Questi poster della propaganda sovietica fecero di Jurij Gagarin un semidio

Il 12 aprile del 1961 fu il primo uomo a volare nello Spazio, e per questo divenne un mito della società comunista

“Gloria alla scienza sovietica! Gloria all’uomo sovietico, al primo cosmonauta!” 

“Mentre orbitavo attorno alla Terra nella mia navicella spaziale, ho visto quanto è bello il nostro pianeta. Gente, preserviamo la sua bellezza, non distruggiamola!” 

“12 aprile 1961. La favola si è avverata” 

“Gloria al primo cosmonauta Jurij Gagarin!” 

“Gloria al popolo sovietico, conquistatore dello spazio! Noi, popolo sovietico, che difendiamo il comunismo, abbiamo l’onore di essere stati i primi a entrare nello spazio”. 

“Gloria a questo figlio del Partito Comunista!” 

“Il Partito comunista dell’Unione Sovietica. Gloria!” 

“Un esempio per i giovani e i coraggiosi, il nostro eroe cosmonauta è un pioniere!” 

“I comunisti stanno aprendo la strada verso le stelle!” 

“Il Paese, dove la maggioranza delle persone era analfabeta, ha compiuto un gigantesco salto per la cultura e per la scienza.” (Dal programma del Partito Comunista)

 

Venti poster mostrano perchéi sovietici reputavano il loro esercito invincibile (https://it.rbth.com/storia/82321-venti-poster-mostrano)

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie