Covid, la Russia registra un vaccino per gli adolescenti: Sputnik M

Evgenij Sinitsyn/XinHua/Global Look Press
Potrà essere usato per i ragazzi dai 12 ai 17 anni

È stato registrato in Russia un nuovo vaccino anti-Covid19 per gli adolescenti. La notizia è stata annunciata oggi, mercoledì 24 novembre, dalla stampa russa. “Oggi abbiamo ricevuto il permesso di utilizzare lo Sputnik M già nella popolazione pediatrica, il vaccino è stato registrato”, ha detto il vice capo del Centro di ricerca Gamaleja per l'epidemiologia e la microbiologia, Denis Loguno, così come scrive il giornale Izvestija

La notizia era stata anticipata già qualche ora prima da Tatiana Golikova, vice primo ministro e a capo dell'unità di crisi incaricata di combattere il virus. 

Il siero Gam-Covid-Vac M (conosciuto comunemente come “Sputnik M”) potrà essere usato per i ragazzi dai 12 ai 17 anni, ha spiegato Golikova, precisando che il preparato non sarà messo in circolazione fino alla fine di dicembre.

Va notato che i giovani di età superiore ai 15 anni potranno decidere da soli di sottoporsi a questa procedura medica; al di sotto di questa età, sarà invece necessario il consenso dei genitori.

I test clinici per questo vaccino (sviluppato dallo stesso istituto che ha prodotto lo Sputnik V, di cui è una versione cinque volte meno concentrata), sono iniziati a Mosca il 5 giugno.

LEGGI ANCHE: ​​In Russia si vaccinano in pochi, ma perché? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie