Tre russe che hanno vinto la loro battaglia per svolgere lavori vietati alle donne

Vladimir Astapkovich/Sputnik
In Russia una legge del 2000 individua ben 456 professioni precluse al genere femminile. Ma ora qualcosa sta cambiando e c’è chi lotta per diritti più equi tra i sessi

La Russia proibisce ufficialmente alle donne di svolgere 456 professioni (tra cui, solo per fare qualche esempio, il macchinista, il pompiere, l’idraulico, il pescatore, l’ufficiale sulle navi, il fabbro, il macellatore di animali, il falegname, il taglialegna, il ruspista…), considerandole troppo pesanti o rischiose (qui, in russo, il testo completo della legge). Ma la restrizione legale non sempre funziona nella realtà. Alcuni datori di lavoro assumono donne se possono garantire condizioni di lavoro sicure, e, a volte, le donne fanno sforzi incredibili per ottenere il posto di lavoro dei loro sogni. 
Queste tre donne straordinarie non riescono a vedere la differenza tra professioni “maschili” e “femminili”, e hanno seguito la loro passione, sia a terra che in mare. 
1 / Yulia Lazareva, 30 anni, camionista
Nata nella città di Evpatoria, in Crimea, Yulia ha studiato legge e sognava di avere il suo club di equitazione, e ora ne ha uno. Partita con un primo cavallo, dono del suo patrigno, oggi il suo club ha 20 cavalli. Quando questo sogno si è avverato, Yulia si è accinta a realizzarne un altro: guidare il camion. 

“Ho iniziato trasportando i miei cavalli”, racconta Julia. “All’inizio i miei amici e la mia famiglia lo consideravano strano.”
Ciononostante, nel 2013, ha iniziato a guidare i camion a livello professionale, e ora la sua rotta più frequente è da Mosca in Crimea e ritorno. Nel 2014, ha anche creato il suo canale Youtube, “Camionista Yulia Lazareva” che ora ha più di 160.000 iscritti. Uno dei suoi video, nel quale fa manovra per far parcheggiare il suo camion Scania su un traghetto, ha oltre 1,8 milioni di visualizzazioni. 
“Anno dopo anno, sono già cinque anni… È come se non lavorassi davvero. Mi riposo [mentre guido], posso pensare e ascoltare musica”, ha detto. “Sono come in una specie di capsula. Quando guidi per molto tempo, hai la sensazione che la vita ti stia superando. Si scende raramente dal camion, per parlare con qualcuno per tre minuti e poi tornare indietro, al volante”. 
Afferma di non dover affrontare sfide serie, ma alcuni dei suoi colleghi maschi sono sorpresi nel vederla guidare un tir. Tuttavia, sono le cattive condizioni delle strade a infastidirla più di tutto. Non ha mai avuto problemi legali e considera le restrizioni di legge sui camionisti donna come una sorta di scherzo malato. 
“Non voglio sentire nulla di tutto ciò”, dice, facendo notare che non è la sola donna a svolgere questa professione e che conosce altre cinque camioniste, ognuna con la propria storia da raccontare.
Eppure, Yulia non ha intenzione di trascorrere tutta la vita alla guida. “Guidare non è un’occupazione seria; è come passare tutta la vita a fare le pulizie. Si può farlo temporaneamente, ma non in modo permanente”, dice. “Ho intenzione di smettere, ma non so ancora quando e cosa farò dopo”. 
2 / Yulia Kurakina (Yurova), 30 anni, assistente macchinista di treno
Da ormai otto anni, Yulia Kurakina è l’unica macchinista delle ferrovie russe. Sognava di guidare un treno dall’età di 15 anni e ha lavorato sodo per ottenere un’istruzione adeguata. 

“Non ho mai dubitato di aver scelto la giusta professione”, ha detto. “Mi sento felice quando capisco che io e il mio collega siamo quelli che fanno muovere questi bestioni”. 
Yulia lavora sulla linea Aeroexpress che va dalla stazione Kievskaja di Mosca all’aeroporto di Vnukovo, con turni di 12 ore e a volte con turni notturni. Il suo lavoro è stressante; per esempio, deve tenere d’occhio il percorso, guardando i segnali, così come per le persone che potrebbero muoversi sui binari.

Solo quando ha iniziato a lavorare, Yulia ha compreso fino in fondo quanto sia complicata questa professione. “Non sono mai stata una ragazza spensierata, ma quando sono diventata assistente tecnico sul treno ho capito quanto sia serio questo lavoro, e quanto sia importante avere un buon rendimento; ora sono responsabile non solo per la mia vita, ma per le vite e il benessere dei passeggeri che si fidano di noi”, dice.
Sin dall’inizio, Yulia ha fatto tutto da sola, senza mai chiedere aiuto. E non ha mai sentito i suoi colleghi dire che non è adatta a questo lavoro. I colleghi maschi di Yulia osservano che si adatta bene alla squadra e che lavora allo stesso livello di loro.
“All’inizio volevo semplicemente realizzare il mio sogno, e quando l’ho fatto ho iniziato a sentire altre donne che vogliono lavorare sui treni”, ha detto Yulia, sottolineando che non le incoraggia, ma certo non le sconsiglia.
“Devo spiegare loro che non è facile. Se dicono che sono pronte, allora le aiuto ben volentieri… Conosco cinque donne che vogliono diventare assistenti tecnici di treno e, naturalmente, vorrei che fosse più facile per loro”.
Ufficialmente, alle donne non è permesso lavorare alla guida dei treni a causa delle emissioni elettromagnetiche, ma, come dice Yulia, i treni moderni hanno standard di sicurezza più elevati.
Il suo principale obiettivo di carriera è essere un macchinista a pieno titolo, ma per questo deve seguire un corso di formazione di sei mesi e superare gli esami di teoria e di pratica. La concorrenza è agguerrita per essere accettata nella cosiddetta “scuola dei macchinisti”. 
“Non ho piani specifici per il mio futuro, ma mi sento in debito con coloro che mi hanno supportato nel mio desiderio di diventare primo macchinista; così, vedremo cosa accadrà dopo”, ha detto Yulia.
3 / Evgenija Korneva, 25 anni, terzo ufficiale di guardia a bordo della nave Sibur Tobol
Evgenija ha studiato presso l’Accademia Marittima di Stato “Admiral Makarov” di San Pietroburgo, ed è stata una delle tre ragazze che si sono diplomate nel suo anno. Amava la disciplina e pensava di lavorare per il Ministero delle situazioni di emergenza, ma sognava la vita a bordo di una nave. Da oltre un anno, lavora sulla portagas Sibur Tobol, ed è passata dal 4 ° al 3 ° grado come ufficiale di guardia. 

“Ho capito di aver scelto la strada giusta e di voler crescere nella mia professione”, ha detto Evgenija. “La mia famiglia e i miei amici mi sostengono e aiutano psicologicamente perché vedono che mi piace quello che faccio”. 
Lavorare a bordo delle navi è una professione insolita per le donne in Russia ed è ufficialmente vietata, ma Evgenija spera che questo cambi presto. “In Europa nessuno affronta problemi del genere: lì intere famiglie lavorano insieme sulle navi”, dice. “Raramente vedo colleghe donne, ma ogni anno il loro numero cresce”. 
A bordo non ci sono facilitazioni per il fatto di essere donna, sostiene. Dall’inizio della sua carriera Evgenija ha dovuto trovare lavoro e dimostrare che, nonostante sia donna, è una professionista che ha le qualità di leadership necessarie, in grado di gestire la nave e l’equipaggio. 
“Ho un buon rapporto con i miei colleghi, sia a bordo che a terra. Mi rispettano e io rispetto loro”, dice. “Amo quello che sto facendo, e fino a quando non mi sposerò sono pronta a continuare a navigare mari e oceani”.
 
Gap uomo donna, quanto è sessista la Russia? Scopritelo qui

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie