Fa sesso per soldi, ma non chiamatelo gigolò. Storia di Anzol, il “partner surrogato”

Archivio personale
In Russia sono sempre di più le donne insoddisfatte della vita sessuale nella coppia, e molte ragazze cercano un aiuto in questa forma di “terapia”

“Sono i mass media che fanno di me una specie di caso umano, di fricchettone. Nessuno si sforza di capire quello che faccio davvero. A volte sto lì a spiegare per un’ora in cosa il mio lavoro si differenzi dalla prostituzione. Ma niente. Nessuno sa che sono stato sposato e che ho allevato un figlio. Per loro sono comunque e solo ‘un tipo strano tutto tatuato’. Tutti pensano che sia alcolizzato e drogato. Che si fottano con le loro etichette”, dice Anzol.

Stiamo parlando con lui nell’accogliente cucina di un piccolo appartamento di Mosca. Anzol si rifiuta di dire quanti anni ha, e non vuole raccontare niente della sua infanzia né della sua prima ragazza. Dice solo di vivere un po’ a Mosca e un po’ a San Pietroburgo e di aver lavorato per 17 anni in un salone di manicure. Perché abbia scelto proprio questa professione, e cosa e se abbia studiato all’università pure resta un segreto. Potremmo descrivere nel dettaglio i colore delle sue unghie, i suoi orecchini e i tatuaggi, ma per lui questi non sono che cliché che finirebbero solo per rendere più difficile conoscerlo per davvero.

Per Anzol è di gran lunga più importante quello che è oggi. Lui si definisce un “esecutore di interazioni sessuali” o un “partner surrogato”; insomma una persona che aiuta a risolvere difficoltà e problemi nel campo del sesso con l’aiuto di pratiche che includono sia la conversazione che l’interazione sessuale.

Apertamente non esiste in Russia la pratica del partner surrogato, ma molti russi hanno problemi con il sesso. Secondo un sondaggio relativo al 2017 del portale “Salute” di Mail.ru, a cui hanno preso parte 15 mila persone, la metà degli intervistati non ha rapporti sessuali e il 13% non ha fatto sesso nell’ultimo anno. Allo stesso tempo, il 36% degli intervistati è insoddisfatto della qualità del sesso e la metà di loro preferisce non discutere dei problemi sessuali con il proprio partner.

Cos’è un partner surrogato?

“I miei genitori e io non abbiamo mai parlato di sesso. Di fatto, sono stato un autodidatta. Ho imparato a conoscere il sesso attraverso le carte da gioco porno e i racconti erotici. Il porno, che era allora appena apparso in Russia, divenne per me una sorta di manuale per conoscere una varietà di posizioni, e quanto al resto ho fatto da solo”, dice Anzol.

Anzol ha avuto esperienze di coppia tradizionali per 15 anni con quattro ragazze diverse. Non si può dire che non gli piacesse lo stare in una relazione fissa, ma le troppe regole lo infastidivano.

“Basta fare sesso una sola volta ed ecco che ti tirano addosso un milione di obblighi, che io assolutamente non condivido. Molte persone iniziano relazioni, vivono insieme, persino si sposano, e solo perché una sera avevano bisogno di fare un po’ di sesso. Ma entrambi soffrono per il dover stare insieme. Questo è sbagliato”, sostiene Anzol.

Dopo l’ultima relazione monogama, che si concluse con il fallimento e una lunga depressione, decise che avrebbe avuto tutte le partner che desiderava.

“Scelgo il numero di donne che voglio. E questo può voler dire una donna, cinque, otto per qualche tempo, o addirittura assolutamente nessuna. E anche quando è una sola, la mia monogamia è una scelta volontaria consapevole, non un modello comportamentale imposto”, spiega Anzol.

Presto venne la volta del suo primo festino sessuale: un’amica lo portò a un Kinky Party al guinzaglio, dicendo che era “il suo animale”. Là fece conoscenza con gli organizzatori e presto iniziò a lavorare in quelle feste: controlla il codice di abbigliamento degli ospiti e l’installazione e lo smantellamento delle scenografie. Avendo guadagnato popolarità in una comunità aperta nei confronti del sesso, Anzol ha iniziato a condurre il massaggio yoni (massaggio intravaginale), e a tenere lezioni sullo shibari (l’arte del legare) e varie pratiche sessuali.

LEGGI ANCHE: Kinky party: ecco come sono le feste di Mosca dove il sesso è libero 

Non esiste un momento esatto in cui Anzol è diventato un partner surrogato. Ma un giorno, si è reso  conto che lo era da sempre.

“Mi è capitato molte volte che una ragazza venisse a fare sesso con me, ma alla fine il nostro contatto diventava terapeutico. Ad esempio, lei capiva di non essere frigida, come pensava, ma che tutto ‘funzionava’ alla perfezione in lei. O ha avuto il primo orgasmo nella sua vita. O dopo i nostri dialoghi con lei, la sua mente si è aperta e ha iniziato a costruire le relazioni in modo diverso e a fare sesso diversamente”, spiega Anzol.

A quanto racconta, a volte quando le ragazze se ne andavano, lui si sentiva devastato, poiché nel trattamento se ne andavano molto tempo e molte energie emotive.

“Quindi ho separato la mia vita personale da tali pratiche e ho iniziato a prendere soldi per le sessioni di terapia, come se fosse un qualsiasi altro lavoro”, dice. Trascorrere del tempo con Anzol costa 2 mila rubli (26 euro) all’ora. Ogni sessione richiede fino a circa 4 ore.

Terapia ed effetti collaterali

Immaginate di andare a casa da uno sconosciuto. Prima di varcare la soglia dell’appartamento, siete leggermente nervose e vi sistemate i capelli. Siete accolti da un uomo che irradia calma e fiducia. Mentre bevete il tè (l’alcol è severamente proibito), gli raccontate tutti i problemi riguardanti il sesso. Forse eri imbarazzata a parlarne a tuo marito, fidanzato o con tua madre, perché temevi incomprensioni e condanne. Forse ti piace persino condividere queste cose con uno sconosciuto, che giudichi più intelligente e più esperto di te. Forse non te ne rendi ancora conto, ma la “terapia” è già iniziata.

“Le persone vengono da me quando psicologi e sessuologi non aiutano più. Non ho un mio programma, non garantisco il risultato, non offro alcuna “condivisione” e non cerco di mantenere il cliente. Mi dici in un’ora e mezza quello che vuoi. Quindi decidiamo di cosa hai bisogno e come posso aiutarti: posso solo stare sdraiato vicino a te, posso fare sesso, posso farti un massaggio. Posso solo rispondere a domande sul sesso, il che a volte è sufficiente”, dice Anzol sul suo processo lavorativo.

LEGGI ANCHE: Perché i russi sono così spaventati dal parlare di sesso? 

Il sesso è necessario nei casi in cui la cliente voglia imparare qualcosa di nuovo o elaborare un nuovo modello di comportamento a letto.

La maggior parte delle clienti russe si lamenta con Anzol di non raggiungere mai l’orgasmo, o di provare di solito dolore durante l’atto sessuale. Meno spesso vengono per avere la prima esperienza sessuale e perdere la verginità. Ci sono anche clienti che vogliono imparare a dire di no agli uomini nell’intimità in uno stato di eccitazione.

“Non tutte sanno dire di no, perché in Russia la società impone un certo modello di comportamento. Ad esempio, una donna dovrebbe sempre fare sesso con il suo ragazzo e così via. E gli uomini spesso ‘spingono’ le ragazze a farlo, le convincono. Ma il sesso attraverso la persuasione non è certo ciò che una donna vuole davvero”, afferma Anzol.

Inoltre, secondo Anzol, lo Stato non aiuta le persone con disabilità a risolvere i loro problemi sessuali; ad esempio, l’incapacità di masturbarsi a causa della mancanza di mani rimarrà senza l’attenzione delle autorità di tutela.

“Persone disabili non sono ancora venute a trovarmi, ma ora sto parlando con una ragazza con paralisi cerebrale; tra un mese verrà e vedrò cosa posso fare per lei”, dice l’uomo.

Le principali clienti di Anzol sono donne sole, meno spesso vengono delle coppie, ma anche nelle coppie sono le ragazze a esprimere principalmente le loro lamentele sulla vita sessuale. Trovano  Anzol grazie al passaparola.

In rari casi, una cliente può innamorarsi dopo diverse sessioni e Anzol non vede nulla di sbagliato in questo.

“Posso parlare con lei, spiegare che non può pretendere amore da me, dal momento che non sono un suo amico o una persona cara. Inoltre, l’innamoramento è una risorsa su cui puoi scrivere un diploma, costruire una carriera, guadagnare molti soldi. La corretta esperienza di innamoramento è sempre positiva”, sostiene.

Emozioni come dono e “legalizzazione” del sesso

“Io corro forte sempre nel sesso”, scrive sul suo canale Telegram Maria Chesnokova, una popolare blogger di sesso russa, che ha sperimentato la terapia con Anzol. “Il mio ritmo è come il motto olimpico: Citius!, Altius!, Fortius!; Più veloce!, più in alto!, più forte! Quando, fatto quello che dovevamo fare, stavamo già bevendo il tè e chiacchierando, ero di tanto in tanto distratta da mia figlia, andavo a prepararle il tè o a metterle dei cartoni animati”.

“Lui mi detto: ‘Ho capito perché corri così nel sesso: è per via della bimba. Sei sempre in modalità ‘fare tutto in 60 secondi’. E anche quando vai a un appuntamento, e lei non c’è, sei chiaramente limitata nel tempo e sai quando dovrai tornare perché se ne va la tata, e vuoi tirar fuori dal momento che stai vivendo tutto quello che puoi in gran fretta.”

Lei dice che lui le ha aperto gli occhi, e ora Marija sta imparando a non correre troppo.

LEGGI ANCHE: Perché la Russia è al tempo stesso un Paese sex-addicted e puritano? 

In risposta al suo aiuto, Anzol riceve non solo denaro, ma anche esperienze emotive.

“Vedo come sono le persone quando arrivano e quando se ne vanno: due persone diverse. È come dare a un bambino una barretta di cioccolato. La persona inizia a sorridere, ringrazia, sembra felice. Le ragazze spesso piangono di felicità. E tu stesso provi un brivido incredibile per questo, è bello vederlo, dice.

La principale causa dei tanti problemi nel sesso delle donne russe, secondo Anzol è il fatto che si concentrino sul partner e non su se stesse e il proprio piacere.

“Anche sull’aereo ti dicono: prima metti la mascherina dell’ossigeno a te stesso, poi ai bambini. Nessuno farà sesso normale se una persona non pensa al proprio piacere e non ama se stessa. Dobbiamo imparare questo”, è sicuro Anzol.

“In Russia è molto necessaria la figura del partner surrogato, ma il sesso nel nostro Paese è ancora tabù”, dice.

“Da noi si parla ancora del sesso come di qualcosa di sporco, peccaminoso, qualcosa da cui puoi prenderti un sacco di malattie. Ovvio che così le persone avranno problemi con il sesso”, conclude Anzol. “È importante parlare di sesso, non solo in termini di metodi contraccettivi e delle giuste precauzioni contro le malattie a trasmissione sessuale, ma anche per spiegare che è qualcosa di piacevole che devi solo fare nel modo giusto.”

Come avviene l’educazione sessuale in Russia? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie