Come si pone il governo russo rispetto alle criptovalute?

TASS
La Duma sta studiando una legge per regolare il settore della Tecnofinanza, delle monete virtuali (tipo Bitcoin) e delle Ico (Initial Coin Offering), ma la posizione dell’esecutivo ancora non è univoca

Il governo russo sta studiando l’Ico (Initial Coin Offering, l’Offerta di moneta iniziale) come metodo alternativo per attirare investimenti, e la Duma sta preparando una proposta di legge per regolare le criptovalute (come il Bitcoin), che potrebbe essere pronta entro la fine dell’anno. Tuttavia, non è ancora chiaro come il governo russo si ponga su questi temi, se sia a favore o contrario. 

“Le autorità russe rilasciano dichiarazioni molto incoerenti e talvolta imprecise per quanto riguarda le criptovalute, i Bitcoin e le Ico”, ha dichiarato Cyrill Gilson, direttore di Cointelegraph. “Sembra che il governo non abbia una politica coerente quando si tratta di sviluppo della Tecnofinanza”. 

A volte i commenti dei regolatori russi e della Banca Centrale indicano che il Paese si aprirà alle nuove tecnologie finanziarie, ma il giorno dopo qualcun altro può uscirsene affermando che le criptovalute e la blockchain sono simili alla truffa dello schema Ponzi, e che devono essere vietati. 

Il governo russo crede nelle criptovalute? 

Sembra chiaro che l’establishment russo abbia opinioni diverse sulle criptovalute. Il vice ministro delle finanze Aleksej Moiseev ha affermato che il governo preferisce permettere di acquisire criptovalute “solo a coloro che sono investitori qualificati” e che hanno una “ragione” per utilizzarle. 

“Le sue dichiarazioni sono arrivate solo poche settimane dopo l’annuncio di una società di mining di Bitcoin sponsorizzata dal governo, che mira a sottrarre quote di mercato alla Cina”, ha dichiarato Gilson. 

Anatolij Aksakov, presidente della commissione della Duma sui mercati finanziari, ha recentemente proposto di avviare un programma pilota per il trading di bitcoin negli uffici di cambio russi, grazie ai quali sarebbe possibile attirare investimenti in progetti che sono stati colpiti dalle sanzioni, ad esempio quelli in Crimea. 

Elvira Nabiulina, governatore della Banca centrale russa, è preoccupata anche per il rischio di minare la circolazione monetaria. “Siamo categoricamente contrari all’introduzione di criptovalute come attività monetaria; come una moneta usata per pagare beni e servizi, e siamo contrari a equipararle alle valute estere perché… la valuta estera esiste, è qualcosa di concreto, ci sono Stati che la producono, ci sono economie e banche centrali dietro”, ha spiegato. 

La Russia imboccheràla strada per il futuro? 

I professionisti del mercato crypto credono che i diritti degli investitori in Russia debbano essere protetti.

“Noi sosteniamo la regolamentazione nella sfera dell’Ico, perché attualmente è in una zona grigia in Russia”, dice Natalia Maleva, rappresentante di Waves, un’azienda di Mosca che fornisce soluzioni per il risparmio, il trading, la gestione e il rilascio di asset digitali. “I rischi per coloro che investono in progetti in blockchain dovrebbero essere ridotti”. 

Gilson di Cointelegraph ritiene che il problema che hanno le autorità finanziarie russe con le nuove tecnologie finanziarie è che esse sono decentrate e non possono essere sottoposte a uno stretto controllo. 

“Questo avrebbe senso se la Russia avesse controlli sui capitali simili a quelli della Cina, ma la Russia sostiene di avere politiche liberali a questo riguardo. Il ruolo che la lobby bancaria ha in queste affermazioni contraddittorie non è chiaro, ma non lo escluderei totalmente”, ha aggiunto. 

Come sarà la blockchain della Russia? 

I professionisti del settore non temono che la Russia seguirà Cina e Corea del Sud, che hanno recentemente bandito gli Ico. In Cina, dice Maleva, i regolatori sono motivati ​​dalla volontà di controllare i flussi di cassa. “Tuttavia, dopo lo sviluppo della legislazione in materia di criptovaluta e Ico, i divieti possono essere revocati”. 

In Russia, le autorità stanno studiando pratiche diverse adottate in vari Paesi di tutto il mondo, nonché possibili approcci alla regolamentazione. “Vediamo già come lo Stato sta lavorando su un’infrastruttura digitale che accelererà l’introduzione di una criptovaluta nel campo legale”. 

Gilson non si aspetta che la Russia segua la via della Cina nel vietare Ico e scambi di criptovalute, anche se qualche segno in questa direzione c’è. “Non è chiaro come le autorità intendano impedire ai cittadini di acquistare criptovalute. I passi futuri potrebbero includere blocchi di siti di trading, in linea con abitudini simili da parte delle autorità di regolamentazione negli anni precedenti”, ha detto. 

La Russia ha un grande potenziale per sviluppare nuove tecnologie finanziarie, ma fino a quando non formulerà una posizione chiara su questi temi, rimarrà indietro rispetto ad altri Paesi, come Giappone, Singapore e Regno Unito. 

Nel frattempo, la Duma sta cercando ricercatori per uno studio dettagliato sul tema delle criptovalute, della tecnologia blockchain e delle Ico. Il termine per le candidature è il 10 ottobre. Ogni candidatura sarà valutata entro il 17 ottobre e il vincitore riceverà un pagamento iniziale massimo di 2.498.800 rubli (36.800 euro).

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale