I cinque migliori aerei della mitica azienda sovietica e russa Ilyushin

Musa Salgereev/Sputnik
La fabbrica che ha il nome di Sergej Iljushin (1894-1977), uno dei padri dell’aviazione dell’Urss, ha prodotto nei decenni velivoli eccezionali, tra cui quelli che ancora oggi portano in giro Putin e Kim Jong-un

1 / Ilyushin Il-2 Shturmovik 

Questo potente monomotore da attacco al suolo ad ala bassa scatenò l’inferno a terra tra le file nemiche durante la Seconda guerra mondiale, colpendo con grande efficacia la fanteria e le colonne di carri armati, le batterie di artiglieria e antiaeree, i depositi e i treni. 

L’aereo fu un vero incubo per i tedeschi, che lo soprannominarono “la morte nera”. I sovietici lo chiamavano invece il “carro armato volante”.

Nel primo periodo della guerra, il monoposto Il-2 subì forti perdite dagli intercettori nemici. Di conseguenza, fu deciso di progettare un aereo biposto per ospitare un mitragliere. La nuova versione vide la luce nel 1942. 

La posizione del mitragliere era piuttosto scarsamente protetta, il che portò a perdite elevate tra questi ultimi. Statisticamente, per ogni pilota ucciso morivano sette mitraglieri. Il problema fu risolto con il suo successore, che modernizzava l’Il-2: l’Ilyushin Il-10, dove entrambi i posti erano ben protetti. Sfortunatamente, si alzò in cielo solo nel 1944.

Con 36.183 unità, l’Il-2 rimane l’aereo da combattimento più prodotto della storia. 

2 / Ilyushin Il-14 

l’Il-14 fu il principale aereo passeggeri sovietico degli anni Cinquanta. Era utilizzato non solo per i voli di linea, ma anche dai funzionari di alto livello. Questo piccolo velivolo con una capacità massima di 36 passeggeri portava regolarmente delegazioni sovietiche in terre lontane: India, Afghanistan e Paesi europei. 

Affidabile e di facile manutenzione, l’Il-14 si comportava perfettamente nelle più dure condizioni climatiche. Ecco perché fu scelto come principale aereo sovietico per l’uso nell’Artico, in Antartide e nell’estremo Nord russo.

Grazie alle sue eccezionali caratteristiche tecniche, l’Il-14 è stato molto popolare in tutto il mondo e fu esportato in 31 paesi. Nonostante la sua età avanzata, alcuni esemplari sono ancora in uso per il trasporto merci e militare. 

3 / Ilyushin Il-28 

Il primo bombardiere sovietico, l’Il-28, fu molto amato dai piloti. Spesso “perdonava” i loro errori durante il volo, rimanendo controllabile e stabile. 

Subì 17 modifiche: e ne furono prodotte versioni anti-sottomarino e aerosiluranti e un bombardiere nucleare tattico, armato con la bomba nucleare RDS-4. 

Ai funerali di Stalin, il 9 marzo 1953, tra tutti gli aerei militari sovietici solo l’Il-28 riuscì a volare in mezzo al fitto nevischio a bassa quota sulla Piazza Rossa per dare l’ultimo saluto al leader scomparso quattro giorni prima. 

L’aereo ha preso parte a numerosi conflitti in tutto il mondo: le guerre civili in Yemen (1962-1970) e Nigeria (1967-1970), la guerra cambogiana-vietnamita (1978-1989). È stato particolarmente diffuso tra gli Stati arabi e utilizzato nelle loro guerre contro Israele negli anni Sessanta e Settanta. 

4 / Ilyushin Il-62 

L’Il-62 era il primo jet di linea a lungo raggio dell’Unione Sovietica, progettato per i voli intercontinentali. Era il più grande aereo passeggeri del mondo, quando venne lanciato nel 1963.

Veloce, affidabile e molto più comodo degli altri aerei sovietici, l’Il-62 era destinato a gettare buona luce sull’Unione Sovietica all’estero. Per decenni, la variante di Il-62M servì da “Air Force One” per i leader sovietici e russi fino a cedere il posto nel 1995 all’Il-96. 

Al giorno d’oggi, la maggior parte degli operatori di Il-62 in tutto il mondo ha smesso di usarlo per il trasporto di passeggeri. L’aereo, tuttavia, è ancora in uso dal Ministero della Difesa russo e Ministero delle Situazioni di emergenza. 

Il Sudan usa ancora l’Il-62 per trasportare membri del governo, e la Corea del Nord ne rimane il principale utilizzatore. Oltre a tre velivoli della compagnia aerea locale Air Koryo, un Il-62 è usato come aereo di Stato dal leader del Paese, Kim Jong-un. 

5 / Ilyushin Il-76 

Con quasi 1.000 unità, l’Il-76 è il jet cargo militare più prodotto al mondo. Vero gioiello dell’industria aeronautica sovietica, l’aereo è in produzione dagli anni Settanta ed è operativo in decine di Paesi in tutto il mondo, dall’India agli Stati Uniti. 

L’aereo è in grado di trasportare 245 soldati con armi, 126 paracadutisti completamente equipaggiati o tre veicoli da combattimento di fanteria. 

L’Il-76 ha diverse versioni, tra cui l’Il-76SK, un posto di comando strategico per guidare le forze nucleari del Paese nel caso in cui i punti di controllo a terra fossero tutti messi fuori servizio. 

Un’altra versione, l’Il-76MDK è progettato per un addestramento completo dei cosmonauti. Vola ad un’altitudine di 6.000 metri prima di andare in picchiata per 27 secondi e replicare la gravità zero. Tale manovra viene ripetuta decine di volte.

 

I cinque migliori aerei della mitica azienda sovietica e russa Yak 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie