Nel cimitero dei carri armati

La Russia ha ricevuto in eredità dall’Unione Sovietica un elevato numero di mezzi militari ormai obsoleti. E oggi buona parte di queste attrezzature si sta ricoprendo di ruggine in grandi depositi adibiti al loro raccoglimento e smaltimento. Un problema al quale sta cercando di porre rimedio il Ministero della Difesa

Riciclare attrezzature militari ormai obsolete è un compito importante per le forze armate russe. E non è semplice stabilire se questo compito venga svolto con successo. Molti depositi, infatti, vengono costantemente aggiornati con nuovi esemplari di vecchie armi e carri armati

Spesso questi “cimiteri” sono del tutto incustoditi. Ci sono stati casi in cui alcuni raccoglitori di funghi, durante le loro scampagnate, hanno rinvenuto vecchi missili S-200 SAM abbandonati nella regione di Mosca

Tra gli espedienti utilizzati dal Ministero della Difesa per smaltire attrezzature obsolete c’è l’organizzazione di aste speciali dove vecchi veicoli, ad esempio, possono essere acquistati da singoli individui o da organizzazioni di vario tipo

Prima della vendita le attrezzature militari passano attraverso un processo di “demilitarizzazione”, che prevede la rimozione delle armi e di vari dispositivi

Capita anche che un carro armato o un veicolo militare vengano scartati ancora prima di entrare in servizio e che non abbiano accumulato nemmeno chilometro percorso

Le attrezzature vendute vengono quindi riconvertite per scopi civili. I vecchi carri armati possono essere impiegati come veicoli anti-incendi adatti a intervenire in condizioni difficili

Altre attrezzature vengono invece trasferite in apposite strutture e qui private di alcune parti. I pezzi ancora funzionanti vengono riutilizzati, mentre il resto viene scartato

Un’altra alternativa è quella di destinare le vecchie attrezzature a veri e propri “cimiteri” per le armi, dove le carcasse restano in attesa di essere riciclate o vengono semplicemente lasciate marcire sotto la pioggia e la neve

Tuttavia la Russia non è l’unico Paese che si ritrova ad affrontare il problema dell’attrezzatura militare da smaltire. Simili cimiteri si possono trovare ovunque, anche a Vercelli, in Italia

Il Ministero russo della Difesa però non è intenzionato a ripetere gli errori del passato e oggi sta concordando con i fabbricanti di armi prodotti più duraturi, così come nuove tecniche che consentano il loro riciclo e lo smaltimento. Si spera infatti che queste misure possano, in futuro, ridurre il numero di cimiteri militari

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Leggi di più