Come i russi hanno cambiato la mia vita: il britannico Nathan

Nathan Williams
Questo ragazzo ha viaggiato per la Russia in lungo e in largo, visitando approfonditamente 14 città, si è interessato alla cultura e alla storia, si è fatto tanti amici, e ora ci racconta come questo ha fatto di lui un’altra persona

Fiducia in me stesso 

Ricordo quando dissi a mio padre che sarei andato in viaggio a Irkutsk e Ulan-Udè, nell’aprile del 2012. La sua risposta fu: “Ma sei pazzo?”

Forse questa reazione era dovuta sia alla distanza da casa (quasi 10 mila chilometri) che alla mancanza di conoscenza che aveva della Russia. Tuttavia, ho un buon amico a Irkutsk e, spinto dalla bellezza del Bajkal e dall’atmosfera mongola di Ulan-Udè, ero assolutamente determinato ad andare.

Sicuramente ci fu dell’ansia, durante il mio primo viaggio che mi portò nella Siberia orientale. Ero un viaggiatore inesperto senza idea di cosa dovessi aspettarmi. Tuttavia, potevo sentire la mia fiducia in me stesso crescere giorno dopo giorno, e in ogni viaggio dal 2012 in poi mi sono portato sempre più lontano, scoprendo così la vera Russia.

Ora non è un problema per me fare un viaggio in autobus verso un villaggio isolato o un’escursione in un’area di taiga remota senza preoccupazioni; solo con tanta curiosità. Da allora ho incorporato questa abitudine nella mia vita professionale e personale anche qui in Gran Bretagna.

Curiosità 

Le opere di Tolstoj, Dostoevskij, Pushkin e Pelevin mi hanno motivato a esplorare la Russia e immaginare come fosse lì la situazione nel XIX secolo e poi, in seguito, ai tempi dell’Unione Sovietica. I miei studi sulla storia sovietica mi hanno stimolato a indagare più a fondo quanto sia importante l’eredità dell’Urss per la Russia moderna e quali siano le basi per i suoi successi e fallimenti.

Più a est vai, più le persone si percepiscono una realtà avulsa da quello che vedono come il “centro dell’universo”, cioè Mosca. Nelle comunità rurali in giro per Siberia è radicata e diffusa la convinzione che la vita fosse migliore nell’era sovietica, e la cultura del collettivismo è ancora molto evidente in questi luoghi. 

Sono stato anche affascinato dai valori russi, per quanto riguarda la famiglia, la religione e la comunità. È sorprendente per me quanto siano strette la maggior parte delle unità familiari nelle cittadine, nei villaggi e nelle zone rurali della Russia. L’ho notato in particolare a Blagoveschensk, dove ho avuto l’opportunità di aiutare una mia amica con i suoi due figli, e anche a Rostov, dove ho incontrato i parenti, stretti e non, di un altro amico. In entrambi i casi, la religione, l’amore, la resilienza, il pragmatismo e il duro lavoro sono la pietra angolare di ciò che tiene insieme le famiglie, in misura molto maggiore rispetto a molti casi che ho visto nel Regno Unito. 

Conversazione 

Non parlavo un russo fluente prima di recarmi in Russia per la prima volta nel 2012, il che inizialmente ha reso le cose imbarazzanti!

Conversare in russo con la gente del posto è invece ora sempre la parte preferita di qualsiasi viaggio in Russia, e la cosa mi ha reso un ascoltatore molto migliore e più paziente di quanto non fossi prima. Se non sai dire o non capisci qualcosa in inglese, nel Regno Unito, molto spesso la reazione dell’interlocutore può essere negativa. In Russia, non è così. 

Le persone sono curiose di te e sono meno critiche nei confronti degli errori, essendo più flemmatiche e resilienti per natura. Esercitate il vostro russo il più possibile con la gente del posto. Non abbiate paura di sbagliare: a nessuno importa! Ogni volta che viaggio, soprattutto fuori da Mosca e San Pietroburgo, la gente sa istintivamente che non sono russo. Mi viene sempre dato un po’ di margine di manovra per fare errori, e quindi sono in grado di raggiungere un buon livello di comprensione e conversazione con gli altri. 

Cultura 

Ho avuto la fortuna di assistere a delle  funzioni religiose a Rostov sul Don, Khabarovsk e nella magnifica cattedrale di Kazan, a San Pietroburgo. È evidente che la religione è quasi un surrogato di un membro della famiglia, dato che molti russi vivono con poco o nulla. 

Non sono un uomo di chiesa, ma ricordo di aver sentito qualcosa di spirituale in questi luoghi. 

Ho detto che la cultura russa si basa su valori spirituali, familiari e comuni profondamente radicati, intrecciati con duro lavoro, ingegnosità, pragmatismo e resilienza, temi che emergono nella sua architettura, nella sua gente, nella sua arte e dallo studio della sua storia. 

Le persone spesso mi chiedono: questo è in poche parole il sunto della cultura russa? No, non lo è. Ogni regione e città è un microcosmo di cultura a sé stante. Ad esempio, Kazan, probabilmente uno dei miei posti preferiti adesso al mondo, è un centro spirituale e un giovane polo di educazione, conoscenza e nuove idee, che integra cristianesimo e Islam in un equilibrio quasi perfetto, almeno dal mio punto di vista. 

Mosca potrebbe essere un intero Paese a sé stante, mentre Blagoveschensk, Belgorod e Samara mantengono un aspetto altamente sovietico e si muovono con cautela verso il XXI secolo. Ulan-Udè e Khabarovsk, d’altra parte, fanno bella mostra delle loro influenze orientali (rispettivamente mongole e cinesi), con atmosfere altamente inclusive e comunità amichevoli.

Mi scuso con la gente di quelle città che non ho menzionato, come Irkutsk, Nizhnij Novgorod, ecc. Il mio consiglio è di creare il vostro itinerario personale e di vederle con i vostri occhi. Siate certi che sarete arricchiti dal tempo passato lì. 

Pensiero critico 

Sento spesso dire dai viaggiatori che sono stati per la prima volta un weekend lungo a Mosca “siamo stati in Russia”. Il fatto è che, anche dopo quattro viaggi, dal 2012, e visitando 14 città e alcuni villaggi e città più piccole, io sento di aver appena graffiato la superficie. Ci sono almeno altre sette regioni che devo esplorare prima che la mia curiosità per questo enorme Paese sia quasi soddisfatta.

Capisco perfettamente che molti viaggiatori inesperti potrebbero credere che il centro di Mosca o la Prospettiva Nevskij a San Pietroburgo siano il “cuore pulsante” della Russia. È vero, questi posti sono spettacolari e speciali. Ma quanto sono autentici e quanti di voi ci vivrebbero davvero? 

In una landa selvaggia come il Territorio del Litorale (la regione di Vladivostok), il punto focale sarà il “Produkty” (il negozietto di alimentari) di un villaggio o un caffè all’aperto sulla strada tra Vladivostok e Nakhodke. A Kazan, sarà la via Baumanskaja, appena sotto il Cremlino. A Rostov sul Don, sarà il mercato alimentare, uno dei più grandi del suo genere in Russia. A Khabarovsk e Blagoveschensk, sarà il lungofiume sul maestoso Amur. 

Mosca, per molti, anche in qualche città vicina come Nizhnij Novgorod, sembra un altro mondo, un altro Paese, le cui attività non significano quasi nulla. Ciò vuol dire anche che la realtà si basa sulla percezione. E questo a sua volta significa che devo mettere in discussione il modo in cui il mio background e la mia realtà influenzano il modo in cui osservo e giudico le cose e le persone.

Prima del 2012, l’empatia era qualcosa di cui avevo sentito parlare, ma che non esercitavo molto. Il mio viaggio attraverso la Russia e gli sguardi sulla vita della sua gente mi hanno in qualche modo modificato e hanno messo in prospettiva le mie esperienze del Regno Unito in modo piuttosto netto. 

Compagnia 

Ogni viaggio che abbia mai fatto attraverso la Russia ha una cosa in comune. Mi ha permesso di incontrare nuove persone meravigliose lungo la strada, con molte delle quali sono ancora in contatto oggi: dagli amici che mi sono fatto all’università, ai membri dello staff del mio bar preferito a Khabarovsk.

Questo è probabilmente il più grande miglioramento che è avvenuto nella mia vita viaggiando in Russia. In cinque viaggi, cinque anni e 14 città, ho scoperto di avere una migliore capacità di entrare in empatia, di rilassarmi, di essere curioso, di essere critico nei miei confronti e, soprattutto, di ascoltare gli altri.

È una bella sensazione essere guidati in una città a vedere le sue cose più belle da gente del posto, e avere questa esperienza in otto città ha reso il viaggio ancora più utile. Viaggiare da soli è ottimo per aumentare la fiducia e ampliare i propri orizzonti, ma avere amici che ti danno una prospettiva russa arricchisce ulteriormente la tua esperienza. 

Le amicizie con i russi mi hanno insegnato molto sulla sincerità, sul sentimento genuino, sull’accettazione e sulla tolleranza, e anche se ho ancora ancora molto da imparare, sono estremamente grato alla Russia di questo. È stato fantastico per me come persona, ma anche come tutor e coach. 

Racconterò di più sulle mie esperienze in Russia in futuro, ma, per il momento, voglio ringraziare di cuore tutti coloro che hanno reso i miei viaggi in Russia così memorabili, e non vedo l’ora di creare nuovi ricordi in un futuro non troppo lontano, grazie a nuovi viaggi.

 

Come i russi hanno cambiato la mia vita: le testimonianze di tante persone venute in Russia dai piùdisparati angoli del Pianeta

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie