Potere e salute: quattro leader russi stroncati dalla malattia

Pietro I sul letto di morte. Ritratto del pittore tedesco Johann Gottfried Tannauer

Pietro I sul letto di morte. Ritratto del pittore tedesco Johann Gottfried Tannauer

Dominio pubblico
Più ancora delle congiure di palazzo, sono state spesso le patologie a influire sulla storia della Russia e dell’Unione Sovietica, e a provocare cambi al vertice

Quando l’imperatore Paolo I morì nel suo palazzo nel 1801, la causa ufficiale fu un colpo apoplettico, anche se molti russi sospettarono – correttamente, a quanto risultò poi – che lo zar fosse stato ucciso dalla congiura di un gruppo di aristocratici. La versione ufficiale sembrava però plausibile: nonostante la turbolenta storia della Russia, la malattia ha abbattuto più capi di Stato di quanti non siano stati rovesciati con la forza.

Pietro il Grande: problemi neurologici, asma, malattie renali

Pietro il Grande sul letto di morte. Dipinto di Ivan Nikitin

Pietro, secondo i contemporanei, aveva “caratteristiche magnifiche e postura nobile” ed era molto alto (203 centimetri). Lo zar, tuttavia, non godeva di buona salute. Era magro per la sua struttura imponente, e soffrì di diverse malattie nel corso dei suoi 52 anni di vita.

Di tanto in tanto, Pietro aveva accessi d’ira apparentemente immotivati. Una volta, dopo una parata, un ambasciatore danese scrisse che lo zar aveva attaccato un soldato a colpi di spada, facendo terribili smorfie e tremando. (All’epoca, Pietro stava sperimentando potenti attacchi che solo sua moglie, la futura imperatrice Caterina I, sapeva come fermare.) 

Pietro morì nel 1725, ma i ricercatori continuano a discutere sulle ragioni del suo strano comportamento. Nikolaj Pukhovskij, uno psicologo contemporaneo, suggerisce l’epilessia. Altri specialisti, citati dallo scrittore Boris Akunin, hanno ipotizzato che lo zar avesse la sindrome di Tourette. Akunin fa notare che nessuna di queste malattie compromette “l’attività intellettuale”, ma certamente potrebbero aver reso la vita di Pietro difficile.

Oltre ai disturbi neurologici, l’imperatore soffriva anche di asma, e la cosa richiedeva visite regolari a sorgenti termali per il trattamento. La sua morte, tuttavia, fu causata da una malattia renale che peggiorò dopo che Pietro aveva salvato diversi marinai da una nave che affondava.

Alessio, figlio dello zar Nicola II: emofilia

Lo

Aleksej Romanov (1904-1918), l’unico figlio maschio dell’ultimo zar della Russia, Nicola II, si è visto negare dalla storia il suo destino di salire al trono, ed è stato fucilato insieme agli altri membri della famiglia a Ekaterinburg. Ma la prospettiva di regnare sulla Russia, tuttavia, era sempre stata a rischio per lo zarevic, a causa della grave malattia da cui era affetto, l’emofilia, che aveva ereditato da sua madre, Aleksandra, una nipote della regina inglese Vittoria.

Questa condizione patologica significava che ogni taglio o livido che il giovane Aleksej si procurava era potenzialmente pericoloso per la vita, poiché il suo sangue non riusciva a coagularsi correttamente per fermare il sanguinamento. Nicola aveva due guardie che seguivano il suo erede ovunque, ma anche questo non poteva evitare tutti i rischi. Diverse volte nella sua vita, Aleksej subì lesioni che lo portarono sull’orlo della morte.

Nel 1917, quando aveva 12 anni, un medico della corte reale dichiarò che l’emofilia rendeva “improbabile che lo zarevic vivesse oltre i 16 anni”. Ma non sapremo mai se la diagnosi fosse giusta. Un anno dopo, nel luglio del 1918, un mese prima del suo 14° compleanno, Aleksej fu ucciso insieme al resto della famiglia reale dai rivoluzionari bolscevichi.

Vladimir Lenin: aterosclerosi progressiva

Vladimir Lenin pochi mesi prima di morire

Laborioso ed energico, il leader della Rivoluzione d’Ottobre, in meno di due anni fu indebolito da una misteriosa malattia. Fu colpito per la prima volta da ictus nel maggio del 1922, il che gli provocò la paralisi e la perdita della parola, un’infermità particolarmente umiliante per il rivoluzionario comunista.

Nel corso del 1922, Lenin riuscì a riprendersi e tornò al lavoro. Ma l’anno seguente dovette lasciare il Cremlino e le sue funzioni. Trascorse mesi nella sua residenza di Gorki (oggi Gorki Leninskie, poco fuori Mosca) e la sua salute si deteriorò rapidamente. I migliori medici, tra cui alcuni fatti venire dalla Germania, non riuscirono a determinare di cosa stesse soffrendo il leader bolscevico.

Come lo scienziato Juri Lopukhin spiega nel suo libro sulla morte di Lenin, che avvenne nel 1924, all’età di 53 anni, “i medici diagnosticarono al paziente tre malattie che non aveva, e lo curarono in modo errato: nevrastenia, avvelenamento cronico da piombo e neurosifilide”. L’autopsia ha mostrato che Lenin morì di aterosclerosi progressiva, in parte causata da danni al suo sistema cardiovascolare dovuti alle ferite subite in un tentativo di omicidio del 1918. (Qui la storia di questo e altri attentati subiti dal leader, anche dopo la morte).

Leonid Brezhnev: problemi con il sistema nervoso e al cuore

Leonid Brezhnev (a destra) e il suo medico di fiducia Evgenij Chazov

Il segretario generale più longevo dell’Unione Sovietica ha visto la sua salute deteriorarsi durante l’ultimo dei suoi 18 anni in carica. Vedendo il loro leader in televisione borbottare e a malapena in grado di camminare, i cittadini sovietici scherzavano amaramente su Brezhnev (“Governa il Paese a sua insaputa”). Quello di cui molti non si rendevano conto era che Brezhnev era malato da molto prima che i sintomi iniziassero a manifestarsi.

“Parlando per assurdo, se avesse lavorato come postino, non come politico, avrebbe vissuto più a lungo”, osserva lo storico Viktor Denninghaus. Secondo lui, Brezhnev ebbe il suo primo infarto nel 1951, oltre un decennio prima di prendere le redini del Partito comunista. Anni di lavoro, ore di tensione, sigarette una dopo l’altra pesarono non poco sul suo destino. Dalla fine degli anni Settanta, non riusciva a dormire senza pillole, cosa che danneggiò il suo cuore.

Forse Brezhnev sarebbe migliorato se fosse andato in pensione, ma non considerò mai questa opzione. “Non ha avuto abbastanza coraggio per ritirarsi e ha dovuto rimanere leader fino ai suoi ultimi giorni”, spiega lo storico Andrej Savin. Brezhnev morì nel sonno nel novembre del 1982, all’età di 75 anni, per un altro attacco di cuore.

Anche la morte di Stalin ha sempre lasciato molti dubbi. Ecco le teorie alternative che sono fiorite sul suo decesso.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond