A Roma il premio Triumph International per il dialogo tra culture

Il pubblico in sala

Il pubblico in sala

Niva Mirakyan
Il riconoscimento è stato assegnato a personalità che si sono contraddistinte nelle relazioni internazionali, nella politica, nella scienza, nella cultura e nel giornalismo. Fra i vincitori, anche il direttore di Rbth Evgenij Abov

Nella sede del Centro russo di Scienza e Cultura di Roma si è tenuta la prima cerimonia del premio internazionale Triumph International, organizzato dall’Accademia Internazionale della Televisione e Affari Informatici dell'Istituto Russo d'Amicizia dei Popoli.

Lo scopo del riconoscimento è quello di rafforzare il dialogo e integrare diverse culture, investigando nuove opportunità di collaborazioni internazionali. Ed è stato consegnato a personalità che si sono contraddistinte nelle relazioni internazionali, nella politica, nella scienza, nella cultura e nel giornalismo.

Fra questi, attori e musicisti, rinomati giornalisti e uomini d’affari, oltre a diplomatici e scienziati russi e italiani.

L'attore Michele Placido (Credit: Niva Mirakyan)

Nella sezione "cultura" il vincitore è stato il famoso attore e regista Michele Placido. Placido ha sottolineato che "tanti attori italiani devono il proprio sviluppo creativo alla cultura russa". Insieme a Placido il premio "per il contributo allo sviluppo dei rapporti italo-russi nell'ambito di cultura" è stato conferito al pianista del famoso Teatro della Scala James Vaughan, al compositore e direttore d'orchestra Ennio Morricone e al cantante Robertino Loretti, che ha intrattenuto il pubblico cantando l'inno non-ufficiale d'Italia, "O sole mio".

Nella nomination Economia il Triumph International è stato conferito al presidente della società calzaturiera Baldinini Gimmi Baldinini e ad Alessandro Cabella, direttore generale di Roma Cavalieri Waldorf Astoria. 

"Per lo sviluppo dei rapporti italo-russi" a livello diplomatico, il riconoscimento è stato assegnato al Console Onorario della Federazione Russa ad Ancona Armando Ginesi e al Console Onorario della Repubblica Italiana presso Lipetsk Vittorio Torrembini.

“La Russia è molto ospitale verso gli imprenditori italiani, soprattutto per quanto riguarda le zone economiche speciali che aiutano a sviluppare i nostri rapporti bilaterali", ha detto Torrembini, che unisce il suo lavoro diplomatico a quello della presidenza dell’associazioni di imprenditori italiani.

Il direttore di Rbth Evgenij Abov (Credit: Niva Mirakyan)

Mentre "per lo sviluppo dei rapporti nell'ambito della scienza e dell’istruzione" il premio è stato conferito al Direttore Generale dell'Università Sapienza a Roma Carlo Musto D'Amore.

Nella sezione Giornalismo, il premio è andato al vice direttore del giornale Rossiyskaya Gazeta e direttore del progetto internazionale Russia Beyond the Headlines, Evgenij Abov.

"In realtà, se dovessimo valutare il nostro lavoro, questo premio non sarebbe per me ma per la nostra giovane e dinamica squadra che si trova a Mosca. Questi ragazzi sono riusciti a creare un prodotto a cui i lettori italiani si sono affezionati e in cui hanno piena fiducia," ha rimarcato Abov.

Nella stessa nomination il premio è stato assegnato ad altri tre giornalisti: al direttore della sede dell’agenzia TASS in Italia e Vaticano Aleksej Bukalov, al corrispondente  del canale televisivo Pervyi Kanal in Italia Sergej Iezuitov e all'ex corrispondente Rai a Mosca, Giovanni Masotti.

Alla fine della serata gli organizzatori hanno annunciato che il conferimento del Triumph International diverrà un evento annuale in Italia. La seconda premiazione è programmata per 2017 nell'ambito del Summit "Diplomazia dei Popoli del Mondo: Russia-Italia" a Roma.

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta