Dagli scacchi agli orologi: le bizzarre passioni degli zar (e non solo)

 Ukrainian SSR. General Secretary of the Central Committee of the CPSU Leonid Brezhnev at the hunt in Zalesye

Ukrainian SSR. General Secretary of the Central Committee of the CPSU Leonid Brezhnev at the hunt in Zalesye

Vladimir Musaelyan / TASS
Ivan il Terribile amava l’astronomia, mentre Pietro il Grande si divertiva con la carpenteria, il giardinaggio e addirittura l’odontoiatria. Ecco quali hobby riempivano il tempo libero dei grandi personaggi russi del passato

Giardinaggio, scacchi e scrittura di poesie: esistono modi migliori per trascorrere il tempo? Secondo gli psicologi, il modo in cui le persone scelgono di trascorrere il proprio tempo libero la dice lunga sul loro carattere. Ecco, allora, come trascorrevano i momenti di relax i grandi personaggi russi del passato.

Ivan il Terribile: amante dell’astronomia e degli scacchi

Ivan il Terribile mostra i suoi tesori all'ambasciatore brittanico Horsey. Fonte: wikipedia.orgIvan il Terribile mostra i suoi tesori all'ambasciatore brittanico Horsey. Fonte: wikipedia.org

Nel suo tempo libero Ivan il Terribile adorava guardare le stelle o giocare a scacchi. Provò a far praticare alla corte i suoi hobby preferiti, ma senza successo. Ivan insegnò le regole degli scacchi a Malyuta Skuratov, capo degli Oprichniki, una via di mezzo tra le guardie del corpo personali di Ivan e la guardia nazionale, ma quest’ultimo non diventò mai un buon giocatore. Negli ultimi anni di vita di Ivan, i suoi partner abituali di scacchi erano i suoi due cortigiani preferiti, Boris Godunov e il principe Ivan Glinskij. Secondo la leggenda, lo zar morì seduto davanti alla scacchiera.

Pietro il Grande: dentista e giardiniere

Valentin Serov, "Pietro il Grande durante la costruzione di San Pietroburgo", 1907. Fonte: RIA NovostiValentin Serov, "Pietro il Grande durante la costruzione di San Pietroburgo", 1907. Fonte: RIA Novosti

Pietro il Grande era un uomo dagli interessi apparentemente illimitati. Negli anni Pietro imparò l'arte della costruzione navale, della navigazione e dell’orologeria; prese lezioni di disegno e incisione; studiò come fare la carta; imparò la carpenteria, a fare la muratura e il giardinaggio. Frequentava anche il teatro anatomico dove studiava i dettagli del corpo umano e praticò un intervento chirurgico. Di tanto in tanto, per rilassarsi, praticava anche l'odontoiatria, rimuovendo i denti cariati. A volte si faceva prendere la mano e tirava via anche quelli sani!

Mentre era in Olanda a studiare costruzione navale, Pietro si infatuò del pattinaggio su ghiaccio e trovò il modo per modernizzarne i pattini. Inizialmente, i pattini erano legati a scarpe normali con corde e cinture, ma Pietro inventò una scarpa che aveva le lame già attaccate alle suole.

C'era un mestiere che Pietro non riuscì ad imparare: una volta, mentre cercava di tessere dei sandali, urlò: "Non c'è mestiere più difficile della tessitura dei sandali".

Leonid Brezhnev: giocatore di hockey e cacciatore

Leonid Brezhnev. Fonte: TassLeonid Brezhnev. Fonte: Tass

Tra gli hobby del leader sovietico Leonid Brezhnev c’erano la guida di automobili e l’hockey su ghiaccio. Ma più di tutto amava cacciare. Anche alla fine della sua vita, Brezhnev continuò a trascorrere i fine settimana in una tenuta militare di caccia, Zavidovo. In questa tenuta ai cinghiali davano le patate, così si sarebbero fatti avvicinare dai cacciatori che stavano solo a un centinaio di piedi di distanza. Erano impossibili da mancare, ma un cacciatore professionista sparava in contemporanea con Brezhnev, per ogni evenienza.

Andropov il poeta

Yurij Andropov. Fonte: Eduard Pesov / RIA NovostiYurij Andropov. Fonte: Eduard Pesov / RIA Novosti

Yurij Andropov, che da capo del KGB era responsabile delle purghe negli apparati di partito e di governo, dopo essere stato eletto segretario generale dell'Unione Sovietica, scriveva poesie. I suoi versi spaziavano dalla lirica all’umorismo; alcuni potevano contenere slang e linguaggio inappropriato. Purtroppo non sono ancora stati pubblicati.

Qui la versione originale del testo

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta