Metro Mosca: in circolazione treno dedicato ai cartoni animati sovietici

È stato realizzato per gli 80 anni del più grande studio di animazione sovietico e russo Soyuzmultfilm

Sulle pareti del treno, un disegno tratto dal film &quot;Nu, pogodi&quot;&nbsp;(1969)\nKirill Zykov / Moskva Agency<p>Sulle pareti del treno, un disegno tratto dal film &quot;Nu, pogodi&quot;&nbsp;(1969)</p>\n
Un disegno tratto dal film &quot;Alenkiy Tsvetochek&quot; (1952)\nKirill Zykov / Moskva Agency<p>Un disegno tratto dal film &quot;Alenkiy Tsvetochek&quot; (1952)</p>\n
&quot;Cheburashka&quot; (1971) sulle porte di un vagone della metro di Mosca\nKirill Zykov / Moskva Agency<p>&quot;Cheburashka&quot; (1971) sulle porte di un vagone della metro di Mosca</p>\n
Biglietti della metro a tema per l&#39;anniversario della casa di produzione cinematografica Soyuzmultfilm\nKirill Zykov / Moskva Agency<p>Biglietti della metro a tema per l&#39;anniversario della casa di produzione cinematografica Soyuzmultfilm</p>\n
La versione sovietica di Winnie Pooh\nKirill Zykov / Moskva Agency<p>La versione sovietica di Winnie Pooh</p>\n
Il treno della metro di Mosca decorato per gli 80 anni di Soyuzmultfilm\nKirill Zykov / Moskva Agency<p>Il treno della metro di Mosca decorato per gli 80 anni di Soyuzmultfilm</p>\n
 
1/6
 
La metro si veste di cinema. Per gli 80 anni della nascita del più grande studio di animazione sovietico e russo Soyuzmultfilm, la metropolitana di Mosca ha voluto regalare ai propri viaggiatori una speciale sorpresa: il 29 agosto sulla linea Serpukhovsko-Timiryazevskaya ha iniziato a viaggiare un treno decorato con le immagini dei più celebri cartoni animati sovietici.

La preparazione dei vagoni è costata quasi quattro mesi di lavoro ma ora sulle pareti del treno si possono ammirare i protagonisti de “Il riccio nella nebbia”, “Cheburashka”, “C’era una volta un cane” e molti altri disegni d’animazione divenuti cult.

A completare l’opera, la distribuzione di speciali biglietti della metro (validi per una o due corse) dipinti con i disegni dei più bei cartoni animati sovietici.

Qui la versione originale del testo

Tutti i diritti riservati da Rossiyskaya Gazeta