Un ex banchiere russo ha creato “l’oro digitale”

Reuters
Si tratta di una nuova criptovaluta (tipo Bitcoin) che ha però una base reale di oro, stoccato nei caveau di Singapore, e che, con un particolare algoritmo e la blockchain, risolve un problema economico sollevato per la prima volta da Copernico cinque secoli fa

Nel 2013, quando il bitcoin e le altre criptovalute non erano ancora così conosciute, il professor Vladimir Frolov, un economista ed ex banchiere russo, rimuginava sulla possibilità di creare una piattaforma digitale per la compravendita dell’oro basata sulla tecnologia della blockchain. L’idea di fondo di quello che si sarebbe chiamato “Copernicus Gold” era un tema che interessava da lungo tempo il professor Frolov: la possibilità di creare una valuta basata sulla quantità di oro accantonato.

Per far questo, Frolov doveva risolvere un problema sollevato per la prima volta secoli fa dal matematico polacco Copernico (1473–1543) e poi riassunto dal finanziere inglese Thomas Gresham (1519-1579) con la celebre formula “La moneta cattiva scaccia la moneta buona”. Questa legge sostanzialmente dice che se ci sono due forme di moneta merce sul mercato, per esempio una valuta basata su una determinata quantità di riserve auree e un’altra a corso legale (cioè non coperta da riserve) a emissione illimitata, con il tempo “la moneta buona”, ossia la moneta con più alto valore, quella basata sull’oro, sarà venduta e accumulata, mentre in circolazione resterà la valuta di valore inferiore.

Per affrontare questo problema, Frolov ha proposto la creazione di un sistema dinamico per gestire la quantità disponibile di riserve auree accumulate, a seconda della quantità di domanda. “Il nostro modello matematico valuta la situazione e compra o vende oro dalle nostre riserve nel momento giusto, mantenendo costantemente la liquidità del nostro sistema”, ha detto Frolov a RBC Daily

Dopo il lancio quest’estate a Singapore (la sede russa è invece a Ekaterinburg), Copernicus Gold ha già visto iniettare nel suo sistema circa 4 milioni di dollari di investimenti, e ora chiunque può comprare oro digitale, legato a oro reale conservato in un caveau di Singapore. Secondo gli sviluppatori, i risparmi in oro digitale sono sicuri, qualsiasi cosa accada sul mercato, perché i rischi legati alle fluttuazioni valutarie sono in questo modo rimosse. Al servizio aderiscono al momento un migliaio di persone, e si può pagare in euro o in dollari, e cambiare una valuta con l’altra.

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Leggi di più