Ecco come rispondere quando i russi vi chiedono “Come va?”

Evgenya Novozhenina/Sputnik
Il “Kak delà” russo è una domanda che presuppone qualcosa di meno protocollare e sbrigativo di un semplice “Bene, grazie” di sfuggita. Abbiamo preparato una guida linguistica per comunicare con amici, conoscenti o semplici compagni di treno

Ai russi piace chiedere informazioni sull’umore altrui: Come ti senti oggi? Come vanno le cose?

Nella cultura occidentale non ci si aspetta una risposta dettagliata, i russi, invece, sono pronti ad ascoltare la storia completa.

1) Breve e informale

C’è una risposta breva alla domanda, “come va?” (“Kak delà?”): “Khoroshò”, che significa “bene”. Ma potete anche dire: “Luchshe vsekh” (“Meglio di tutti”); “Vsjò normalno” (“Tutto a posto”); “Otlichno” (“Alla grande”); e “Kak obychno” (“Come al solito”).

A volte, gli anziani possono rispondere “Vashimi molitvami” (“[bene], grazie alle vostre preghiere”). Spesso tutte queste varianti di risposta sono seguite da “Spasibo, a u vas?” (“Grazie, e lei?”). Queste brevi repliche sono ammissibili tra persone tra le quali non c’è grande familiarità o durante un incontro di affari.

Se invece conoscete bene il vostro interlocutore, o se questi è una persona premurosa, potrebbe considerare una risposta di questo tipo insincera, o pensare che abbiate qualcosa da nascondere. Quando chiede cosa esattamente vada “bene”, dovrete aggiungere qualcosa. Non occorre rendere una piena confessione, potrete limitarvi a dire “bene, ma fa freddo oggi” o aggiungere un’emozione.

2) Parlare delle proprie emozioni

I russi sono persone piuttosto emotive e amano condividere i loro sentimenti. Ecco perché è una buona idea provare a imparare alcune frasi che vi aiuteranno a esprimere le vostre emozioni in russo. La risposta del tipo: “Bene” + un’emozione sarà la variante cortese che è possibile utilizzare per rispondere a “Come stai?”

Per esempio:

“Sono felice” - “Ja rad” (“Ja rada” per le donne). E dovreste aggiungere il motivo per cui siete felici: “Ho una macchina nuova” (“U menjà novaja mashina”); oppure “Ho vinto la lotteria” (“Ja vyigral(a) v lotereju”).

“Sono stanco/a” - “Ja ustal(a)” Anche in questo caso meglio aggiungere il motivo: “Ho lavorato un sacco oggi” (“Ja segodnja mnogo rabotal”).

“Sono preoccupato” - “Ja volnujus”. La causa può essere un “esame” (“eksamen”), o “un viaggio futuro” (“buduschaja poezdka”).

“Sono sorpreso/a” - “Ja udivljon (udivlenà);” o “Sono stupito” - “Ja porazhjon (porazhenà).” Che cosa vi ha stupito? “Un nuovo film” (“Novij film”), o “il nuovo lavoro” (“Novaja rabota”).

“Sono triste” - “Mne grustno”. Perché ti senti così? “A causa del tempo” (“Iz-za pogody”); oppure “Ho sentito una canzone molto triste” (“Ja uslyshal(a) ochen grustnuju pesnju”).

“Ho caldo” – “Mne zharko

“Ho freddo” - “Mne kholodno” Queste ultime sono due frasi che non richiedono il proseguimento della conversazione. Tutti capiscono questa sensazione.

4) L’uso dell’ironia

I russi che si conoscono bene spesso si danno risposte umoristiche che potrebbero non avere senso per gli amici stranieri. Non usate queste frasi con persone che non conoscete molto bene; altrimenti, potreste sembrare scortesi. Queste frasi sono troppo colloquiali.

Pokà ne rodilà” (“Non ho ancora partorito”) - una donna può rispondere scherzosamente in questo modo, il che significa che tutto è ok (fa rima con la domanda “kak delà”).

Kak sazha belà” (“Le cose vanno bene come la fuliggine bianca”) è una battuta scherzosa usata soprattutto dagli anziani, una specie di “peggio di così si muore”.

Vsjò v shokolade” (“Tutto è nel cioccolato”), tutto va alla grande, e lo vuoi mostrare.

Vsjo puchkom” (“Tutto a mazzetto”) - significa che stai bene e ti senti come un mazzetto di aneto; i russi amano l’aneto ed è bello quando le tue cose vanno come un mazzetto.

Ne dozhdjotes” (“Non aspetterete”) - significa che nessuno aspetterà fino a quando una persona fallirà.

5) Siate educati e onesti

A volte, anche gli estranei qui possono comportarsi come migliori amici, specialmente se trascorrete molto tempo insieme. Non sorprendetevi se persone assolutamente sconosciute sul treno condividono il loro cibo con voi o vi chiedono perché non siete sposati o non avete ancora figli; cercate solo di essere educati, anche se non avete troppa voglia di discutere di questi temi.

Potete anche scegliere di raccontare qualcosa di più di voi al vostro interlocutore. Che cosa avete fatto prima di incontrarlo? Come avete trascorso la giornata e che problemi avete nella vita? In Russia, è normale condividere le emozioni private e cercare un modo per risolvere il problema insieme.

Sette errori che potrebbero mettervi in serio imbarazzo quando parlate in russo 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie