Come sarebbero i Simpson se fossero nati in URSS? Ce lo mostra un artista russo

Prokopij Ulyashov
Prokopij Ulyashov ha disegnato i personaggi della celebre serie tv americana come se fossero cartoni animati Made in URSS

Come sarebbero i Simpson se fossero nati in Unione Sovietica? Ce lo racconta l’artista russo Prokopij Ulyashov, 27 anni, che ha rivisitato i celebri personaggi gialli di Matt Groening in chiave sovietica. 

“Il 17 dicembre 1989 è uscito il primo episodio di mezz'ora dei Simpson - ha raccontato Ulyashov su Twitter -. Ho cercato di immaginare come sarebbe stata la famosa scena del divano se si fosse svolta in URSS”.

Ulyashov si è ispirato ai personaggi dei cartoni animati sovietici e ai loro disegnatori, come Eduard Nazarov.

“Ecco la scena del divano dei Simpson in stile Eduard Nazarov (1941-2016), l'autore dei cartoni animati ‘C'era una volta un cane, Martynko’, ‘La principessa e l'orco’ e molti altri. Nazarov è sicuramente uno dei miei animatori russi preferiti”, dice .

“Nazarov è conosciuto soprattutto come il creatore del meraviglioso film ‘C'era una volta un cane’. Il cane si adatta bene alla famiglia Simpson al posto di Piccolo aiutante di Babbo Natale”.

“Ecco i Simpson nello stile di David Cherkasskij (1931-2018), autore dei cartoni animati ‘Le avventure del capitano Wrongel’, ‘Doctor Aibolit’ e altri”.

“È sorprendente che, da bambino, tutti questi personaggi stravaganti e ficcanaso non mi disgustassero affatto. Ho guardato ‘L’isola dei tesori’ per la prima volta quando ero già grande e mi sono scompisciato dalle risate. È un peccato che per mancanza di fondi negli anni Novanta Cherkasskij non abbia fatto più film”.

“I Simpson nello stile di Aleksandr Tatarskij (1950-2007) e Igor Kovalev (nato nel 1954), che hanno creato i cartoni animati ‘Corvo di plastilina’, ‘Ali, zampe e code’ e altri”.

“È interessante notare che Igor Kovalev andò negli Stati Uniti negli anni '90 e lì lavorò nello Studio Clasky Csupo, divenendo uno dei creatori della serie ‘Rugrats’; ha anche lavorato nelle prime stagioni dei Simpsons”.

L'artista pensa che i cittadini americani probabilmente non apprezzeranno l'esperimento tanto quanto coloro che sono cresciuti nei paesi post-sovietici guardando i cartoni animati Made in URSS. Per chi non ha familiarità con l'animazione sovietica, Ulyashov consiglia di iniziare con “Nu, podogy!” e “La regina delle nevi”. 

“Non abbiate paura di provare e sperimentare - dice Ulyashov, rivolgendosi ai propri follower -. È importante credere che qualcuno là fuori abbia bisogno delle vostre idee. Alla fine, ci saranno persone che amano quello che fate”.

Prokopij lavora come specialista di marketing alla Soyuzmultfilm, lo studio di animazione russo con sede a Mosca.

Così come ha raccontato, i Simpson gli sono sempre piaciuti. Ha visto la serie per la prima volta nel 2001 e da allora ha seguito con passione i personaggi di Matt Groening. E anche se i Simpson raccontano perlopiù lo stile di vita americano, secondo Ulyashov affrontano anche temi universali. 

“Questa serie continua a essere sempre molto popolare perché è universale - conclude -. I temi trattati, come i valori della famiglia e la vita in città, sono universali e tutti possono rispecchiarsi”.

LEGGI ANCHE: Tre cartoni animati sovietici da guardare

Per utilizzare i materiali di Russia Beyond è obbligatorio indicare il link al pezzo originale

Scoprite le altre entusiasmanti storie e i video sulla pagina Facebook di Russia Beyond

Questo sito utilizza cookie. Clicca qui per saperne di più

Accetta cookie