Dieci bizzarri oggetti che ogni russo infila in valigia

Legion Media, Pixabay
Dal cibo alle pantofole... fino al più inaspettato bollitore dell’acqua! Perché si sa, le abitudini, quando si viaggia, non vanno in vacanza!

Un russo all’estero lo si riconosce... dalla valigia! Potrà anche “mimetizzarsi” con i locali parlando perfettamente la lingua del posto, e gesticolare animatamente come fanno gli italiani... ma c’è una cosa che toglierà ogni dubbio sulle sue origini: il contenuto del suo bagaglio! 

10. Grano saraceno, salsicce e semi di girasole

Cereali, conserve e sottaceti. Ecco come si presenta la valigia di un turista russo alla vigilia della partenza. Come potete immaginare, le ragioni sono molteplici: in primo luogo, non tutti amano i cibi che vengono serviti a bordo di treni e aerei; in secondo luogo, si tratta di un escamotage per risparmiare, visto che lo scontrino medio nei ristoranti di Europa e Stati Uniti è mediamente più salato. E così il turista russo decide di infilare in valigia gli alimenti secondo lui essenziali: grano saraceno (di facile preparazione), panini con insaccati locali, biscotti e semi di girasole.

9. Carbone attivo

Si tratta di un rimedio molto utilizzato dai russi per combattere l’indigestione. E si sa, quando si viaggia all’estero non è sempre facile “fare amicizia” con i piatti stranieri ai quali non si è abituati. 

8. Tintura di iodio

Ecco un altro rimedio che i russi portano sempre con sé all’estero, usato per trattare tagli e contusioni. In precedenza era disponibile solo in forma liquida, ma oggi esistono confezioni molto più comode (simili a una matita), ideali da infilare nel bagaglio a mano.

7. Pantofole

Ve lo avevamo già raccontato in questo articolo: in Russia è d’obbligo togliersi le scarpe appena si entra in casa! Ve ne sarete accorti anche voi: varcando l’uscio, ci si toglie le scarpe e si infilano le pantofole o le ciabatte. Comode, calde e accoglienti, proteggono i pavimenti di casa dallo sporco e dalla polvere. E i russi, anche in viaggio, non possono rinunciare alle proprie pantofole! 

6. Sigarette

Le sigarette in Russia sono ogni anno più costose. Tuttavia, nonostante l’aumento di prezzo dovuto a una nuova campagna anti-fumo, risultano ancora molto più economiche che all’estero. Per questo i fumatori fanno scorta di sigarette prima di ogni viaggio.

5. Ferro da stiro portatile 

Abiti stropicciati? Mai e poi mai, nemmeno in vacanza! Questa regola d’oro fa sì che i russi portino sempre con sé un ferro da stiro da viaggio, piccolo, comodo e compatto... perché si sa: diventa impossibile trovarlo proprio nel momento del bisogno!

4. La piastra e/o l’arricciacapelli 

Se c’è una cosa che le donne non dimenticano di mettere in valigia, è il beauty con i trucchi e i propri segreti di bellezza. La piastra e l’arricciacapelli ovviamente fanno parte del set. 

3. Scarpe col tacco

Che la vacanza sia al mare, in campeggio o in un hotel a 5 stelle... l’abito da sera e le scarpe col tacco non possono mancare! Ogni ragazza russa infilerà in valigia un vestito elegante e un paio di décolleté per le grandi occasioni, per non farsi trovare impreparata nel caso in cui spunti un invito a cena o si presenti l’occasione di realizzare un bel servizio fotografico. 

2. Vodka e dolcetti

Nella valigia di un russo non mancheranno mai una bottiglia di vodka e alcuni dolcetti: souvenir da regalare ad amici e parenti all’estero, o a qualche buon compagno di viaggio incrociato durante la propria avventura.

1. Bollitore portatile

Il rito del tè in Russia è una tradizione alla quale i russi difficilmente riescono a rinunciare. Si serve tè a qualsiasi ora del giorno: in ufficio, durante i pasti, per celebrare un incontro con degli amici... E anche all’estero tè e infusioni non possono mancare. Vi potrà sembrare una soluzione estrema, ma c’è chi è pronto a fare i salti mortali pur di infilare in valigia un bollitore dell’acqua! 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie