Bionda, bella e campionessa di pugilato: ecco a voi la russa Svetlana Solujanova

Quest’anno ha vinto il campionato russo e quello europeo, e il suo sogno è una medaglia olimpica. Ha avuto un’infanzia complicata, e non si fa scalfire dalle critiche di chi non ritiene la boxe una cosa per donne

Guardando questa giovane donna russa, pochi indovinerebbero che è una pugile, per non parlare del fatto che è una campionessa europea.

Nel marzo 2018, Svetlana Solujanova, 24 anni, ha vinto il Campionato russo femminile di boxe e a giugno ha ottenuto il primo posto nel Campionato europeo femminile di pugilato, vincendo cinque combattimenti nella sua categoria di peso: fino a 51 kg. Non sorprende che alcuni media russi abbiano coniato per lei la definizione di “pugile più bella d’Europa” e che la rivista Glamour Russia l’abbia nominata per il premio “La sportiva dell’anno”. Ma come ha fatto a farsi largo in uno sport difficile come la boxe, e cosa pensa di coloro che la criticano?

Nata nella piccola città russa di Dimitrovgrad (116 mila abitanti; 965 km a est di Mosca) Svetlana ha avuto un’infanzia difficile. Sua madre non l’ha cresciuta (era in carcere) e per oltre 12 anni la futura star del pugilato ha vissuto con la zia e poi con un’amica di sua madre. “Penso che quel periodo della mia vita mi abbia insegnato che dovevo sempre contare solo su me stessa, e non su qualcun altro”, ha detto.

Dieci anni fa ha iniziato il suo primo corso di boxe. “Mio fratello mi ha parlato di alcune lezioni gratuite di pugilato che stavano per iniziare nelle vicinanze di casa, e così è iniziata la mia storia”, ha raccontato a Russia Beyond.

“Certo, c’erano molte persone che dicevano che non avrei avuto un futuro decente”, ricorda. “In questi momenti difficili inizi a dubitare anche di te e cerchi di cambiare la situazione al meglio delle tue capacità. Grazie ai miei parenti, amici e, in particolare, al mio allenatore [Airat Bogdanov], sono riuscita a farcela. Lui è come un padre per me. Gli sono grata per avermi fatto diventare chi sono adesso”

Se non fosse stato per il pugilato, Svetlana sarebbe probabilmente finita nel mondo della musica. “Fino al nono anno di scuola ho fatto sia musica che pugilato, ma quando mi sono diplomata alla scuola di musica, è arrivato il momento di scegliere”, dice. Anche se ha scelto la boxe, suona ancora regolarmente la chitarra e scrive canzoni. Il suo gusto per la musica non è comune tra i giovani: ama infatti la chanson russa e artisti come Sergej Nagovitsin e Mikhail Krug.

Посмотреть эту публикацию в Instagram

Как редко бывают моменты спокойствия и безмятежности, когда можешь просто сесть и воспроизвести в жизни кусочки прошлого и сшить их с настоящим… Когда можешь отдохнуть от вечной борьбы за место под солнцем. Когда можешь ощутить разницу между «уже не 20, но ещё не 25». Тогда я вижу, что жизнь состоит из контрастов. Хорошее – плохое, Жизнь - смерть, Взлёты - падения, «В серебре или нищете, со щитом или на щите», Эти контрасты и дают нам ощутить многогранность бытия и расставить приоритеты: Прячась от палящего солнца в ледяной душ, мы понимаем, что жар костей не ломит… Убегая от быта и семейных тягот на волю и бесконечные вечеринки, мы опустошаемся и понимаем где наши истоки, и кто нас ждёт на самом деле… Достаточно болезни близких или заболеть самому, как мы быстро приходим в себя и обретаем рассудок, забывая о сиюминутных капризах, плохой погоде или шумных соседях. Контрасты показывают эфемерность наших грёз и помогают нам ценить то что есть…#моимысли#мысливслух #ценитекаждыймиг #люблювсечтоуменяесть#славабогузавсе🙏

Публикация от Солуянова Светлана (@soluyan51)

Le fanno molte domande sul suo aspetto, ma non ha mai seriamente considerato una carriera da modella. Per lei il vero obiettivo è l’oro olimpico, “quello più importante per ogni sportivo”.

“Sono completamente diversa nella vita reale rispetto alle foto”, ammette. “Non frequento spesso gli studi di bellezza, vado solo due volte al mese dal parrucchiere a fare la tinta: non sono bionda naturale. A casa ho solo un grande specchio, ma lo uso per vedere i miei movimenti quando mi alleno per la boxe, più che per posare.”

Dice anche di truccarsi raramente e di preferire gli abiti sportivi, perché passa la maggior parte del tempo ad allenarsi in palestra. “Mi alleno per cinque ore al giorno e spesso trascorro le serate a casa. Suono la chitarra e tengo un diario. Nonostante i suoi impegni, Svetlana trova il tempo per tutto ciò che considera importante, vale a dire i suoi amici, la sua famiglia e il suo fidanzato.

Vincere l’oro ai Campionati Europei non ha cambiato molto la vita di Svetlana: “Mi alleno duramente e non mi siedo sugli allori sapendo di essere la campionessa d’Europa”. Di tanto in tanto perde un combattimento, ma ha sempre il supporto del suo allenatore. “È la persona che ascolto di più e prendo molto seriamente ogni sua parola”, osserva. “A volte imparo di più dalle sconfitte: mi motivano.

Nonostante i suoi successi, la gente la critica ancora: o accusandola di sembrare un uomo o, al contrario, dicendo che il suo successo dipende semplicemente dal suo aspetto.

Svetlana non se ne fa un malattia: “Non puoi piacere a tutti, è semplicemente impossibile. Penso che troppo spesso le persone notino solo le tue vittorie e dimentichino tutti gli ostacoli che incontri lungo il cammino.”

Rivoluzione in Russia: una ragazza vince il campionato dei saldatori 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie