Cosa si sa della moglie segretissima del campione di arti marziali miste Khabib Nurmagomedov?

Getty Images
Il lottatore russo, che è nato nel Daghestan ed è un fedele musulmano, non ha mai permesso che il volto di lei fosse mostrato e la tiene sempre a casa. Ma forse esiste uno scatto che ritrae la bella Patimat

A settembre 2019, dopo un incontro con l’americano Dustin Poirier, il trentunenne campione russo di arti marziali miste Khabib Nurmagomedov è diventato la persona più popolare di tutta la Russia su Instagram: più di 16 milioni di persone sono suoi follower. 

Ma tutta questa popolarità non si estende alla sua vita personale. Fino a poco tempo fa, gli estranei non ne sapevano quasi nulla. Al suo matrimonio, avvenuto nel 2013, con più di tremila invitati, la moglie di Khabib non ha nemmeno mostrato il suo volto. E in rete non apparve neanche una singola foto. “La mia famiglia è un argomento chiuso”, Khabib è sempre stato categorico. Ma nonostante tutti gli sforzi per non far trapelare niente, qualcosa si sa della vita privata e della moglie segretissima.

La consorte è una sua lontana parente

La moglie di Khabib si chiama Patimat. È nata nello stesso paese di montagna del Daghestan, dove è nato lui: Sildi, un piccolo villaggio di appena 200 persone. Come appare il villaggio, Khabib lo ha mostrato sul suo profilo Instagram:

Secondo il giornale online “Mash”, Patimat è stato il suo primo amore. Nella scuola rurale, sedevano allo stesso banco. Anche se in verità solo un anno: perché quando Khabib andò in seconda elementare, la sua famiglia decise di trasferirsi a Kirovaul, un villaggio del Daghestan un po’ più grande (3.170 abitanti). E poi i Nurmagomedov si spostarono ancora più lontano; nella capitale della repubblica, Makhachkalà.

In un’intervista a “Sport Express”, il padre di Khabib, Abdulmanap, ha detto di Patimat: “È una lontana parente”. Da nubile aveva lo stesso cognome, Nurmagomedova, che ha preso sposandosi con Khabib (in Russia la donna prende il cognome del marito). Abdulmanap ha definito la famiglia di lei come “eccellente”, e ha detto che nella piccola Sildi le famiglie si conoscono da generazioni.

C’erano più di 3000 persone al matrimonio

Quando Khabib decise di sposarsi, aveva 22 anni. A quel punto, si era già spostato dalle leghe locali all’Ultimate Fighting Championship (Ufc), attirando l’attenzione degli americani con diverse vittorie brillanti e, a metà 2013, si era guadagnato la reputazione di lottatore più promettente dell’Ufc.

In quel momento, tornò nel suo nativo Daghestan e mandò suo padre dai genitori di Patimat per chiederla in sposa. Almeno così la storia è presentata oggi dai media russi. Ma secondo il padre di Khabib, all’inizio il ragazzo si consultò con suo nonno su questo argomento, e cinque o sei ragazze furono prese in esame per il ruolo di moglie. Alla fine la scelta cadde su Patimat.

Il matrimonio fu grandioso anche per gli standard del Daghestan, perché furono invitati tutti, nel senso letterale del termine. “Che chiunque voglia far gli auguri, possa venire!”, fu la politica adottata. E poiché Khabib stava guadagnando popolarità molto rapidamente, furono in molti a voler venire alle nozze; più di tremila. Toccò affittare una stanza da 1.200 persone e fare tre turni di ospiti. Il matrimonio costò 700 mila rubli, o 21.200 dollari al tasso di cambio di allora; neanche poi così tanto per un tale numero di invitati. Ma come dice la famiglia Nurmagomedov, gli furono fatti tutti gli sconti possibili, in segno di rispetto.

Tradizioni e poligamia

Per tutti i giorni della celebrazione nuziale, Patimat rimase nascosta sotto un velo spesso, in modo che il volto della sposa non fosse mai visto da nessuno. Khabib è profondamente religioso, professa l’Islam e, secondo le tradizioni islamiche, solo dentro casa il volto della moglie può essere “scoperto” e visto dai parenti.

“Il marito dice: ‘Copriti!’ e lei si chiude dietro al velo. La sua bellezza deve appartenere solo a suo marito. Non è una questione di oggi, tutto è stato deciso 400 anni fa”, ha commentato il padre di Khabib.

La moglie di Khabib passa la maggior parte del tempo a casa, scrive “Mash”. Ovviamente non è sui social network e non ci sono foto che la ritraggono. Almeno ufficialmente. Anche se, secondo i fan di Khabib, esiste uno scatto in cui è visibile il volto di Patimat. Questo:

Il campione dell’Ufc da Patimat ha avuto due figli: nel 2015 è nata una bimba, Fatima, e nel 2017 un bimbo, Magomed. In occasione della nascita del maschio, secondo l’antica tradizione, la famiglia ha sparato dall’antico cannone zarista (ce n’è uno nel centro distrettuale). A settembre 2019, si è saputo che stanno aspettando un terzo figlio.

In un’intervista, Khabib ha spiegato perché non porta mai sua moglie con sé quando combatte e si allena: “Credo che la famiglia sia d’impaccio. Cormier [Daniel Cormier, un lottatore americano dell’Ufc], per esempio, porta con sé la sua famiglia. L’ultima settimana, quando perde peso, tutto il tempo la famiglia gli è vicina. A lui questa cosa lo aiuta, a me mi infastidisce. Credo che la mia famiglia debba stare alla larga da queste cose”. Tale segretezza non è passata inosservata ai colleghi e divenne persino la ragione di uno dei tanti scandali con uno dei suoi avversari, l’irlandese Conor McGregor: che su Twitter paragonò la moglie di Khabib a un “asciugamano”.

Qui potete vedere la schermata del tweet poi cancellato di McGregor.

“Ti sbagli se pensi di poter insultare la religione di qualcun altro e rimanere al sicuro”, gli rispose Nurmagomedov, che in precedenza aveva paragonato Konor a una moglie gelosa, che minaccia di andarsene, ma rimane sempre.

Secondo il padre di Khabib, suo figlio ha un solo amore e una sola moglie. Ma nella stessa intervista a “Sport Express”, ha affermato che nella loro famiglia gli uomini hanno sempre avuto una seconda e una terza moglie dopo i cinquant’anni [le leggi della Federazione Russa vietano la poligamia; tali matrimoni nelle regioni musulmane del Paese non sono registrati ufficialmente; e le “nozze” vengono celebrate da un mullah]. Se Khabib gli dicesse di volere un’altra moglie, il padre dice che gli risponderebbe “non alla tua età, è troppo presto, prenditi cura della tua prima famiglia”. “Ma, in generale, non sarà certo contrario quando il figlio si creerà una seconda e una terza famiglia. Se gli è permesso dall’Onnipotente, perché dovrei rifiutare io?”, ha detto il padre di Khabib.

Conoscete i 5 più temibili campioni russi di Arti Marziali miste? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie