Ripassiamo la geografia: questi paesi NON fanno parte della Russia

Aleksandr Kislov
Mettiamo le cose in chiaro per coloro che ancora si chiedono se la Bielorussia faccia parte o meno della Federazione Russa...

Dando un’occhiata alle domande più frequenti che vengono poste sui motori di ricerca, ci si imbatte in interrogativi bizzarri, del tipo: “La Bielorussia è in Russia?”, oppure “La Jugoslavia fa parte della Russia?”. Tralasciando il fatto che la Jugoslavia non esiste più da tempo come paese, ci sembra doveroso mettere le cose in chiaro, una volta per tutte: 

Bielorussia

Dal XIII secolo, le terre dell'attuale Repubblica di Bielorussia sono appartenute al Granducato di Lituania, che più tardi è entrato a far parte della Confederazione polacco-lituana.

Il territorio etnico bielorusso ha fatto parte dell'Impero Russo dal 1795 al 1917.

Il 2 gennaio 1919 fu creata la Repubblica Socialista Sovietica Bielorussa, che più tardi divenne parte dell'URSS. Nel 1990, con il crollo dell’URSS, fu ufficialmente creata la Repubblica di Bielorussia come Stato indipendente.

Ucraina

La Rus' di Kiev, un antico Stato che esisteva ancor prima della nascita della Russia, occupava in passato il territorio della moderna Ucraina. La sua capitale era Kiev. 

Queste terre subirono grandi perdite nel XIII secolo durante l'invasione mongolo-tatara e, in seguito, divennero parte della Confederazione polacco-lituana.

Dopo le spartizioni della Polonia nel 1772-1795, le terre dell'Ucraina furono divise tra l'Impero Russo e il Regno di Galizia e Lodomiria. Quando l'Impero Russo cessò di esistere, nel 1917, fu creata la Repubblica Socialista Sovietica Ucraina che, nel 1922, divenne anch'essa parte dell'URSS. Nel 1991, l'Ucraina divenne uno Stato indipendente.

Serbia

La Serbia è un paese europeo indipendente che esiste almeno dall'VIII-IX secolo. Non ha mai fatto parte della Russia.

Jugoslavia

La Jugoslavia era uno stato dei Balcani esistito dal 1918 al 2003. Comprendeva Serbia, Croazia, Slovenia, Macedonia, Montenegro e Bosnia ed Erzegovina come repubbliche che ora sono tutti stati indipendenti. Nessuna di loro ha mai fatto parte della Russia.

Estonia

Le terre dell'Estonia una volta appartenevano all'Ordine Livoniano. Prima di essere annesse all'Impero Russo nel 1721, come risultato della vittoria della Russia nella Grande Guerra del Nord, facevano parte della Svezia. Dopo la caduta dell'Impero Russo, nacque la Repubblica Estone. Nel 1940, l'Estonia divenne parte dell'URSS e riacquistò la sua indipendenza nel 1991.

Georgia

Il regno unificato di Georgia apparve sulle terre della Georgia contemporanea nell'XI secolo. Nel XVIII secolo, la Georgia cristiana finì sotto le pesanti pressioni degli stati musulmani confinanti e fu ferocemente attaccata e saccheggiata dall'esercito persiano nel 1795. Nel 1801, divenne parte dell'Impero Russo. Dopo la caduta dell’Impero Russo, la Georgia dichiarò la sua indipendenza nel 1918. Nel 1922-1991, la Georgia ha fatto parte dell'URSS come Repubblica Socialista Sovietica Georgiana. È di nuovo indipendente dal 1991.

Lettonia

Le terre della Lettonia facevano parte di uno stato creato dall'Ordine Livoniano; la Livonia, che poi si unì alla Confederazione Polacco-Lituana; successivamente divenne parte dell'Impero Russo. Ottenne l'indipendenza nel 1918 come Repubblica Sovietica di Lettonia e divenne anch’essa parte dell'URSS. La Lettonia ottenne l'indipendenza nel 1991.

Lituania

Il Granducato di Lituania fu formato nel XIII secolo. Divenne parte della Confederazione Polacco-Lituana con la sua formazione nel 1569. Proprio come la Lettonia, divenne in seguito parte dell'Impero Russo, ma, nel 1918-1940, divenne indipendente e non si unì all'URSS. La Repubblica Socialista Sovietica Lituana venne formata nel 1940 e alla fine si unì all'URSS. Nel 1990, la Lituania fu la prima repubblica sovietica a riconquistare l'indipendenza.

LEGGI ANCHEPerché la Russia è così scarsamente popolata?

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie