Le più insolite e spaventose creature dell’epos dell’Estremo Oriente russo

A.A.Passar, G.D.Pavlishin/"Malish", 1990
Le popolazioni indigene della zona compresa tra il fiume Amur e il Territorio del Litorale (la regione di Vladivostok) hanno ricche tradizioni epiche. E tra uccelli di ferro, alberi carnivori, tigri mannare e serpenti sputafuoco fanno impallidire i fantasy di Hollywood

Sul territorio dell’Estremo Oriente russo vivono, sin dai tempi antichi, diversi popoli indigeni: gli udege, gli hezhen (detti anche nanai), gli oroqen, i nivchi e i taz. I loro rappresentanti hanno una loro visione speciale della realtà circostante. Alcuni credono ancora di essere circondati da un mondo misterioso pieno di varie essenze e animali magici. E queste creature possono sia aiutare le persone che commettere atti malvagi. Sin dai tempi remoti, le leggende su questo magico mondo, che si interseca con il nostro, venivano tramandate di bocca in bocca e solo ai tempi dell’Urss sono state raccolte e codificate nei libri. Le più insolite di queste creature le abbiamo riunite in questo elenco. 

8) Djulien

Questo simpatico omino di legno vive nelle case e protegge i loro abitanti. È probabilmente la più innocua di tutte le creature elencate in questo articolo. Sebbene Djulen praticamente non si mostri agli occhi della gente, controlla costantemente l’ordine della casa e spaventa gli spiriti maligni.

Nonostante lo stile di vita segreto, questo domovoj (spirito della casa) dell’Amur in caso di pericolo che minaccia la famiglia può entrare in contatto con le persone. Di regola, un Djulen vive con la stessa famiglia da molte generazioni, aiutando le persone a risolvere grossi problemi e piccoli screzi con l’aiuto della sua magia.

LEGGI ANCHE: Le etnie della Russia con una popolazione inferiore a 500 persone (la più piccola ne ha 4) 

7) Il vecchietto dei pesci Tajrnadz

Questo vecchietto si assicura che ci siano sempre abbastanza pesci. Tuttavia, non sempre ci riesce. Una volta decise di prendersi una pausa dai suoi affari e sonnecchiare un po’. Alla fine, si addormentò per diversi giorni, e finirono i pesci nel fiume Amur. Ma appena si svegliò, l’equilibrio fu nuovamente ripristinato, e il pesce tornò nei fiumi e negli altri bacini idrici della regione dell’Amur. E sebbene questo personaggio possa essere duro, è estremamente raro che mostri la sua severità.

6) L’uomo delle paludi Boko

Questa creatura invece può già essere definita pericolosa per l’uomo. Potreste chiedervi come possa mai essere pericoloso un “uomo” di palude con una gamba e un braccio soli. Ma nonostante le disabilità fisiche tangibili, Boko è in grado di manipolare le persone, costringendole ad addentrarsi nella palude e finire risucchiate nel pantano.

Tuttavia, può essere ingannato con l’astuzia. Sorprendentemente, a questa creatura simile a un tronco piace saltare, e così in alto che raggiunge le nuvole.

Provate a mettere in dubbio che Boko sia in grado di saltare tanto in alto e proverà immediatamente a dimostrarvi le sue abilità. E mentre si libra tra le nuvole, avrete il tempo per uscire dalla palude.

5) Kakzamu

Questo gigante di pietra è capace di trasformare le persone in pietre vive con un solo tocco. Una tale pietra può parlare e persino muoversi, anche se non molto velocemente. Le persone trasformate in pietre conservano il loro cervello e la loro personalità, ma non sono più in grado di influenzare il loro destino. Se lo si desidera, Kakzamu, tuttavia, può riportare una persona al suo aspetto precedente.

Kakzamu è praticamente impossibile da sconfiggere con la forza. Ci si può salvare solo con l’astuzia. Uno degli eroi delle antiche leggende epiche ha semplicemente ingannato il gigante colpendolo nell’orgoglio; dubitando che potesse ridargli il suo aspetto precedente. Naturalmente il bestione gli ha dimostrato di saperlo fare, e appena tornato uomo, l’astuto eroe è scappato immediatamente.

In ogni caso, meglio non trovarlo sulla propria strada, o è molto probabile che si diventi una delle pietre che decorano il suo giardino.

4) Le Tigri mannare

Tutti conosciamo l’immagine del lupo mannaro fin dall’infanzia, ma altrettanto non si può dire delle tigri mannare. Queste creature, che vivono nella regione dell’Amur hanno una grande forza e un’intelligenza elevata. Imbattersi in loro nelle foreste della taiga significa incorrere in un disastro. Tuttavia, non tutto è così spaventoso come potrebbe sembrare: si può negoziare con queste creature. Ci sono stati persino casi in cui le persone hanno messo su famiglia con rappresentanti delle tigri. Una tigre rapì uno dei personaggi nelle antiche fiabe, che poi divenne suo marito. E pare che a lui non dispiacesse particolarmente.

3) Alberi carnivori

Questi alberi non sono contrari alla degustazione di carne, compresa quella umana. Puoi placare un tale albero solo lanciandogli un bel bisteccone. E scappando a gambe levate mentre è intento a sbafarsela. Sebbene l’albero non sappia correre, può raggiungerti e catturarti con i lunghi rami.

2) Il serpente Simu

Questo enorme serpente può terrorizzare anche i più coraggiosi. Per cominciare, è in grado di sputare fiamme, distruggendo così interi villaggi. In secondo luogo, è carnivoro. I cacciatori locali hanno tentato senza successo di ucciderlo. Solo un eroe epico ha potuto sconfiggerlo, e non con la forza, ma, anche in questo caso, con l’astuzia. Si è avvicinato furtivamente, e quando quello ha aperto la bocca per sparare fuoco, gli ha lanciato nelle fauci un pentolone in ghisa pieno di resina, che lo ha fatto crepare.

1) L’uccello Kori

L’uccello Kori è così grande che può oscurare il cielo: le sue piume sono di acciaio, i suoi artigli ghermiscono saldamente e i suoi occhi sono infuocati, come due falò. Una persona normale non può farcela. L’unico modo di scamparla, è insolito. L’uccello Kori risolvere gli enigmi. Pensatene di difficili, perché se non indovina tre vostri enigmi, potete tranquillamente andarvene, l’uccello vi lascerà liberi. Tuttavia, c’è un modo meno pacifico di affrontare questo mostro: sparargli una freccia incantata dritta in gola, la parte più vulnerabile del suo corpaccione da pennuto.


Le spaventose fiabe slave, che è meglio non raccontare di notte 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie