Lev Vygotskij: come il “Mozart della psicologia” mise le basi per la visione moderna della mente

Yakov Berliner/Sputnik; Russia Beyond
Le sue teorie, sviluppate quasi cento anni fa in Unione Sovietica, hanno avuto un peso enorme in tutto il mondo nel corso del Novecento

Lev Vygotskij (1896-1934) era un uomo dai mille interessi. Aveva occhio per la buona arte, amava il teatro, conosceva la letteratura, parlava diverse lingue, divorava i libri (compresi i testi di Sigmund Freud); scrisse uno studio su Amleto, diresse riviste e fece molto altro, prima che la psicologia diventasse la sua occupazione principale.

Considerato da molti uno degli psicologi più influenti del XX secolo, Vygotskij non studiò mai, formalmente, psicologia. Aveva invece studiato medicina e legge, ed era cresciuto a Gomel, città allora appartenente all’Impero russo (oggi è Homel, in Bielorussia), in una benestante famiglia ebrea.

Studente brillante a detta di tutti, gli fu permesso di entrare all’Università di Mosca, nonostante leggi discriminatorie limitassero allora il numero di ebrei che potevano ricevere un’istruzione universitaria.

Lev Vygotskij con la moglie e le figlie

Nel 1926, mentre già lavorava all’Istituto di Psicologia di Mosca, il trentenne Vygotskij affermò che la psicologia era arrivata a una fase di crisi e che era necessaria una grande soluzione al problema. L’unico modo per affrontare questo problema era attraverso la sistematizzazione dei dati sulla psiche e sul comportamento umano. Era necessario sviluppare una sorta di grande approccio unificato all’analisi della mente umana.

Vygotskij associava tutti i fattori relativi alla comprensione della psiche umana alle sfide dell’educazione di un bambino. “Attraverso gli altri diventiamo noi stessi”, affermava Vygotskij, che è stato soprannominato il “Mozart della psicologia”. Secondo lui, ogni persona, indipendentemente dalla sua età o sesso, è una somma di possibilità non realizzate.

Tre importanti teorie di Vygotskij

1 / Ha lasciato una tesi rivoluzionaria: le capacità innate influenzano lo sviluppo e l’auto realizzazione di un bambino, ma non le determinano.

Vygotskij credeva che i bambini imparassero attraverso l’interazione fisica e che lo sviluppo della psiche fosse guidato e influenzato dal contesto sociale. La sua teoria socioculturale affermava che l’apprendimento è prima di tutto un processo sociale, in cui la società e i genitori giocano un ruolo chiave. Vygotskij è stato il primo, nella Russia post-rivoluzionaria, a riconoscere che ogni bambino ha la possibilità di sviluppo cognitivo. Credeva fermamente che anche i bambini con difficoltà di apprendimento e comunicative potessero fare progressi sostanziali.

“In effetti, la psicologia ce lo insegna da molto tempo, gli insegnanti lo sanno da tanto, ma solo ora questa legge fondamentale è stata formulata con precisione scientifica: un bambino vorrà vedere tutto se è miope e vorrà sentire tutto se ha problemi di udito e vorrà parlare se ha qualche difetto o impedimento nel farlo”

2 / Vygotskij ha creato la teoria della “Zona di sviluppo prossimale” (ZSP), che ha fornito agli psicologi di tutto il mondo un nuovo approccio per valutare e misurare i processi di sviluppo fondamentali.

Secondo Vygotskij, a ogni età, un bambino può acquisire solo una certa quantità di conoscenza. In altre parole, non ci si deve aspettare che un bambino di quattro anni ci batta a scacchi. I genitori, dovrebbero concentrarsi sulla cosiddetta zona di sviluppo prossimale del bambino. Può essere percepita come una sfida che un bambino non può affrontare da solo in questo momento, pur essendo sulla buona strada per farlo.

Le dinamiche di sviluppo dello studente a scuola possono anche essere valutate utilizzando i parametri ZSP. Mentre un bambino può studiare qualcosa da solo, certe cose possono essere affrontate solo con l’aiuto di un genitore o di un insegnante.

“Lo sviluppo è un continuo processo auto-condizionato, non è un burattino guidato tirando due fili. Un bambino emerge come individuo separato solo attraverso l’interazione e una partecipazione attiva alla vita degli altri”.

3 / Vygotskij riteneva un diritto inalienabile del bambino quello di giocare, cosa che la maggior parte degli psicologi considera oggi lo scopo fondamentale dell’istruzione prescolare.

Vygotskij credeva che il gioco potesse stimolare lo sviluppo del pensiero, della memoria, dell’immaginazione e delle capacità di fare. Cento anni fa lo psicologo sovietico aveva previsto ciò che è stato dimostrato oggi: se un bambino non ha spazio per giocare in età prescolare, in seguito può avere problemi di apprendimento.

Il gioco aiuta il bambino ad evolversi. “È una fonte di sviluppo”, riteneva Vygotskij. I bambini possono sviluppare capacità di pensiero futuro, risoluzione dei problemi e ragionamento, giocando. Il gioco è un’attività chiave che aiuta a creare una zona di sviluppo prossimale, motivando la partecipazione, creando piani d’azione in una situazione immaginaria.

Ha aperto la strada alla psicologia moderna

Vygotskij ha lavorato fianco a fianco con Aleksandr Lurija (1902-1977), il padre fondatore della neuropsicologia russa. Insieme hanno condotto una serie di ricerche e spedizioni di ricerca in psicologia dello sviluppo, pedagogia e psicopatologia.

Vygotskij viaggiò all’estero solo una volta, ma i suoi concetti hanno poi avuto fama mondiale. Le sue opere sono state tradotte in decine di lingue. Le opere storico-culturali di Vygotskij sulla relazione tra linguaggio e pensiero e la sua teoria dello sviluppo attraverso azioni e relazioni sono diventate la base della psicologia moderna.

Quando il suo capolavoro, pubblicato postumo nel 1934, “Pensiero e linguaggio” (in russo: “Мышление и речь”; “Myshlenie i rech”) venne pubblicato in inglese nel 1962, le idee di Vygotskij si diffusero in tutto il mondo, e lui ebbe molti seguaci negli Stati Uniti e in Europa. Quando uno di loro, il pluripremiato psicologo americano Urie Bronfenbrenner (1917-2005; era di origini russe, ma aveva lasciato l’Urss all’età di sei anni) si trovò in visita in Unione Sovietica, si avvicinò alla figlia di Vygotskij con una dichiarazione altisonante: “Spero che lei sappia che suo padre è Dio per noi”. Lei era totalmente inconsapevole di quella fama postuma del padre all’estero.

Studenti e stretti collaboratori consideravano Vygotskij un genio. Il pioniere della psicologia sovietica ebbe una vita significativa ma breve. Morì di tubercolosi nel 1934, all’età di soli 37 anni. Una parte significativa del suo lavoro fu pubblicata postuma dai suoi studenti.


La musicoterapia: quelle note che aiutano a guarire 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie