Trump ha davvero confuso la bandiera americana con quella russa?

Maksim Bogovid/Sputnik
Si è trattato di un errore veniale, mentre colorava a pennarello il vessillo, giocando con dei bambini in un ospedale infantile. E, per quanto riguarda il tricolore russo, sapreste dire subito in che ordine sono le strisce dal basso verso l’alto? E non rischiereste di confonderlo con altri simili? Mettetevi alla prova

Il 25 agosto il presidente americano Donald Trump ha fatto parlare di sé perché, a quanto pare, durante la visita ai bambini ricoverati presso l’Ohio’s Nationwide Children’s Hospital avrebbe sbagliato, giocando con i piccoli, a colorare la bandiera degli Stati Uniti d’America. Invece di alternare strisce bianche e rosse, ne avrebbe dipinte anche di blu. Ovviamente in molti non hanno potuto fare a meno di ironizzare sul fatto che il risultato ricordava la bandiera russa.

La gaffe di Trump è piuttosto imbarazzante, ma ci sono così tante bandiere nel mondo che a volte tutti possiamo confonderci. Prendiamo per esempio la bandiera russa. Basta un piccolo errore per ottenere la bandiera di un altro Paese.

Federazione Russa

Metteteci sopra uno stemma e otterrete la bandiera della Slovacchia o della Slovenia.

Slovacchia

Nello stemma c’è una croce patriarcale (doppia) su sfondo rosso che si innalza sulla cima di uno dei tre monti di colore blu; le tre cime carpatiche dei Tatra, Fatra e Matra.

Slovenia

Nello scudo c’è il profilo del monte Tricorno (in sloveno: Triglav), la vetta più alta del Paese, bianco su sfondo blu; sotto ci sono due linee ondulate blu, che rappresentano il Mare Adriatico e i fiumi sloveni, mentre sopra ci sono tre stelle dorate a sei punte, tratte dallo stemma dei Conti di Celje.

E attenzione a non girare la bandiera russa alla rovescia. O otterrete la bandiera della Repubblica di Serbia dal 1992-2004 (la bandiera regionale all’interno della Repubblica Federale di Jugoslavia e dell’Unione di Serbia e Montenegro.

Serbia (dal 1992 al 2004)

Aggiungeteci sopra l’aquila bicefala con corona e croce serba e avrete la bandiera attualmente in uso.

Serbia (dal 2004)

Volete continuare a giocare con le tonalità del tricolore russo? Otterrete la bandiera francese, olandese, lussemburghese, ceca…

Francia
Olanda
Lussemburgo
Repubblica Ceca

Aggiungete qualche stella e un un sole dorato a otto raggi ed ecco a voi la bandiera delle Filippine.

Filippine

Anche Croazia e Paraguay non si sono accontentati di giocare con i tre colori, spostandoli, ma hanno aggiunto i loro stemmi.

La Croazia quello celebre (almeno per gli appassionati di calcio) a scacchi bianchi e rossi con sulla cima cinque scudetti territoriali (Zagabria, Ragusa, Dalmazia, Istria e Slavonia).

Croazia

La bandiera del Paraguay ha invece la particolarità (unica al mondo tra gli Stati indipendenti) di avere due diversi stemmi sul fronte e sul retro. Davanti c’è una stella gialla a cinque punte in una ghirlanda verde, con le parole “República del Paraguay”. Il retro ha invece il Sigillo del tesoro del Paraguay, un leone con il berretto rosso della libertà su un palo.

Paraguay

Volete qualche cambiamento più radicale? Sostituite nella bandiera russa il blu con il verde e avrete la bandiera bulgara.

Bulgaria

Oppure sostituite il bianco con il giallo e avrete la bandiera del Venezuela. Beh, in questo caso dovrete aggiungere anche un semicerchio di otto stelle a cinque punte bianche.

Venezuela

Sempre con il giallo (ma in proporzione maggiore rispetto alle altre bande) avrete la bandiera della Colombia.

Colombia

E mettendoci sopra uno stemma complicatissimo dove appaiono, tra le altre cose, un condor, il Monte Chimborazo, il fiume Guayas con un battello a vapore, un fascio repubblicano, un sole, e i segni zodiacali dell’ariete, del toro, dei gemelli e del cancro, otterrete quella dell’Ecuador.

Ecuador

Volete togliere il blu? Allora avrete la Polonia…

Polonia

Le dieci bandiere locali russe più strane 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie