Vuoi vivere stabilmente in Russia? Ecco cosa devi fare

Getty Images
Il procedimento burocratico di immigrazione è estremamente lungo e complicato e spesso agli occhi di chi viene dall’Ue o dagli Usa assomiglia più a un addestramento militare nei Marines che a una tranquilla visita a un ufficio con impiegati sorridenti. Ma per chi ha il “sogno russo”, vale la pena superare questo intricato labirinto di carte, timbri e vizi di forma!

Devi sposarti per immigrare 

Ogni regione della Russia ha delle piccole quote per l’immigrazione. L’ultima volta che ho controllato, la titanica Mosca, con i suoi 16 milioni di abitanti, metteva a bando appena 4.000 posti in un anno per le persone che vogliono trasferirsi qui in pianta stabile senza sposarsi con un cittadino/a russo. Oltre a dare un enorme contributo all’economia russa o a essere un caro amico del Presidente, non c’è modo di aggirare questa quota, che viene immediatamente esaurita in pochi giorni a inizio anno (quando escono i nuovi posti). 

Il matrimonio con un cittadino russo ti garantisce l’opportunità (nota che ho detto “opportunità”) di richiedere un Permesso di soggiorno temporaneo, noto in Russia con l’acronimo di RVP (Разрешение на временное пребывание; Razreshenie na vremennoe prebyvanie). Il governo vuole che le persone che immigrano qui si facciano una famiglia e abbiano figli, fatto con cui concordo, ma se hai già un coniuge tuo connazionale o sei felice di essere single, allora… beh, niente immigrazione per te!

I russi mi dicono sempre che puoi pagare 5.000 euro a un avvocato con le giuste entrature per avere un posto sicuro nelle quote di immigrazione. Forse è vero, ma non l’ho mai visto funzionare per nessuno che conosco. 

Una volta che sei qui e ti sei sposato, devi agire in fretta 

Hai bisogno di un permesso di soggiorno (la sigla magica qui diventa VNZh: вид на жительство; vid na zhitelstvo) per vivere in Russia. Ciò significa che probabilmente ti sposerai qui mentre hai un visto turistico che non dura a lungo (massimo un mese), quindi, invece di andare in luna di miele, dovresti immediatamente fare una fuga romantica all’ufficio immigrazione della regione dove ti trovi per avviare le pratiche burocratiche, perché il tempo scorre rapidamente e il processo di immigrazione potrebbe richiedere (e probabilmente richiederà) mesi.

Non puoi vivere con un visto turistico in Russia 

Essere in possesso di un visto turistico ti impedisce di lavorare in Russia, anche se le persone ti dicono il contrario. Inoltre questi visti durano troppo poco. Quando mi sono trasferito in Russia io, era ancora possibile rinnovare costantemente i visti turistici, saltare il confine e tornare senza problemi. Quei giorni sono passati da tempo.

Non puoi lavorare in Russia senza un permesso di residenza

Assumere un dipendente straniero è molto difficile e molto costoso. Arrivando a Mosca potresti trovare qualcuno a cui piacerebbe assumerti, ma semplicemente non possono farlo perché è burocraticamente troppo difficile. Una volta ottenuta la residenza, puoi iniziare a cercare lavoro. Sicuramente puoi lavorare illegalmente insegnando inglese o qualcosa del genere, ma lo fai a tuo rischio e pericolo. 

La Russia non è l’accogliente Europa 

Trasferirsi in Russia non ti darà denaro facile o la possibilità di vivere grazie al welfare state. Il governo non ti aiuterà neanche a immigrare. Se vieni qui devi lavorare duro e imparare a cavartela da solo. Non esiste lo Stato babysitter in Russia.

I servizi di migrazione sono poi sempre a caccia di immigrati clandestini, quindi porta sempre con te il passaporto, la registrazione del domicilio e la carta di migrazione. 

La maggior parte dei proprietari di case non ti registrerà. 

Per immigrare devi essere registrato in un luogo di residenza, cioè devi stabilire un indirizzo permanente, ma a causa del fatto che questa registrazione dà alla persona registrata alcuni diritti sulla proprietà, pochi proprietari lo faranno. Affitteresti la tua casa a qualcuno che poi potrebbe dire di avere dei diritti da abusivo su di essa? 

Inoltre, la maggior parte dei proprietari non vuole pagare le tasse sulla locazione, quindi non ti registreranno per schivare le autorità fiscali. Personalmente, stabilire un indirizzo permanente è stata la casella più difficile da riempire. E non avere la registrazione del domicilio è un crimine che può portare all’espulsione dal Paese. 

Visitare la Russia è facile, immigrarci no!  

C’è una vecchia espressione russa secondo la quale “là dove sei nato, là sei utile” (Где родился, там и пригодился; gde rodilsja, tam i prigodilsja), che sostanzialmente significa che se per qualche ragione del destino sei nato in Cina, Africa, Canada o ovunque tu sia venuto al mondo, là dovresti rimanere. Una volta iniziato il processo di immigrazione vedrai che lo spirito della legge riflette lo spirito di questa espressione. 

La Russia rilascia visti turistici in modo abbastanza semplice (e ancor più lo farà con i nuovi visti elettronici). Ma per quanto riguarda l’immigrazione tutto è terribilmente complesso.

Per immigrare bisogna fornire alle autorità tutto quello che segue… 

  • Una traduzione ufficialmente autenticata di ogni documento straniero… e sì, bisogna pagare qualcuno autorizzato a farlo…

Nota, che molto spesso devi inviare una traduzione completa del tuo passaporto a diversi uffici e dipartimenti, il che significa che bisogna acquistare traduzioni del passaporto in blocco, perché non le restituiscono e non puoi certo portare una fotocopia. Spero che tu abbia il portafoglio gonfio! 

  • Il certificato penale che dimostri un passato irreprensibile nel Paese d’origine. 
  • La registrazione della residenza in Russia, che può essere davvero complicata (o impossibile) da ottenere se il vostro coniuge russo non possiede un appartamento in cui farvi avere la registrazione del domicilio. 
  • Conoscenza della lingua, della storia e delle leggi russe (bisogna superare appositi test). 
  • Certificato medico che comprovi il fatto di non essere affetto da malattie sessualmente trasmissibili come l’Hiv/Aids o altre malattie pericolose. Quando lo feci io, mi occorsero urina, analisi del sangue, prelievo di altro sangue dalla punta delle dita, fluorografia, una visita completa del corpo per vedere se c’erano punture di aghi e un controllo psicologico, che fui incredibilmente in grado di superare. Il test psicologico militare è diverso, e quello lo avevo fallito di brutto.
  • La prova che hai abbastanza soldi per vivere, il che sostanzialmente significa che vogliono la prova che il tuo coniuge abbia un lavoro, perché fino a quando non ottieni i permessi per vivere in Russia, non ti è permesso lavorare. Il che è un bel circolo vizioso! 
  • E di gran lunga la cosa più difficile… la pratica per far domanda e tutta la sua modulistica. 

Nessuno ti aiuterà o ti dirà come fare. Sarai totalmente solo in questo periglioso viaggio burocratico, che deve essere compiuto con la precisione di un nanometro, perché ogni piccolo errore può costarti caro. 

Mettiti l’anima in pace: perderai settimane e migliaia di rubli! 

L’elenco sopra ti sembra già troppo? Ebbene, ci vorrà un sacco di tempo e perderai una grande quantità di denaro e giorni della tua vita ogni volta che dovrai passare attraverso questo processo quando il tuo permesso di residenza andrà in scadenza e sarà da rinnovare. Per quelli di Mosca, il centro di immigrazione dove tutti devono andare si trova 40 chilometri fuori dall’autostrada MKAD, ai margini estremi di Mosca. Significa che con il traffico sono 90 minuti a tratta solo per vedere gli impiegati del servizio immigrazione dirti che hai messo una virgola nel posto sbagliato, strappare i documenti e rimandarti a casa a rifare tutto in vista di un nuovo appuntamento.

Andare al servizio di migrazione richiede fondamentalmente un’intera giornata lavorativa della tua vita e ci vorranno molti giorni lavorativi per passare questa prova. 

Quella dannata pratica ti distruggerà 

A differenza dell’Ue, la Russia prende molto sul serio la difesa dei suoi confini e limita l’immigrazione. Non è un gioco. Il servizio di migrazione ti tratterà come una recluta che cerca di unirsi ai Marines. Ti sentirai come un soldato di “Full Metal Jacket”. Ti faranno passare l’inferno per eliminare i più deboli. 

Ogni documento che invii deve essere presentato esattamente come lo desiderano i pubblici ufficiali che ti trovi davanti, e se l’impiegato A ti ha detto di scrivere qualcosa in un modo, c’è una buona probabilità che l’impiegato B ti dirà di fare in un altro modo. E se l’impiegato C ti dice di compilare il tutto in una terza maniera, questo è solo un problema tuo! 

Una volta la mia pratica è stata bloccata dicendomi che dovevo ripresentarla cambiando la posizione di alcune virgole. Quindi, la volta dopo, per ogni evenienza, ho portato il computer portatile con me, mi sono messo in fila, e quando mi hanno fatto delle nuove rimostranze, ho fatto le modifiche richieste, sono andato a stampare il modulo ricompilato, e mi sono rimesso in fila. Ho dovuto però ripetere questo trucchetto diverse volte, perché ogni volta che arrivavo allo sportello saltava fuori qualche problema nuovo. 

La donna dietro al vetro fu sorpresa di vedermi per la quarta (o era la quinta?) volta consecutiva. Nel darle l’ennesimo modulo di domanda, le ho mostrato una banconota da 1000 rubli. Dato che le copie del modulo costavano solo 10 rubli, le ho detto che mi restavano ancora molte opzioni di correzione. “Ho tutto il giorno per fare modifiche”, le dissi. Lei mi derise un po’ e accettò i miei documenti senza nemmeno controllare se avevo inserito l’ultimo giro di modifiche richieste. 

In breve, tutti i moduli devono essere IMPECCABILI o la domanda verrà respinta per ogni minimo vizio di forma. Basta un errore di ortografia o punteggiatura e la pratica finisce dritta nel cestino della spazzatura. Inizierai a reagire alle parole russe per “modulo” (анкета, anketa) e “domanda”, “richiesta” (заявление, zajavlenie), come un veterano di guerra del Vietnam quando sente un improvviso rumore schioccante. 

Non ho rimpianti 

Amo la mia vita in Russia e non ho rimpianti, ma l’immigrazione è stata un incubo. Forse esiste del metodo in questa follia, perché qualsiasi persona al di fuori dell’ex Unione Sovietica può trasferirsi in Russia solo se DAVVERO LO VUOLE CON TUTTE LE SUE FORZE. E forse è giusto che sia così.

Buona fortuna ai futuri immigrati, ne avrete bisogno! 

– 

Tim Kirby è un americano che vive e lavora in Russia dal 2006. Ha lavorato in vari campi tra cui produzione dei media, analisi politica e sviluppo di videogiochi, e in questo momento lo vedrai al centro di molti dei nostri video di YouTube mentre viaggia per il Paese per mostrarti com’è davvero la Russia. Tim ha due figli russi suoi

 

Come fare a ricevere asilo in Russia e perchéècosìdifficile ottenere lo status di rifugiati? 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie