ExoAtlet, l’esoscheletro che promette di rivoluzionare la vita delle persone con difficoltà motorie

ExoAtlet
Progettato da un team russo, si prepara a sbarcare sul mercato globale. La co-fondatrice del progetto: “Consentirà di camminare nuovamente come prima”

ExoAtlet, un esoscheletro medico disegnato da un team di sviluppatori russi e finalizzato alla riabilitazione di pazienti con difficoltà motorie agli arti inferiori, approderà presto nei mercati di Usa, Cina e Giappone. Questa startup moscovita ha ottenuto 5 milioni di dollari dalla coreana Cosmo and Company Co.
Insieme all’intellingenza artificiale e al blockchain, il mercato bionico continua a fare passi da gigante. Si prevede che il mercato di esoscheletri nel 2026 arrivi a valere 4,65 miliardi di dollari.
Aziende come Ekso Bionics, HAL Cyberdyne, ReWalk e Indigo già offrono prodotti che permettono di camminare alle persone con lesioni alla spina dorsale.
Gli sviluppatori russi dell’impresa ExoAtlet affermano che il prodotto offre grandi vantaggi a chi lo utiilizza. L’azienda ha già aperto una sede un Corea e ora si sta facendo strada nei mercati asiatici e americani.
“Grazie alle nostre soluzioni tecniche, la gente che utilizza gli esoscheletri può tornare a camminare quasi come prima”, ha spiegato a Russia Beyond Ekaterina Berezi, cofondatrice di ExoAtlet.
Secondo lei, il team di ExoAtlet, insieme a un gruppo di dottori russi, ha sviluppato nuovi metodi di riabilitazione per pazienti con lesioni alla spina dorsale e altre complicazioni. A rendere ExoAtlet competitivo sul mercato è anche il prezzo.
L’azienda ha già ottenuto pareri positivi in Corea. Dopo aver ottenuto la certificazione, ha venduto ben 8 esoscheletri in un solo mese. Nella seconda metà del 2018 la startup aprirà nuove sedi anche in Giappone e Cina e avvierà le vendite a Singapore, in Malasia, Tailandia e Vietnam.
Secondo Joe Yong, CEO di ExoAtlet Asia, nei prossimi dieci anni ci sarà un veloce sviluppo per quanto riguarda il mercato della robotica legata alla riabilitazione.
“Progettiamo di vendere esoscheletri a cliniche e a singole persone”, ha detto Yong.
Inoltre l’azienda prevede di aprire un’ufficio anche a Washington e di avviare test clinici negli ospedali locali. Al termine dei test clinici, riceverà il certificato della FDA, l’agenzia del governo Usa responsabile per la regolamentazione degli alimenti, dei farmaci, dei cosmetici e degli apparecchi medici. Un processo che in totale dura due anni e al termine del quale si potranno vendere gli esoscheletri nel mercato Usa. Il prezzo verrà stabilito dopo uno studio di mercato e l’approvazione da parte della FDA.
“Sono parecchi gli ospedali americani che hanno già dimostrato il proprio interesse – ha detto Ekaterina Berezi -. Il passo successivo sarà quello di mettersi in contatto con i pazienti”.
Gli sviluppatori dell’esoscheletro sperano che l’approvazione da parte della FDA possa aprire le porte del mercato latinoamericano.
Il cammino di ExoAtlet è iniziato nel 2011 con un progetto del Ministero russo delle Situazioni di Emergenza ed era stato creato per essere utilizzato in presenza di incendi o per spostare grossi pesi. Le prime versioni erano state sviluppate per aiutare le persone a spostare pesi fino a 200 kg. Nel 2013 il team ha iniziato a lavorare allo sviluppo di un esoscheletro medico.


Scoprite la app russa inventata da un ragazzo di 17 anni per far comunicare i sordociechi!

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più