Il rito della banya russa raccontato in foto

Getty Images
Una tradizione antichissima, viva ancora oggi. Ecco come è nata l’usanza della banya, fra bagni di vapore, massaggi con i rami di betulla e tuffi nella neve

Immaginate una capanna dove la temperatura è di circa 100℃. Un'intera famiglia si siede all’interno, finché la pelle non diventa color rosso fuoco. Nell’attesa, si battono l'un l'altro con un mazzo di rami di betulla; dopo di che corrono fuori semi nudi e si buttano nella neve! Questa scena folle è in realtà una cosa all’ordine del giorno per i russi. È il rito della banya!

La banya russa non ha niente a che vedere con l'umidissimo e bagnato hammam turco o la secchissima sauna finlandese. In realtà è una via di mezzo, con un'aria piuttosto umida che porta a sudare abbondantemente.

Una banya russa vicino al lago Bajkal, in Siberia. Marzo 2011

Originariamente, una banya non era altro che una capanna con due stanze: una serviva per cambiarsi, l’altra per fare il bagno e fumare. La gente preparava la banya in anticipo, riscaldandola adeguatamente con la legna. La stufa della banya veniva  usata anche per riscaldare l'acqua nei secchi. 

Nel villaggio di Bobrovka, 400 km a nord della città siberiana di Omsk, la gente esce di corsa da una banya mobile per tuffarsi nella neve. 27 dicembre 2009

Dopo aver sudato nella stanza del vapore, la gente si lavava con il sapone e si versava l'acqua calda addosso. A volte, i bambini venivano lavati in piccole tinozze e gli adulti riutilizzavano quella stessa acqua. Di solito, le donne e i bambini usavano la banya prima degli uomini, finché la temperatura non diventava troppo alta. 

Un uomo fa la doccia fredda, come da tradizione, dopo il bagno di vapore in una banya mobile sulle rive del fiume Tuba, vicino al villaggio di Kochergino, circa 460 km a sud-est della città siberiana di Krasnoyarsk. 1 dicembre 2013

Le stufe delle antiche banye non avevano una canna fumaria e, di conseguenza, tutto il fumo entrava nella stanza; le porte venivano poi aperte e la gente entrava solo quando il fumo si disperdeva. Tutte le pareti interne erano coperte da uno strato di fuliggine nera. Solo successivamente apparvero le banye dotate di canna fumaria.

La banya è uno degli elementi essenziali della vita russa fin dai tempi antichi. E non si tratta solo di fare il bagno e lavarsi: è un vero e proprio rituale! I contadini andavano alla banya una volta alla settimana, soprattutto il sabato. In questo modo, si lavavano dopo la settimana lavorativa e, allo stesso tempo, si preparavano per andare in chiesa la domenica.

Un turista si gode la banya in un lussuoso complesso di saune chiamato

LEGGI ANCHE: Il rito della banja ritratto dai pittori russi 

I rami di betulla o di quercia venivano preparati in anticipo; e sono considerati ancora oggi un elemento imprescindibile. Vengono usati non solo per battere il corpo, facendo un intenso massaggio, ma anche per aromatizzare l’ambiente e intensificare il vapore e il calore. 

Ragazzi giocano sulla neve fuori dalla banya mobile nel villaggio di Bobrovka, a 400 km da Omsk. 27 dicembre 2009

La persona più importante in una banya pubblica è l'addetto al bagno: organizza tutte le procedure, si occupa del vapore e dei massaggi con i rami di betulla. Inoltre, aiuta le persone a lavarsi e a versarsi l'acqua addosso. 

Il rituale

Molti russi che vivono in campagna o possiedono una dacia, di solito costruiscono un’altra piccola casetta in legno per la banya. Chi non ha la fortuna di avere una banya privata, usa quelle pubbliche, presenti in tutte le città russe. 

Un uomo si

Se ne possono trovare diverse in ogni città: a San Pietroburgo c'è la famosa banya Yegorovsky (Kazachy), un complesso di cinque ambienti aperto alla fine del XIX secolo da un ricco mercante di nome Efim Egorov. Era un posto estremamente lussuoso con gli interni riccamente decorati. Questa banya non era economica, ma proponeva comunque fasce di prezzo diverse per ogni tipo di clientela. Per gli ospiti più facoltosi, c'erano a disposizione spogliatoi e bagni privati.

Una banya nell'oblast di Irkutsk

La più famosa banya di Mosca è la Sanduny. È assolutamente splendida e assomiglia più a un palazzo che a una banya. 

Banya Sanduny

In epoca sovietica si poteva stare in coda a lungo per entrare in una banya durante il fine settimana. Il rituale iniziava con la scelta e l’acquisto dei rami di betulla.

Visitatori nella banya Yegorovsky, 1907

Ovviamente, al giorno d’oggi lo scopo principale del possedere una banya si è perso, visto che tutti oramai hanno l’acqua calda nel proprio appartamento e si possono lavare comodamente in casa. Tuttavia, la banya resta un luogo di socializzazione e la gente trascorre molto tempo nelle sale comuni, bevendo tè o birra, mangiando e chiacchierando, dopo esser passata per la stanza del vapore. 

Una banya pubblica di Omsk

Bere alcolici nella banya è altamente sconsigliato, a causa degli effetti delle alte temperature sul sistema cardiovascolare. Tuttavia, la banya è sempre stata un’ottima scusa per uscire di casa e andare con gli amici a bere un goccetto.

Nikolaj Eremenko e Semjon Farada. Dalla serie

Il più famoso film sovietico, “Ironia del destino”, ha immortalato l'immagine della banya come luogo dove ubriacarsi. Il protagonista va alla banya con gli amici prima di Capodanno... e si risveglia in un'altra città!

Una scena tratta dal film

A proposito, donne e uomini hanno sempre usato le banye pubbliche separate. Alcune avevano un reparto riservato alle donne, altre invece venivano usate a giorni alternati. I bambini molto piccoli andavano con le loro madri, mentre i ragazzi più grandi andavano con i padri.

Oggigiorno, la gente considera la banya simile alle procedure termali e ne apprezza i benefici curativi. La pelle diventa più morbida, ci si sente rinascere e si crede che aiuti a rimanere in forma e a perdere peso!



LEGGI ANCHE: Il manuale della banja: la guida completa per farla come un russo 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie