Covid: Il vaccino russo Sputnik V sarebbe efficace all'83% contro la variante Delta

Marcos Brindicci/Getty Images
I dati annunciati nel giorno dell'anniversario della registrazione dello Sputnik in Russia

“Oggi il vaccino Sputnik V sta dimostrando risultati efficaci nella prevenzione e nel contenimento della variante Delta. Gli ultimi risultati mostrano un livello di efficacia di circa l'83%: si tratta di dati russi forniti dai nostri colleghi medici”. Lo ha detto il ministro russo della Salute Mikhail Murashko, così come scrive l’agenzia Tass. Esattamente un anno fa, l’11 agosto 2020, veniva registrato in Russia il primo preparato al mondo contro il Covid-19. Secondo Murashko, “il vaccino previene i casi gravi di infezione praticamente in più del 95% dei casi”, ha aggiunto.

Il preparato, sviluppato dal Centro “Gamaleya” col supporto finanziario del Russian Direct Investment Fund (RDIF) che ne gestisce la commercializzazione all’estero, si basa sulla piattaforma adenovirale; il ciclo vaccinale prevede 2 dosi somministrate a 21 giorni di distanza.

Secondo una nota del RDIF, “il vaccino russo ha dimostrato uno dei migliori parametri di sicurezza ed efficacia” anche nei paesi esteri dove viene somministrato, come Argentina, Bahrain, Ungheria, Messico, Serbia, Filippine ed Emirati Arabi.

LEGGI ANCHE: Sputnik V, a quali paesi la Russia vende il proprio vaccino anti-Covid? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie