Asce parlanti e ricette della passione: 8 bizzarri riti del popolo Komi

Valerij Matytsin/TASS
La Repubblica dei Komi è a ovest degli Urali. La popolazione indigena mantiene un forte legame con la natura e con le tradizioni, che spesso possono sembrare strane a chi viene da fuori

1. Fumo protettore

Gli uomini Komi credono che i poteri oscuri possano rovinare la caccia e le battute di pesca. Per evitarlo, raccolgono rami secchi di abete rosso, li bruciano e affumicano reti, archi, asce, sacchi e speciali abiti striati. Ogni Komi aggiunge qualcosa di personale al rito, che passa di padre in figlio per generazioni.

2. Meglio di un antifurto

Le madri insegnano alle figlie come difendere la casa, la famiglia e il bestiame dagli spiriti maligni. Mettono ossa di pollame morto sotto la soglia d’ingresso e appendono rami di betulla o pelliccia d’ermellino sopra l’ingresso di capanne, stalle e altri edifici.

3. Lettera alle potenze spirituali

Quando un Komi è vittima di una grave disgrazia, come perdere il bestiame nella foresta, chiede aiuto ai leader spirituali. Insieme scrivono una cabala (un appello speciale agli spiriti) su un pezzo di corteccia che viene diviso in due parti: la prima viene bruciata e la seconda viene lasciata nella foresta per far conoscere alle potenze più alte la sfortuna dell’uomo. La gente del posto afferma che funziona davvero.

4. La ricetta della passione

I Komi hanno un rito speciale per coloro che vogliono trovare l’amore. Bisogna trovare tre erbe per far sì di essere desiderati dall’amato. Le ortiche servono a rendere il cuore dell’amato ferito senza ricorrere a uno stregone; la carice fissa saldamente la sua immagine nella mente di chi subisce l’incantesimo; il cerfoglio dei prati addolcisce i rapporti tra di loro. Un mix di capelli dovrebbe essere aggiunto alla miscela di erbe. Tutto questo viene quindi posto in una fessura della capanna dell’uomo amato.

5. Trattamento a caldo

Il cerimoniale di cura si svolge di solito in un bagno di legno chiamato “banja”. I leader spirituali benedicono i bambini tenendoli sopra la legna fumante del camino. Anche l’acqua è usata attivamente in questi riti. Dovrebbe essere prelevata dal fiume e da due diversi pozzi nelle prime ore del mattino. I maghi fanno un rituale sull’acqua e la versano sui malati. Una pratica comune era imitare il momento della nascita spingendo il malato attraverso un giogo.

6. Ascia parlante

I parenti defunti possono inviare malattie ai Komi. Per capire chi rischia, i leader spirituali eseguono il rito del “Chereshlan”. Gettano un cono di luppolo nel fuoco e appendono un’ascia sopra di esso. Quindi il leader santone nomina i parenti uno alla volta finché l’ascia cade. Tutto questo di solito viene fatto al mattino, mentre i morti sono svegli. I Komi credono che dopo mezzogiorno si addormentino e non dicano una parola. Portare i piatti preferiti del risentito defunto che è partito per il luogo di sepoltura è un modo efficace per riconciliarsi lui. Il cibo deve essere caldo perché gli spiriti mangiano solo il vapore che sale da esso.

7. Caricatore umano

I Komi amano la natura e apprezzano la loro storia. Vanno in luoghi speciali chiamati “vezh-mesta” per caricarsi di energia e potere. In passato scavavano buche e si seppellivano quando i conquistatori arrivarono in patria e volevano convertirli al cristianesimo. Oggigiorno i locali che si recano lì toccano il suolo sacro e portano via i rami degli alberi come amuleti.

8. Amore puro

La magia Komi può persino combattere la gelosia. Per rafforzare l’amore tra le mogli sposate che vogliono rimanere attraenti e i loro mariti, le donne raccolgono l’acqua con cui si lavano alla banja e la portano come bevanda al loro amato.

La Repubblica dei Komi è uno dei sette migliori posti dove vedere l’Aurora boreale in Russia 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie