I cinque meteoriti più grandi caduti vicino a città o villaggi russi

Legion Media
Sul territorio della Russia se ne sono abbattuti diversi, ma questi sono stati quelli che hanno rischiato di fare vittime e a volte hanno fatto feriti (e forse uno ha portato all’estinzione di massa)

Cadute di meteoriti sulla Terra si verificano molto spesso, ma solo 500 arrivano ogni anno fino alla superficie terrestre, tra cui alcuni vicino alle città, di fronte a molti testimoni oculari. Ecco una lista di alcuni dei meteoriti più grandi e insoliti caduti in Russia, da uno molto antico a quattro recenti.

1 / Cratere Puchezh-Katunskij

Sul territorio della Russia ci sono molti antichi crateri meteoritici che lasciano sbalorditi per le loro dimensioni. Il più grande è il cratere Popigajskij, situato in Jacuzia, ben lontano da insediamenti abitati. Il più grande dei crateri in territori abitati è invece il Puchezh-Katunskij, il secondo in assoluto più grande del paese. Il suo diametro è di 80 km (20 km in meno del Popigajskij). Si trova sul territorio di numerosi distretti della regione di Nizhnij Novgorod, 485 chilometri a nord-est di Mosca e a a 80 km dal capoluogo regionale. Il cratere fu scoperto nel 1965, e all’inizio i ricercatori pensarono che fosse un vulcano spento, ma l’analisi delle rocce chiarì che si aveva a che fare con il cratere di un meteorite gigante.

A giudicare dalle dimensioni del cratere, il diametro del meteorite era di più di un chilometro e poteva sollevare una nuvola di polvere nel cielo in grado di causare un “inverno da asteroide”, per l’oscuramento del sole dato dalle enormi quantità di polveri e ceneri sollevatisi, il che avrebbe portato all’estinzione di massa di varie specie. Questo è ciò che ha messo in dubbio la datazione generalmente accettata dell’evento: si credeva che il cratere Puchezh-Katunskij si fosse formato 167 milioni di anni fa, e nessuna estinzione di massa risale a quell’epoca. Nel 2019, un gruppo di scienziati russi ed europei ha pubblicato uno studio in cui hanno scritto: “A causa delle dimensioni relativamente grandi, la struttura del Cratere Puchezh-Katunskij è il principale candidato per lo studio della relazione tra gli effetti della velocità supersonica e l’estinzione delle specie”. Esperimenti su campioni di roccia hanno mostrato che il cratere è molto più vecchio e sarebbe apparso 192-196 milioni di anni fa, proprio durante il periodo dell’estinzione di massa. A proposito, le rocce nel cratere sono impressionanti, completamente fuse, il che significa che al suo interno possono nascondersi imponenti giacimenti di diamanti.

2 / Meteorite di Tsarev

Questo corpo celeste cadde vicino al villaggio di Tsarév, nella regione di Volgograd (1.045 chilometri a sud-est di Mosca) il 6 dicembre 1922, a tarda sera. I detriti del meteorite non vennero trovati, ma sono arrivate fino a noi le ipotesi le e testimonianze dei testimoni oculari. Il direttore del planetario di Volgograd, Vladimir Frolov, racconta: “Uno dei testimoni ha riferito che dietro il villaggio ha visto una palla di fuoco volante e ha sentito un’esplosione molto forte. Il terreno tremò, e poi tutto precipitò nell’oscurità.” Una delle residenti del villaggio, che all’epoca era una bambina di dieci anni, disse che le era sembrato “un drago; un serpente di fuoco con una coda che volava nel cielo”. Il quotidiano “Kommunist” scrisse che il meteorite era fatto di oro puro.

Nel 1923 tentarono di cercare frammenti e l’Accademia delle Scienze promise persino una ricompensa per chi li scoprisse, ma a causa della difficile situazione nel Paese, che stava uscendo da una sanguinosa Guerra civile, il meteorite dovette aspettare diversi decenni: fu solo nel 1979 che lo cercarono e lo studiarono attivamente, e un grande contributo fu dato dall’elettricista di Tsarev Boris Nikiforov. Fu lui a interessarsi per la prima volta alle oscure pietre rugginose in cui si imbattevano di tanto in tanto gli abitanti del villaggio. Nikiforov scrisse una lettera al comitato che si occupava di meteoriti presso l’Accademia delle Scienze. Inizialmente non gli credettero, ma i risultati della ricerca furono sbalorditivi: gradualmente gli esperti scoprirono una tonnellata e mezza di frammenti di un meteorite-condrite, costituito principalmente da silicati.

3 / Meteorite di Kainsaz

Sul territorio della Repubblica del Tatarstan sono stati trovati 5 meteoriti, e il più grande cadde vicino al villaggio di Kainsaz (1.145 chilometri a est di Mosca), nel distretto Musljumovskij, in pieno giorno, alle 15.15 del 13 settembre 1937. In quel momento i contadini lavoravano nei campi del locale kolkhoz. Il bolide cadendo si spezzò in vari frammenti. “Uno di essi, del peso di 54 chilogrammi, per poco non ha ucciso la contadina Mavluda Badrieva. L’onda d’urto è stata così forte che la donna, che era a quattro o cinque metri dal luogo dell’impatto del meteorite, è stata sbalzata via di peso, e ha riportato diverse ferite”, scrisse il giornale “Izvestija” un mese e mezzo dopo l’incidente.

Il frammento che ferì la kolkhoziana non era neppure il più grande, quello più pesante di tutti era di 102,5 kg. La massa di tutti i frammenti trovati è di 210 kg. Sono di pietra, con una forma piramidale angolare e hanno delle parti fuse.

4 / Meteorite di Sterlitamak

Un grande bolide cadde sul territorio della Baschiria, vicino alla città di Sterlitamak (1.470 km a sudest di Mosca) il 17 maggio 1990 alle 23.20. Fortunatamente, non ci furono vittime o danni: il corpo celeste precipitò in un campo. Il quotidiano “Uralskij Rabochij” scrisse il 28 giugno 1990: “Il volo è stato accompagnato da un frastuono, il terreno ha tremato sotto i piedi. Testimoni oculari affermano che nel momento in cui la palla è caduta a terra, l’impressione è stata che, tutto intorno, il terreno si alzasse e si riabbassasse.”

La ricerca del meteorite iniziò immediatamente, e al mattino fu rinvenuto un cratere dal diametro di 10 metri e con una profondità di 5 metri. Si scoprì che il meteorite era di metallo. I primi due frammenti trovati dagli esperti pesavano 3 e 6,6 kg. Quindi, con l’aiuto di un escavatore, vennero estratti molti altri frammenti, ma il pezzo più pesante, ben 315 kg, fu rinvenuto solo dopo un anno. Gli scienziati suggeriscono che frammenti ancora più grandi del meteorite potrebbero nascondersi più a fondo nella terra del luogo della caduta, ma gli scavi vennero fermati e il cratere si è poi riempito d’acqua.

5 / Bolide di Vitimskij

Questo meteorite si scontrò con la Terra vicino alla città di Bodajbó e ai villaggi di Mama e Vitimskij, nella regione di Irkutsk (6.250 chilometri a est di Mosca). La notte del 25 settembre 2002, un bolide esplose nel cielo, provocando una pioggia di meteoriti. “È diventato chiaro come il giorno, c’è stata una potente esplosione aerea con forti tremori in un vasto territorio”, ha descritto il fenomeno il direttore dell’osservatorio astronomico dell’Università Statale di Irkutsk Sergej Jazev. I frammenti del meteorite dopo l’esplosione hanno abbattuto e bruciato la foresta su un’area di 60 chilometri quadrati e una forte onda d’urto si è dispersa in un raggio di 50 chilometri. Solo l’effetto del meteorite Tunguska del 1908 è stato più forte di questo, quanto a impatto sulla natura.

Un satellite della US Air Force notò il bolide, ma a un’altitudine di 30 chilometri lo perse di vista. Fortunatamente, non c’erano insediamenti abitati direttamente sotto il sito dell’esplosione, quindi non ci sono state vittime. Le conseguenze avrebbero potuto essere tragiche, perché i frammenti pesano diversi quintali. Secondo gli esperti, il meteorite pesava circa 160 tonnellate prima dello scontro con la terra.


Cheljabinsk, i segreti del meteorite caduto nel 2013 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie