Cinema: “V-2. Escape from Hell”, il nuovo blockbuster russo sulla Seconda guerra mondiale

Timur Bekmambetov, Sergej Trofimov/Bazelevs, Columbia Pictures, 2021
Ci sono almeno cinque buoni motivi per non perdersi il nuovo lavoro del regista Timur Bekmambetov: è il primo film bellico girato in formato verticale per essere guardato sul telefonino e la colonna sonora è interpretata dal cantante dei Rammstein

1 / È basato su incredibili fatti reali

“V-2. Escape from Hell” è ispirato alla storia vera del tenente maggiore di un reggimento dell'aviazione da combattimento, Mikhail Devyatayev, che nel 1944 fu fatto prigioniero di guerra. Inviato in un campo di concentramento sull'isola di Usedom (nel Mar Baltico), fu poi mandato ai lavori forzati nel centro di ricerca militare di Peenemünde, dove i nazisti svilupparono i nuovi jet e missili balistici tedeschi V-1 e V-2. Lavorando ogni giorno a stretto contatto con gli aerei, Devyatayev colse al volo l’occasione per fuggire… 

Uno dei principali consulenti del film è stato il figlio del pilota, Aleksandr Devyatayev, che ha contribuito a rendere la pellicola storicamente più precisa. Tuttavia sono stati aggiunti alcuni dettagli di finzione per un’azione più avvincente. 

2 / Un regista famoso e un produttore di spicco

Il film porta la firma di Timur Bekmambetov, uno dei principali registi russi contemporanei, molto conosciuto anche all’estero. A Hollywood ha lavorato alla produzione di “Unfriended” (2014), “La leggenda del cacciatore di vampiri” (“Abraham Lincoln: Vampire Hunter”, 2012) e a un remake del leggendario “Ben-Hur” (2016). Il suo progetto di maggior successo è “Wanted”, del 2008, con James McAvoy e Angelina Jolie. 

Il produttore di “V-2. Escape from Hell” è Igor Ugolnikov, noto per aver lavorato a film storicamente molto accurati sulla Seconda guerra mondiale come “Fortress of War” (2010), incentrato sull'eroica difesa della fortezza di Brest, che fu la prima a subire i tedeschi il 22 giugno 1941, e al più recente “The Last Frontier” (2020) sul momento più critico della difesa di Mosca, nell'autunno 1941.   

3 / La voce di Till Lindemann, cantante dei Rammstein

La colonna sonora di “V-2. Escape from Hell” è stata interpretata nientepopodimeno che dal cantante dei Rammstein, Till Lindemann, che si è cimentato con una vecchia canzone di epoca sovietica, “Lubimyj Gorod” (Città amata), cantandola in russo!

“Till mi ha offerto di cantare lui stesso questa canzone - ha raccontato il regista Bekmambetov -. Suppongo che sia perché è cresciuto a Rostock, nella Repubblica Democratica Tedesca (RDT). Suo padre aveva trascorso molto tempo in Unione Sovietica, viaggiando e lavorando come autore. Till stesso faceva parte dei giovani pionieri, (tipo “boyscout” di epoca sovietica). Questa canzone gliela cantava sua madre quando era piccolo... Ha scoperto che stavo facendo un film su Devyatayev e che “Lubimyj gorod” sarebbe stato il tema principale. Nella DDR, Devyataev era visto come un eroe e c'è un monumento sull'isola di Usedom. Era stato onorato lì durante il periodo sovietico e dopo l'unificazione della Germania. Così abbiamo preparato un video clip!” 

4 / Hanno usato la tecnologia di “War Thunder”

Per le riprese ci si è affidati alla tecnologia dei videogiochi già testata nei film Marvel e nella serie tv “The Mandalorian”. Per la Russia, si tratta della prima volta. 

Il videogioco multiplayer “War Thunder” ha permesso di rendere più realistici i voli aerei del film, e nella messa in scena dei combattimenti sono stati coinvolti piloti virtuali che hanno combattuto con l'attore protagonista Pavel Priluchnij, che interpreta Devyataev.  

“La geometria delle traiettorie di volo, la velocità e le situazioni di combattimento sembrano molto più realistiche che in altri film di guerra moderni. È bello che [la tecnologia] di ‘War Thunder’ possa essere usata non solo come gioco, ma anche come strumento capace di rendere migliori i film”, ha detto Vyacheslav Bulannikov, produttore di “War Thunder”. 

5 / È il primo blockbuster sulla Seconda guerra mondiale girato in formato verticale

“V-2. Escape from Hell” è uscito sia nel tradizionale formato orizzontale, sia nell'innovativa forma verticale per piattaforme mobili, diventando il primo film al mondo a essere girato in questo formato! 

“Le persone stanno consumando [contenuti] sui loro telefoni cellulari ed è strano che i registi non si preoccupino di questo pubblico”, ha detto Bekmambetov. “Certo, non è quello che abbiamo studiato nelle nostre scuole di cinema. Ma è il mondo di oggi e dobbiamo adattarci”. 

LEGGI ANCHE: Cinque grandi film russi che hanno cambiato la storia del cinema 

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie