Cinque consigli per l’auto-isolamento da parte di chi lo ha vissuto a lungo nei programmi spaziali

Mars society
Il Covid-19 continua a costringerci a misure di distanziamento sociale. Anastasia Stepanova, che ha trascorso ben 8 mesi in condizioni ben più dure rispetto a quelle di molti di noi sul divano, ci spiega come trarre il massimo da questa situazione

Come parte di alcuni test spaziali, ho trascorso in isolamento un totale di 8 mesi. Ho vissuto in speciali stazioni per l’addestramento spaziale nel deserto negli Stati Uniti, su un’isola disabitata dell’Artico, e presso una struttura speciale dell’Istituto dei problemi biomedici dell’Accademia russa delle scienze a Mosca.

Ed ecco cosa vi dirò. L’isolamento è un ottimo momento per conoscere meglio noi stessi e i nostri cari, per mantenere le promesse che abbiamo fatto da molto tempo, per progredire nello sviluppo personale e per imparare ad allenarci efficacemente a casa, usando come strumento solo il nostro corpo.

Ho vissuto 120 giorni senza sole, senza aria fresca, senza amici e parenti, senza frutta e verdura fresche, senza Internet né telefono.

120 giorni con cinque colleghi che sono diventati amici in una stazione ermetica simile a una grande botte di metallo.

120 giorni con una routine precisa al minuto, con oltre 80 esperimenti scientifici di fisiologia e psicologia umana condotti in condizioni estreme.

Tale era l’isolamento nell’esperimento Sirius19, e non solo ho accettato tali condizioni volontariamente, ma ho anche fatto anticamera e bussato a tutte le porte dell’Istituto dei problemi biomedici dell’Accademia delle scienze russa per riuscire a entrare a far parte dell’equipaggio del progetto. Noi che vogliamo diventare cosmonauti, diamo così il nostro piccolo contributo all’esplorazione dello spazio profondo da parte dell’uomo, e allo stesso tempo ci mettiamo alla prova nel ruolo di cavie.

Un test per l’umanità

Questo nuovo stile di vita in modalità auto-isolamento imposto dal Covid-19 sembra una prova dell’umanità prima di andare oltre, ed espandersi oltre i confini del pianeta Terra. Quante persone vogliono davvero lavorare e vivere sulla Luna, o su Marte dopo questa esperienza di auto-isolamento! Quante persone rivaluteranno il mondo che ci circonda, e si rallegreranno di momenti semplici!

Anche durante la mia prima spedizione per simulare il lavoro dell’equipaggio su Marte nel progetto Mars Society, mi sono resa conto che l’isolamento è una vacanza di lusso che pochissimi potevano permettersi in quel momento. Abbiamo trascorso lì 80 giorni. È molto o poco per una missione spaziale? Di solito gli astronauti trascorrono da 3 a 12 mesi sulla Stazione spaziale internazionale, il che significa che abbiamo quasi superato il test temporale.

In questi 80 giorni non siamo impazziti per la nostalgia della vita normale sulla Terra. In effetti, nella prima parte della missione Mars 160, abbiamo superato molti test: difficili, non pianificati e persino piacevoli.

LEGGI ANCHE: Mars 160: ecco come si vive su Marte; io ci sono stata (o quasi) 

La prima lezione è che le aspettative e la realtà sono diverse. Le conclusioni possono essere positive o negative, ma solo perché hai accettato questo dato di fatto significa che il test è stato superato.

La seconda lezione è che l’uomo ha possibilità illimitate di adattamento, e di continuare a vivere e sopravvivere nelle più diverse condizioni. La vita alla stazione comporta molte limitazioni. Ciò può causare stress. Pertanto, il modo migliore per non esporsi allo stress è rinunciare alle abitudini terrene e amare lo stile di vita marziano.

La terza lezione è che le conoscenze non sono mai abbastanza. Mi piace il detto “più sai, più libertà hai”. La conoscenza è un potente strumento per superare qualsiasi situazione critica, di aiuto e di ingegnosità.

E poi c’è la percezione del tempo. Già in seguito, durante l’esperimento di isolamento Sirius19, mentre eseguivamo varie pratiche scientifiche, il tempo mi apparve come qualcosa di completamente diverso. Lo senti, letteralmente; cerchi di raggiungere un accordo con lui, di accelerarlo in alcuni momenti con il potere del pensiero e di rallentarlo in altri. Ma non è soggetto a noi, e decide autonomamente come scorrere, e come mettere alla prova la nostra pazienza e la nostra forza. Nella vita ordinaria, prestiamo poca attenzione ai secondi, la nostra vita è divisa in ore. Nell’equipaggio di Sirius, secondi e minuti avevano un ruolo di controllo fondamentale nella vita della stazione.

I cinque consigli

Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per aiutarvi a divertirvi e a sfruttare i lati positivi dell’isolamento forzato.

  • Rispettate un regime orario ferreo. Sembra che mantenere la modalità lavorativa anche in isolamento sia un’ovvietà Ma in realtà si scopre che tutto è più complicato di come sembra. Pertanto, osserviamo l’orario di lavoro nei giorni feriali e nei fine settimana potremo riposarci.

LEGGI ANCHE: Io e mia moglie lavoriamo da remoto in un monolocale da 7 anni: i consigli per non impazzire 

  • Impegnatevi con l’attività fisica. L’esercizio fisico è la chiave non solo per un corpo sano, ma anche per il buon umore. L’isolamento è una nuova condizione estrema di vita insolita per molte persone. E lo stress viene alleviato dall’attività fisica (corsa, salto, squat, flessioni, addominali) con l’aggiunta di esercizi di yoga, stretching e respirazione. Elaborate sessioni di allenamento congiunto con i familiari o con gli amici online. Oltre alla motivazione, questo aggiunge molti momenti divertenti.
  • Limitate l’utilizzo di Internet. In Sirius19 abbiamo sperimentato l’isolamento dalle informazioni e una completa mancanza di Internet, mentre voi al contrario, stando a casa, avete troppe informazioni che vi distraggono e vi creano ansia e tensione.
  • Controllate le vostre emozioni. Ciò contribuirà a creare un’atmosfera favorevole nell’equipaggio (nel vostro caso, in famiglia). A volte dovete tirare giù il boccone amaro e lasciar perdere qualcosa, perché tanto non potete sbattere la porta e andarvene. Facile da dire, ma più difficile da fare. Provate ogni volta a cambiare gradualmente la vostra reazione a fattori fastidiosi e provate a guardarli dal lato di un’altra persona.
  • Ascoltate voi stessi. Usate il tempo dell’auto-isolamento per migliorare voi stessi, meditare e capire cosa vorrete cambiare quando tutto sarà finito.

Ma il mio consiglio principale è di mantenere sempre il senso dell’umorismo!

Anastasia Stepanova è un membro dell’equipaggio dei progetti spaziali internazionali Sirius19 e “Mars 160”, collaboratrice dell’Istituto dei problemi biomedici dell’Accademia russa delle scienze, giornalista spaziale, volontaria in una squadra di soccorso “SpasReserv”.


Vi ha intrigato la storia di Anastasia? Leggete i suoi “diari lunari” 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie