Com’è guidare un’auto elettrica nel paese dei rigidi inverni e delle distanze infinite?

Sergej Shakhidzhanyan/TASS
Aumentano le auto elettriche in Russia, anche se rappresentano una percentuale molto ridotta rispetto al numero di veicoli in circolazione. Alcuni automobilisti ci hanno raccontato cosa vuol dire guidare una Tesla a -25°C sulle distanze sconfinate del paese più grande del mondo, dove trovare una colonnina per la ricarica è un’operazione quasi impossibile

Quando Denis, della città di Kemerovo, ha comprato un’auto elettrica, ha dovuto raccogliere le autorizzazioni dei suoi vicini di casa e affrontare una miriade di procedure burocratiche per ottenere il permesso di installare nel suo complesso residenziale una colonnina di ricarica per auto elettriche.

Nonostante siano un fenomeno in aumento, le macchine elettriche in Russia rappresentano ancora una minuscola frazione delle auto in circolazione; ma, al di là delle difficoltà tecniche, alcuni automobilisti del paese dei rigidi inverni e delle distanze sconfinate stanno ugualmente scommettendo sulle auto del futuro. 

Una goccia nell'oceano

Nonostante il recente incremento registrato nel 2021, le auto elettriche sono ancora molto rare sulle strade russe: all’inizio dell’anno in tutto il paese si contavano appena 10.800 modelli.  

Una cifra comunque incoraggiante, se paragonata a quella del 2020: +71%. Ma se si considera che nel paese si contano 45 milioni di vetture, ci si rende conto che si tratta di una goccia nell’oceano.

Curiosamente, il 97% di tutte le auto elettriche in Russia - per lo più Nissan Leafs - sono con guida a destra, nonostante nella Federazione sia ufficialmente in uso il volante a sinistra; la maggior parte di quelle auto sono registrate nell'Estremo Oriente russo. Alcune persone credono infatti che l’elettricità su quattro ruote rappresenti il futuro del settore.

Una Tesla in Siberia

Il blogger Kirill Petrov si definisce “il più grande fan di [Elon Musk] nella Federazione Russa”. Possiede alcune auto Tesla e pubblica regolarmente recensioni video sul suo canale YouTube. Originario di Novokuznetsk, in Siberia, Petrov è anche un esperto di guida di auto elettriche - in particolare Tesla - a temperature sotto lo zero.

“Elon Musk non ha di certo concepito quest'auto per queste temperature estreme”, ha detto Petrov mentre si sedeva a bordo della sua Tesla per intraprendere un viaggio di 170 chilometri da Novokuznetsk alla stazione sciistica siberiana di Sheregesh in pieno inverno.

Nonostante l'auto abbia consumato il doppio della normale batteria, il blogger e la sua troupe sono arrivati a destinazione senza grossi problemi; l’unico inconveniente, è stato quando una porta anteriore si è rifiutata di aprirsi perché congelata. 

Petrov ha quindi tentato di caricare la batteria dell'auto da una presa elettrica standard. E ha funzionato! Ma quando si sono ritrovati con la prolunga per la ricarica rotta, il team è stato costretto a fare i salti mortali per riuscire a caricare l’auto attraverso la presa elettrica di una casa.

Nonostante le pessime condizioni climatiche (il termometro segnava -25°C), l'auto ha calcolato che avrebbe avuto abbastanza energia per tornare a Novokuznetsk in poco più di 24 ore. Nonostante queste piccole disavventure, la recensione di Petrov è stata positiva, in quanto ha effettivamente dimostrato che l'auto è abbastanza affidabile anche nei rigidi inverni siberiani.

Le auto elettriche a Mosca

Nella capitale russa i pionieri dei veicoli elettrici sono perlopiù persone facoltose e di potere. 

L'oligarca russo Roman Abramovich avrebbe portato in Russia 20 auto Tesla da distribuire ai suoi “partner e conoscenti fidati”, al fine di diffondere i vantaggi di questi modelli. Secondo indiscrezioni di stampa, fra coloro che avrebbero ricevuto una Tesla dall’oligarca ci sarebbe anche il direttore del museo di arte contemporanea “Garage” Anton Belov.

“Mi sembra che la Tesla crei un'immagine positiva per il suo proprietario: [la gente] mi guarda come se fossi una specie di alieno [venuto] dal futuro. Penso che, gradualmente, il mondo intero passerà alle auto elettriche e a quelle a idrogeno. E anche il nostro paese lo farà”, ha detto Belov in un’intervista.

Maksim Spasenenko, un altro proprietario di un'auto Tesla a Mosca e co-fondatore di un'azienda locale di noleggio Tesla, condivide l'opinione di Belov riguardo alle potenzialità di questi veicoli: “Tesla è un'auto di città. Anche se i viaggi a lunga distanza sono ugualmente possibili, qui in Russia non è comodo al 100% [guidare una Tesla su lunghi tragitti] perché, rispetto agli Stati Uniti, le infrastrutture non sono ancora così sviluppate. Ma è un'ottima macchina da guidare in città”.

“[A Mosca] ci sono abbastanza colonnine per la ricarica - ha aggiunto Spasenenko -. Ma se il governo volesse diffondere le auto elettriche nel paese, dovrebbe sviluppare ulteriormente le infrastrutture, altrimenti questo tipo di modelli resterà circoscritto a coloro che possiedono parcheggi privati e a coloro che idealizzano Elon Musk. Il resto della popolazione rimarrà con l’idea che possedere un tipo di macchina così non sia per niente comodo”.

LEGGI ANCHE: Non solo Tesla: guardate le foto di queste sette auto elettriche russe 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie