Perché i sovietici usarono la cavalleria contro i carri armati nazisti?

Dominio pubblico
Negli anni Trenta sembrava un reparto superato dalla storia, e molte unità erano state sciolte, ma con l’inizio del conflitto si capì che le armate a cavallo potevano dare dei vantaggi sul campo, se usate correttamente

Verso la fine degli anni Trenta, il mondo si rese conto che il tempo degli attacchi di cavalleria era finito e le guerre future sarebbero state scontri tra carri armati e unità meccanizzate. Seguendo questa dottrina, la leadership sovietica ridusse significativamente il numero di unità di cavalleria dell’Armata Rossa. Tra il 1938 e il 1941, 19 divisioni di cavalleria furono sciolte.

L’invasione tedesca, tuttavia, dimostrò che i sovietici avevano cancellato la propria cavalleria troppo presto. Sorprendentemente, le unità di cavalleria si rivelarono le più resistenti tra quelle sovietiche durante il catastrofico 1941. Non dipendendo da strade e rifornimenti di carburante, la cavalleria, facilmente manovrabile e rapida, poteva penetrare in foreste fittissime e prendere di sorpresa il nemico, organizzando contrattacchi o coprendo le truppe sovietiche in ritirata.

Capendo la sua efficacia, il comando dell’Armata Rossa ordinò la creazione di decine di nuove divisioni di cavalleria. Durante la battaglia di Mosca del 1941-42, un quarto di tutte le truppe che difendevano la capitale sovietica erano a cavallo.

Quando l’Armata Rossa iniziò la sua controffensiva nei pressi di Mosca, la cavalleria spesso veniva usata a scopo diversivo e per il sabotaggio. I cavalieri sbucavano dietro le linee nemiche, attaccavano i comandi dell’esercito nemico e i magazzini di armi e derrate, bloccavano le strade e tagliavano le comunicazioni.

Nella maggior parte dei casi, un attacco di cavalleria in campo aperto durante la Seconda guerra mondiale avrebbe significato un suicidio certo. Ecco perché i cavalieri combattevano come la fanteria, usando i cavalli come mezzi di trasporto e tenendoli in un luogo sicuro all’avvio dei combattimenti.

Tuttavia, quando la demoralizzata fanteria nemica si ritirava in disordine, un attacco di cavalleria poteva essere molto efficace. I cavalleggeri potevano colpire duramente i tedeschi, uccidendoli con le loro affilate sciabole, le  temibili “shashka”.

Nel 1943, il corpo di cavalleria sovietico subì una grande modernizzazione. Fu equipaggiato con unità anticarro, pezzi di artiglieria, batterie antiaeree, unità di ricognizione e segnalazione. Così, la cavalleria ampliò notevolmente la sua potenza di fuoco, il che le permise di rimanere sulle posizioni conquistate molto più a lungo, senza bisogno di carri armati o del supporto della fanteria meccanizzata.

Ma l’Unione Sovietica non avrebbe potuto mantenere a lungo le sue unità di cavalleria, se non fosse stato per l’assistenza della Mongolia. Durante tutto il periodo della guerra, il Paese asiatico fornì ai sovietici quasi 500 mila cavalli, facili da mantenere e resistenti, per sostituire quelli morti in battaglia.

Anche nelle ultime fasi della guerra, quando i carri armati la facevano da padrone sui campi di battaglia, la cavalleria non sparì completamente. E il Giorno della vittoria fu celebrato da sette corpi di cavalleria dell’Armata Rossa, sei dei quali portavano l’onorevole titolo di “Guardia”.

 

I cani kamikaze, le divisioni di gatti e gli altri animali della Seconda guerra mondiale 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie