L’Europa attraverso gli occhi e il pennello dei pittori russi

Fin dall’Ottocento, i grandi maestri della tela viaggiarono molto in Italia, Francia e altri Paesi europei in cerca di ispirazione e di nuovi soggetti per le loro opere. Il risultato può essere visto nei più importanti musei della Russia e del mondo

Silvestr Shchedrin (1791-1830)

Il talentuoso Silvéstr Shchedrìn entrò all’Accademia delle arti di San Pietroburgo in giovane età e ricevette una medaglia d’oro e una borsa di studio (“pensione” si diceva allora) per il suo diploma di pittura, grazie alla quale poté viaggiare in Europa. Nel 1818 andò in Italia e ne rimase affascinato così tanto che vi trascorse il resto della sua vita (morì a Sorrento). Era un virtuoso dell’en plein air e sapeva lavorare incredibilmente con i colori e la luce. I suoi quadri con vedute di Roma, Napoli, Sorrento sono conservati nelle principali pinacoteche della Russia e sono innovativi per l’arte russa del primo Ottocento.

Colosseo, 1819

Nuova Roma. Castel Sant’Angelo, 1823-25

Terrazza a Sorrento, 1825

Piccolo porto di Sorrento con vista sulle isole di Ischia e Procida, 1826

Notte di luna a Napoli, 1828

Karl Brjullov (1799-1852)

Karl Brjullóv visse in Italia per molti anni e ha realizzato numerosi dipinti su soggetti italiani (“Mattino italiano” venne donato all’imperatrice Aleksandra Fjodorovna, moglie dello zar Nicola I). Brjullov viaggiò anche in Grecia e Turchia, sempre dipingendo. Il risultato principale dei viaggi dell’artista all’estero è stata la sua tela monumentale più famosa: “Gli ultimi giorni di Pompei”, a cui lavorò dal 1827 al 1833. Brjullov cercò di ricostruire il caos e l’orrore che attanagliarono la città campana durante l’eruzione del Vesuvio del 79 d. C. Il pittore è sepolto a Roma, al cimitero del Testaccio

Mattino italiano, 1823

Una ragazza che raccoglie uva nei dintorni di Napoli, 1827

Gli ultimi giorni di Pompei, 1833

Confessione di un’italiana, 1830

Passeggiata ad Albano, 1833

Mattino greco a Mirak, 1835

Tempio di Apollo Epicureo a Figalia, 1835

Paesaggio sull’isola di Madeira, 1850

Ivan Ajvazovskij (1817-1900)

Il mare era l’elemento principale di Ivàn Ajvazóvskij. Il principale pittore russo di paesaggi marini ha dipinto centinaia di viste della costa russa: lavorava infatti spesso sulle rive della Neva a San Pietroburgo e sul Mar Nero, in Crimea (la sua roccia preferita per l’en plein air è stata persino ribattezzata in suo onore). Ma Ajvazovskij ha anche una dozzina di dipinti della costa veneziana, diversi paesaggi di Napoli, così come della “Costantinopoli turca” (Istanbul). L’artista arrivò fino ai confini dell’Europa, a Lisbona.

Venezia, 1842

Baia di Napoli in una notte di luna, 1840

Vista di Costantinopoli e del Bosforo, 1856

Lisbona. Alba, anni Sessanta dell’Ottocento

Venezia, 1874

Costantinopoli. Tramonto, 1899

Konstantin Korovin (1861-1939)

Uno dei principali scenografi teatrali a cavallo tra il XIX e il XX secolo, Konstantìn Koróvin viaggiò molto alla ricerca di ispirazione. Fu lui a progettare il padiglione russo all’Esposizione Universale del 1900 a Parigi, città visitata più volte. Inoltre, fu fortemente influenzato dagli impressionisti francesi, come si può vedere nei suoi quadri di soggetto parigino. Negli anni Venti, l’artista emigrò dalla Russia sovietica a Parigi.

Caffè parigino, 1890

Hammerfest. Aurora boreale, 1894-95

Vicino al balcone. Le donne spagnole Leonora e Ampara, 1888-1889

Parigi. Cafe de la Paix, 1906

Venezia. Ponte di Rialto, 1908

Parigi. Saint Denis, anni Trenta del Novecento

Ilja Repin (1844-1930)

Altro grande conoscitore di Parigi era l’autore dei “Battellieri del Volga” Iljà Répin. Viaggiando per l’Europa grazie a una borsa di studio dell’Accademia delle arti, Repin non rimase entusiasta di Roma e Raffaello, ma decise invece di stabilirsi nella capitale francese e vi prese in affitto una stanza. Con un lavoro lungo anni nella città romantica per eccellenza, creò il capolavoro “Sadko nel Regno Subacqueo”, e diversi famosi dipinti basati su motivi parigini.

Un venditore di giornali a Parigi, 1873

Caffè parigino, 1875

Ragazzo presso il muro del giardino. Montmartre, 1876

Vasilij Surikov (1848-1916)

Vasìlij Sùrikov divenne famoso principalmente per le sue tele monumentali con scene della storia russa: “Il mattino dell’esecuzione degli Strelizzi”, “Feodosija Morozova”, “La traversata delle Alpi di Suvorov” e molti altri. Meno conosciuti, ma non meno splendidi, sono gli acquerelli che ha lasciato dopo aver viaggiato in Italia e in Spagna.

Milano, 1884

Roma, 1884

Venezia, 1900

Siviglia, 1910

Piazza San Fernando a Siviglia, 1910

Siviglia, 1910

Arles, corrida. 1910


LEGGI ANCHE: Le città della Russia dipinte dai pittori russi 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie