Anche l'Egitto registra il vaccino russo Sputnik V contro il covid

Ashraf Amra/Keystone Press Agency/Global Look Press
È il 35° paese ad aver autorizzato il preparato russo per fermare il virus

L'Egitto è il 35° paese ad aver autorizzato lo Sputnik V, il primo vaccino registrato al mondo contro il Covid-19, sviluppato in Russia dall'Istituto Gamaleya. Lo riporta il Fondo Russo per gli Investimenti Diretti (RDIF).

“L'Egitto è il paese più popoloso del Medio Oriente, e la decisione dell'Autorità egiziana per i farmaci di includere lo Sputnik V nel portafoglio nazionale dei vaccini dimostra un'alta valutazione della sicurezza e dell'efficacia del vaccino”, ha commentato Kirill Dmitriev, direttore generale del RDIF.

Le tempistiche e i volumi della consegna, per questo paese di 104 milioni di abitanti, non sono ancora stati resi noti. 

Nei giorni scorsi anche San Marino ha ricevuto le prime dosi dello Sputnik V, al momento approvato, oltre che in Russia, anche in Bielorussia, Argentina, Bolivia, Serbia, Algeria, Palestina, Venezuela, Paraguay, Turkmenistan, Ungheria, UAE, Iran, Repubblica di Guinea, Tunisia, Armenia, Messico, Nicaragua, Bosnia Herzegovina, Libano, Myanmar, Pakistan, Mongolia, Bahrain, Montenegro, Saint Vincent e Grenadines, Kazakhstan, Uzbekistan e Gabon.

LEGGI ANCHE: Tutti i dubbi e le domande sullo Sputnik V, il primo vaccino russo contro il Covid-19  

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie