dolorosa in modo lancinante e, inoltre, non c’erano di fatto persone in grado di eseguire con successo tali interventi. Solo zar e grandi principi avevano accesso a un aiuto che potremmo definire professionale.

I dentisti dello zar

La collezione di denti di Pietro il Grande e una cassetta degli attrezzi di un dentista del XVIII secolo

Dopo che la principessa bizantina Zoe Paleologa divenne la moglie di Ivan III, detto il Grande, Gran Principe di Mosca e gosudar (“Sovrano di tutte le Russie), prendendo il nome di Sofia, la Corte di Mosca raggiunse nuovi livelli, anche in campo medico. Un dottore tedesco di nome Anton viveva alla corte di Ivan nel 1480, un medico ebreo di nome Leon, originario di Venezia, era noto a Mosca nel 1490. Nel XVI secolo, un medico straniero (il più delle volte inglese) si trovava di solito in servizio presso la corte di Mosca. Studiando i resti di Sofia Paleologa, gli studiosi hanno notato che nel 1503, quando Sofia morì, all’età di circa 50-60 anni aveva tutti i suoi denti tranne sei, e con una sola carie. Incredibile per quei tempi!

Nei resti dello zar Ivan il Terribile si possono notare i denti ancora intatti (foto scattata nel 1963)

Le ricette contro il mal di denti entrarono nel XVI secolo nel “Domostroj”, un manuale con un insieme di regole e istruzioni per la casa. Raccomandava il cavolo in salamoia contro le gengive deboli (efficace!), una tintura di sedano per pulire la bocca (utile!), e altre ricette abbastanza razionali. È opinione diffusa che il “Domostroj” sia stato scritto da Silvestro, mentore spirituale di Ivan il Terribile. Lo stesso Ivan IV aveva dei denti molto buoni, che si possono vedere chiaramente in una foto dei resti dello zar. A 53 anni, la sua salute subì un duro colpo a causa dell’avvelenamento da mercurio a lungo termine (molto probabilmente, veniva segretamente aggiunto a piccole dose al suo cibo dai suoi nemici, per causarne la morte), ma i suoi denti erano per lo più intatti. Detto questo, ricordiamo che il mercurio era ampiamente utilizzato nella Mosca del XVI e XVII secolo per rendere i denti bianchi, ed ebbe conseguenze devastanti.

La bellezza dei denti neri

Antico strumento utilizzato dai dentisti

I “denti bianchi come lo zucchero” sono stati spesso decantati nelle descrizioni delle bellezze russe del XVI secolo scritte dagli stranieri. Ma per tali denti, le nobildonne pagavano però un prezzo elevato. I denti venivano infatti sbiancati con il mercurio. Questo di solito veniva fatto mentre la donna cercava un marito, per catturare il povero ragazzo con una bellezza divina; ma i denti sbiancati dal mercurio perdevano lentamente lo smalto e diventavano poi disgustosi e grigi.

Per nascondere i brutti denti ormai ridotti in pessimo stato, le donne li annerivano completamente con la fuliggine, quindi se vedevi una bellezza con denti bianchi e lucenti, molto probabilmente era appena sposata o in cerca di marito; le donne sposate invece avevano i denti completamente neri. Ugh!

Questa “moda” non durò a lungo, perché gli svantaggi per la salute divennero rapidamente evidenti; tuttavia, nella campagna russa, le mogli dei mercanti continuarono ad annerirsi i denti anche nel XVIII secolo. L’aiuto dentale professionale nella campagna russa rimase (quasi) inesistente fino alla fine del XIX secolo.


Le cure e le medicine più strane usate tradizionalmente dai contadini russi 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie