Nozze gay, annullato il primo matrimonio omosessuale registrato in Russia

Pixabay
La coppia si era sposata a Copenhagen e aveva convalidato i documenti anche a Mosca. Ma la polizia ha annullato i passaporti, spiegando che si sarebbe trattato di un errore. I dipendenti che hanno convalidato timbri, confermando l’unione tra i due novelli sposi, saranno licenziati

Fiori d’arancio con finale amaro per Pavel Stotzko e Eugene Wojciechowsky, la coppia di sposi convolata a nozze a inizio gennaio a Copenhagen, la cui unione era stata inizialmente riconosciuta anche a Mosca. Dopo una prima convalida dei documenti, avvenuta in uno dei centri multifunzionali di Mosca, il loro matrimonio in Russia è stato annullato poiché considerato illegale. 

La polizia russa ha infatti cancellato entrambi i passaporti dei due novelli sposi. Secondo i funzionari, si sarebbe trattato di un errore da parte di un dipendente del centro incaricato di fornire i servizi civili. 

“Il dipendente e il suo superiore saranno licenziati”, ha quindi fatto sapere la rappresentante ufficiale del Minsitero degli Interni, Irina Volk. 

La notizia della prima coppia omossessuale riconosciuta in Russia aveva fatto scalpore nei giorni scorsi, dopo che gli sposi, ospiti di TV Rain, un canale di opposizione, avevano confermato di aver visto riconosciuto il loro vincolo matrimoniale. Così come avevano raccontato i protagonisti, dopo le nozze avrebbero voluto ratificare la loro unione anche in patria. Quando si sono recati in uno dei centri di Mosca che forniscono questi servizi, il dipendente avrebbe debitamente timbrato i loro documenti, senza fare ulteriori domande. Ma dopo il polverone sollevato, l’unione è stata in breve tempo annullata. 

Se volete saperne di più sulla questione omosessuale in Russia, cliccate qui

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond
Leggi di più