È sicuro bere l’acqua del rubinetto in Russia?

Getty Images
Secondo l’ente statale che si occupa della salute dei consumatori, sì. Ma in molte regioni, anche dopo la purificazione, contiene troppi contaminanti che, a lungo andare, possono minare la salute. Per non parlare delle tubature, che spesso risalgono all’immediato dopoguerra e non rispettano le norme sanitarie. Fate quindi attenzione, e seguite i nostri consigli

L’acqua del rubinetto in Russia è sicura e rispetta tutti gli standard sanitari. Il Rospotrebnadzor, il Servizio federale di vigilanza per la sicurezza e la salute dei consumatori, svolge regolarmente analisi dell’acqua in varie città e sostiene che sia del tutto sicura da bere. 

Tutta l’acqua è sottoposta a un processo di purificazione con diversi filtri a sabbia e carbone e infine è trattata con il cloro. In alcune grandi città (Mosca, San Pietroburgo, Rostov sul Don) il cloro liquido è sostituito con l’ipoclorito di sodio per maggiore sicurezza.

In ogni caso, anche dopo la purificazione, non è raccomandabile bere dal rubinetto. In molte regioni, la qualità dell’acqua lascia infatti molto a desiderare: in quella che scorre nella Russia centrale c’è un’alta concentrazione di ferro, in Siberia di silicio e manganese, nella Penisola Jamal troppo calcio, negli Altai troppo solfato. Queste impurità possono causare invecchiamento precoce e problemi con la pelle e con i denti.

Ovviamente uno o due bicchieri non vi metteranno ko. E anche bevendo acqua del rubinetto per un mese vi sentirete probabilmente bene. Ma può contenere dei contaminanti che possono avere degli effetti negativi sulla vostra salute in futuro. Queste sostanze non penetrano nell’acqua solo dalla terra (alcune falde sono inquinate), ma anche a causa delle vecchie tubature negli appartamenti e nelle reti cittadine. La condizione delle infrastrutture è un elemento molto importante. Anche l’acqua più pura di una fonte cristallina passa attraverso migliaia di tubi, prima di entrare nel vostro bicchiere. Nei vecchi edifici le tubature possono essere decrepite e non vale la pena rischiare. Secondo il giornale “Argumenty i fakty” in Calmucchia il 72 per cento degli impianti non rispetta le norme sanitarie, a Novgorod il 55. Molti di questi tubi sono stati piazzati subito dopo la Seconda guerra mondiale e mai sostituiti per mancanza di risorse.

Uno dei produttori russi di filtri ha recentemente pubblicato una mappa della qualità dell’acqua, che mostra i risultati delle analisi nelle varie regioni del Paese e la fonte di approvvigionamento idrico dei vari insediamenti urbani. 

In alcune zone l’acqua può essere bevuta senza patemi. Tra queste: San Pietroburgo, Kursk, l’Adigeja e Mosca. 

Uno degli impianti di purificazione di Mosca

La situazione nella capitale

Ci sono quattro centri di purificazione delle acque a Mosca: le stazioni di depurazione settentrionale e orientale pompano acqua dal fiume Volga, quella occidentale e quella di Rublevo dalla Moscova. Non è certo l’ideale, e per questo è necessario un processo rafforzato di purificazione. L’acqua della Moscova viene ripulita con l’ozono (per eliminarne l’odore ripugnante) e tramite filtrazione a sabbia. E chiunque può controllare la qualità dell’acqua nei vari quartieri della capitale sul sito del fornitoreMosvodokanal.

Ma a dispetto delle dichiarazioni rassicuranti del Rospotrebnadzor, i moscoviti non bevono tanto volentieri l’acqua del rubinetto.

Detto per inciso, se si forma della schiuma nel bollitore, questo non indica sostanze pericolose (che possono essere presenti e non visibili), ma solo un’alta concentrazione di sali di calcio e magnesio, che rendono l’acqua “dura”.

“A Mosca l’acqua è più dura, contiene più calcare”, dice la moscovita Julia Petushkova. “Ma non come ad Ufà (1.350 chilometri ad est di Mosca, ndr), dove ho immediatamente compreso perché il fiume si chiami Belaja Reka, Fiume Bianco. Mi sembra di essere coperta di calcare anche dopo aver fatto la doccia!”. 

Come bere lacqua del rubinetto in Russia in modo sicuro

I russi preferiscono bere l’acqua dopo averla bollita o usare speciali filtri, che possono essere installati direttamente nel sistema idrico domestico o essere delle semplici brocche con filtro.

“È abbastanza sciocco bere l’acqua del rubinetto, io la uso solo dopo il filtro”, dice Valentina Pachomova, di San Pietroburgo. Le dà ragione la moscovita Darja Sokolova: “La utilizzo solo per lessare le uova. Sa troppo di cloro”.

“In generale, l’acqua è ovunque purificata abbastanza da evitare brutte conseguenze”, afferma Julija Petushkova, “Ogni tipo di germi e il color ruggine dipendono dalle vecchie tubature domestiche, ma se avete fiducia nel vostro impianto e amate il sapore del cloro, bevete pure tranquillamente dal rubinetto!”.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale