Scandalo doping, Putin: "Collaborare di più con la Wada"

Il capo del Cremlino ha invitato a non politicizzare il caso: "Bisognava tenere conto del fatto che il meldonium era stato proibito"

Dopo il nuovo terremoto che sta facendo tremare il mondo russo dello sport, il Presidente Vladimir Putin ha affermato che il Ministero dello Sport della Federazione deve collaborare di più con l'agenzia mondiale antidoping Wada e con il Comitato olimpico internazionale. L’obiettivo: evitare che si ripetano nuovi scandali legati al doping. "Bisognava tenere conto del fatto che il meldonium era stato proibito dalla Wada", ha detto il capo del Cremlino, invitando poi a evitare politicizzazioni. 

In totale sono 99 i casi di atleti risultati positivi al meldonium, farmaco vietato dalla Wada dall’inizio del 2016. Sette dei sedici già confermati sono di atleti russi, compresa la tennista Maria Sharapova.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta