Russia, passo decisivo degli scienziati verso la tecnologia dei dispositivi indossabili

Lars Hagberg/Global Look Press
Scoperto un mezzo rivoluzionario per migliorare le proprietà ottiche ed elettriche dei nanotubi di carbonio, alla base dei super gadget del futuro

I nostri gadget, inclusi smartphone e tablet, non sono per niente vicini al massimo delle loro potenzialità. La sfida più grande è il touchscreen, soprattutto quando si parla di frequenza di aggiornamento, tempo di risposta e consumo energetico. 

Il mercato globale dell’“interfaccia aptica” – la tecnologia associata al senso del tatto – dovrebbe raggiungere i 20,4 miliardi di dollari entro il 2025, e i nuovi dispositivi necessitano di nuove soluzioni.

Un gruppo di scienziati dell’Istituto Skolkovo di Scienza e Tecnologia (Skoltech) di Mosca ritiene che i semiconduttori realizzati con nanotubi di carbonio a parete singola possano sostituire i loro equivalenti di ossido di metallo nell’elettronica. 

Le pellicole conduttive trasparenti (PCT) di ossido di metallo attualmente utilizzate nell’industria presentano diversi inconvenienti per quanto riguarda la riflessione, la fragilità e l’alto costo delle materie prime. Rispetto alle pellicole di ossido di metallo, quelle in carbonio a parete singola sono flessibili, resistenti e chimicamente stabili. 

Le caratteristiche opto-elettriche delle pellicole di nanotubi di carbonio, tuttavia, devono essere migliorate. A tal fine, il team di Skoltech ha usato una sorta di “doping”, rivestendone la superficie con un liquido denso, per modificare le proprietà elettriche e ottiche del materiale. 

“Abbiamo usato il cloruro d’oro come doping più efficace per le pellicole di nanotubi di carbonio a parete singola”, ha detto il dottorando di Skoltech Aleksej Tsapenko, autore principale dello studio. “Siamo stati in grado di migliorare le proprietà opto-elettriche dei film ottimizzando il solvente e le condizioni di trattamento.” 

Gli scienziati hanno sviluppato con successo pellicole di nanotubi di carbonio a parete singola che corrispondono alle caratteristiche opto-elettriche delle loro controparti di ossido di metallo. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Carbon. 

 

Skoltech funziona anche come incubatore di start up. Volete sapere quali sono le più promettenti. Leggete qui.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie