Il chirurgo siberiano che opera gratis in giro per il mondo e ridà il sorriso ai bambini

Kirill Kukhmar/TASS
Mikhail Kolybelkin è specializzato in interventi maxillo-facciali pediatrici e interviene sul “labbro leporino”, aiutando chi non potrebbe permetterselo

Mikhail Kolybelkin è un chirurgo maxillo-facciale di Novosibirsk. Da oltre trent’anni lavora al pronto soccorso pediatrico, facendo diversi interventi chirurgici ogni giorno. Spesso di occupa di cheiloschisi, un problema più noto come “labbro leporino”. Di questi casi ne affronta mediamente 70-80 all’anno.

Tuttavia, il lavoro di questo chirurgo esperto non si ferma nemmeno quando è in vacanza: insieme ai medici dell’organizzazione benefica internazionale, “Operation Smile”, si reca in varie regioni russe o all’estero per operare gratuitamente bambini e adolescenti.

“In certi posti i medici sono considerati degli dei”

“Operation Smile” è stata istituita nel 1982 negli Stati Uniti e ha iniziato la sua attività in Russia nel 1995. Il suo obiettivo è fornire assistenza gratuita ai bambini con deformazioni del volto di varia complessità. Mikhail è entrato a far parte del suo pool di medici volontari nel 2003.

“All’inizio, sono venuti da noi a Novosibirsk dei chirurghi americani per verificare la preparazione dei medici locali. Hanno visto che tipo di operazioni complesse eseguivo e mi hanno invitato a far parte della loro squadra.” Da allora Mikhail ha aiutato migliaia di bambini in Russia e all’estero: ha eseguito operazioni in Kenya, India, Marocco, Cina e Giordania.

“I bambini russi hanno diritto a cure chirurgiche gratuite, tuttavia, non tutte le regioni hanno specialisti in grado di eseguire queste operazioni al viso”, spiega Kolybelkin. Lo scorso agosto ha trascorso le sue vacanze sugli Altaj, ricevendo bambini da tutta la repubblica. Con lui in quella missione di beneficenza c’erano pediatri di Minsk e di Irkutsk.

“All’estero, queste operazioni di solito non sono pagate dallo Stato”, racconta il chirurgo. “Noi andiamo in Paesi in cui i genitori dovrebbero pagare migliaia di dollari per questo intervento chirurgico e lo eseguiamo gratuitamente. In molti posti del genere i dottori sono considerati degli dei.”

In quelle realtà, eventi di beneficenza di questo tipo sono spesso l’unica opportunità per un bambino di essere operato, se i suoi genitori non possono permettersi di pagare. “Ad esempio, a Guangzhou, lavoravamo in una clinica dove si praticava la medicina tradizionale cinese”, ricorda Mikhail. “L’ospedale era grande, come un ospedale distrettuale in Russia, ma aveva solo due dipartimenti che eseguivano interventi chirurgici e c’erano molti pazienti, circa 360. In cinque giorni, abbiamo eseguito 240 interventi chirurgici su nove tavoli operatori, solo quattro o cinque dei quali erano attrezzati in modo adeguato. Ma in giro per il mondo ho operato bambini su un normale tavolo da cucina, o mentre erano su una sedia girevole, e con una specie di lampada mi facevano luce. Ogni operazione dura un’ora o un’ora e mezzo, ed è così che trascorriamo 10-12 ore al giorno. In Cina, operazioni come queste costano da mille a tremila dollari, a seconda della complessità”.

“Ci sono migliaia di medici come me”

Mikhail afferma che per lui la partecipazione a questi eventi internazionali è un’opportunità per vedere un Paese non come una destinazione turistica, ma per conoscere la sua gente, con le sue vite e i suoi problemi quotidiani. Quando gli viene chiesto se si stanca ad eseguire le operazioni continuamente, il medico risponde di no: “Mi stanco di più quando non faccio nulla. Durante un’operazione, entri in una dimensione completamente diversa e smetti di notare il tempo e lo spazio. Questo lavoro è il mio destino e tutta la mia vita.”

Arrivano a Novosibirsk, per farsi visitare da lui, bambini da tutte le parti del Paese. Ma lui non si considera niente di speciale, e dice che ci sono molti bravi dottori che lavorano nel suo ospedale. Ma nel 2018 Mikhail Kolybelkin è stato insignito del titolo di “Medico dell’anno”.

“Come si può considerarsi ‘il migliore’? Quanti dottori ci sono come me? Migliaia!”, si schermisce però lui. “Quanti medici eseguono operazioni complesse come i trapianti di organi?! Ma sono stato ovviamente molto lieto di ricevere questo riconoscimento dai miei colleghi. È un grande punto di arrivo nella mia carriera lunga già 32 anni.”

Anche il figlio di Mikhail è diventato un chirurgo pediatrico. “È il mio braccio destro. In mia assenza, so che il lavoro non si fermerà, e che sta crescendo un degno sostituto.” Konstantin è già un medico esperto e ha ottenuto riconoscimenti in altri Paesi. Come suo padre, è entrato in “Operation Smile” e viaggia in tutto il mondo facendo interventi chirurgici gratuiti: è già stato due volte nelle Filippine e in India.

Quattro geniali dottori russi che hanno rivoluzionato la medicina

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie