Primo maggio, un popolo in festa: 15 cartoline sovietiche raccontano il Giorno dei Lavoratori

A.Shmidshtejn, "Pittore sovietico", 1967
Dopo il lungo e rigido inverno, la festa del primo maggio è sempre stata una delle celebrazioni più attese e sentite dai cittadini sovietici

Dopo un lungo e rigido inverno, maggio è il periodo del tepore ritrovato e del sole che torna finalmente a scaldare la città. In epoca sovietica la festa dei lavoratori (primo maggio) è sempre stata tra le celebrazioni più sentite

La gente attende con impazienza l’arrivo di questa giornata, seguita da un lungo ponte festivo, che diventa sinonimo di primavera, vacanze e relax in dacia

“Tutti gli anni il primo maggio si andava in dacia e si trascorrevano i giorni di vacanza nella nostra casa di campagna: lì si pulivano le stanze dopo il lungo inverno, si sbattevano i tappeti e le coperte e ci si preparava per l’inizio della bella stagione”, ricorda Andrej, un signore di Mosca

In epoca sovietica la Festa dei Lavoratori era considerata una sorta di festa alternativa alla Pasqua. Molte persone cresciute in Unione Sovietica ammettono oggi che il primo maggio era uno dei giorni più belli e attesi della loro infanzia

“Ricordo che i miei genitori mi accompagnavano alle manifestazioni: ci si divertiva sempre. Non avevano niente a che vedere con i meeting politici”, racconta Olga, di Mosca

“Mosca di maggio”, una canzone molto popolare in epoca sovietica, era l’inno non ufficiale della capitale russa. Ascoltate la canzone e guardate le immagini d’epoca a questo link

Secondo Lenin, il primo maggio gli operai di tutto il mondo celebravano il loro risveglio verso la luce e la conoscenza, la loro associazione in un’entità fraterna che lotta contro l’oppressione, la tirannia e lo sfruttamento

“Forse risulta sorprendente, ma per noi la festa principale dell’anno non era capodanno, bensì il primo maggio – ricorda il regista sovietico Rolan Bykov in un suo libro -. Ed era molto importante celebrarla il più vicino possibile alla Piazza Rossa”

Tra gli slogan più popolari della festa c’era “Pace. Lavoro. Maggio”. Il primo maggio nessuno lavorava. Venivano però organizzati i “subbotniks”, grandi eventi di lavoro volontario durante i quali ci si occupava di pulizia, coltivazione di alberi e pittura di infrastrutture. Una tradizione annuale per i cittadini sovietici

Per l’occasione venivano organizzate anche le cosiddette mayevka, ovvero picnic nei boschi, dove la gente si godeva finalmente i primi soli della bella stagione

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Leggi di più
Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie