L’oltraggio ai russi di Sarah Jessica Parker, che confonde due auto sovietiche

Evgenij Odinokov/RIA Novosti
L’errore dell’attrice in visita a Mosca sembrerebbe di poco conto, una Volga scambiata per una Zhiguli in un hashtag, ma su Instagram si sono arrabbiati in tanti

Sarah Jessica Parker, l’attrice e produttrice americana famosa per il suo ruolo in “Sex and The City”, ha fatto visita a Mosca per presentare il suo marchio di profumi SJP Beauty. Del resto, già in una celebre scena della serie, in un noto ristorante russo di New York, il Russian Samovar, dimostrava il suo amore per la Russia. Nel corso del viaggio, ha girato un video per Instagram in cui si trova vicina a una macchina russa gialla (vecchia e non molto pulita) e si dà il profumo. “Questo è quello che succede sulle strade di Mosca”, scherza la Parker.

Ma ha commesso un errore che diversi russi hanno considerato imperdonabile, inserendo in caratteri cirillici l’hashtag #Жигули (ovvero, Zhiguli, il nome di una serie di autovetture del marchio automobilistico sovietico, e poi russo, Lada-Vaz). Ma nel suo video, in realtà, c’è una Volga, ben altra macchina sovietica e poi russa, prodotta non negli stabilimenti di Vaz di Togliatti, ma in quelli del marchio Gaz a Nizhnij Novgorod (ai tempi dell’Urss la città si chiamava Gorkij). Molti utenti russi hanno provato a spiegarlo alla Parker, e alcuni di loro in modo piuttosto duro e seccato.

“È una Volga, stupida”, le ha scritto, per esempio, senza troppi complimenti l’utente boriskochurov. Molti altri, tuttavia, sono stati più educati. Ad esempio, reggie_kova ha saggiamente commentato: “Questa è una Volga, non una Жигули. Ma ci sei andata vicina. Stessa merda. Lol. Sorpresa, che ce ne sia ancora davvero una a Mosca”.

Se non volete fare anche voi figuracce sulle auto sovietiche e russe, ripassate quelle che ebbero più successo all’estero, e guardatevi i modelli che non ce la fecero a diffondersi, a causa del crollo dell’Urss.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie